fbpx
CinemaDa RecuperareRecensioni CinemaRubriche Cinema

I migliori film del 2023

“L’anno vecchio è finito ormai, ma qualcosa ancora qui non va”, avrebbe detto il compianto Lucio Dalla se fosse stato tra gli autori di Telefilm Central e si fosse accorto che non si è ancora detta la nostra su un argomento immancabile. Fatta la lista delle migliori serie tv italiane e internazionali, manca infatti una analoga per i migliori film del 2023.

Lavoro quanto mai complesso sia perché si rischia di dimenticare qualcosa sia perché il latinorum del “de gustibus non est disputandum” equivale a dire che ogni scelta è opinabile.

Con l’ulteriore complicazione che alcuni titoli sono arrivati nelle patrie sale nel 2023, ma hanno già concorso alle stagioni dei premi del 2022 perché è quello il loro anno di produzione.

Sia quel che sia, accettiamo l’accusa di provincialismo e indichiamo di seguito i dieci film migliori usciti in Italia nell’anno appena salutato. Rigoroso ordine casuale perché, appunto, metterli in una classifica lo lasciamo al cinefilo lettore.

I 10 + migliori film del 2023

Migliori film 2023: As Bestas
Migliori film 2023: As Bestas – Credits: Movies Inspired

As Bestas

Iniziamo da un film che è l’estremizzazione del concetto di cui dicevamo, ma che è anche un piccolo vanto da parte di chi scrive che lo aveva da subito individuato come una sicura promessa. Presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma nel 2022, il film scritto e diretto da Rodrigo Sorogoyen è arrivato in Italia solo ad Aprile 2023 con una distribuzione piuttosto limitata. Un peccato capitale perché impedisce al grande pubblico di godere di un film che vive nella costante tensione dell’attesa di una esplosione emotiva che squasserà il mondo dei protagonisti creando un prima e un dopo inseparabili. Una magistrale prova di scrittura esaltata dalla convincente prova dell’intero cast per una storia sull’incomunicabilità, ma anche l’amore e la resilienza.

Migliori film 2023: Killers of the Flower Moon
Migliori film 2023: Killers of the Flower Moon – Credits: Apple TV+

Killers of the Flower Moon

Nel gioco degli opposti che tanto piace alla memoria associare, ad un film inatteso se ne accoppia un altro come Killers of the Flower Moon, attesissimo già prima che venisse rilasciato il primo scarno teaser trailer. Pochi paesi hanno un passato così ricco di luci splendenti e ombre tenebrose come gli Stati Uniti. E pochissimi possono vantare autori in grado di portarne in scena con sublime maestria i peccati più inconfessabili. Ci voleva un regista come Martin Scorsese per raccontare la pagina nera dello sterminio del popolo Osage. Una nazione indiana colpevole solo di essersi trovata per caso ad essere proprietaria di quell’oro nero che da sempre ha attirato l’attenzione ingorda ed omicida degli eredi di George Washington.

Una ferale epopea portata sullo schermo con lucida onestà da un cast all star in un’opera fiume della durata di tre ore e mezza. A brillare inevitabilmente è il duo Leonardo Di Caprio – Robert De Niro in quello che è anche l’incontro generazionale tra i due attori feticcio del regista italo – americano.

Migliori film 2023: Oppenheimer
Migliori film 2023: Oppenheimer – Credits: Universal

Oppenheimer

Più atteso del film di Scorsese, era forse solo la nuova opera di Christopher Nolan anche se a fare da traino è stato un fenomeno alquanto singolare. Non ne avrebbe avuto, comunque, bisogno Oppenheimer incentrato sulla figura del fisico statunitense unanimemente considerato il padre della bomba atomica (ma non fu solo quello come potete leggere in questo approfondimento). Fedele alla sua poetica, Nolan sviluppa la storia su tre linee temporali che si intersecano per mostrare il dramma di un uomo che donò all’uomo il potere di distruggere sé stesso e il mondo intero nella speranza che lo usasse per il bene supremo della pace. Un errore fatale che espiò cercando il perdono indossando la corona di spoine dell’umiliazione che altri vollero imporgli. Un film epocale sorretto dallo sguardo magnetico di Cillian Murphy e la mefistofelica bravura di Robert Downey Jr.

LEGGI ANCHE: Oppenheimer e l’impossibilità di domare il genio della lampada

Migliori film 2023: Barbie
Migliori film 2023: Barbie – Credits: Warner Bros

Barbie

Sembrava impossibile eppure il meraviglioso mondo dei social è riuscito a rendere inseparabili due film radicalmente diversi come le ultime fatiche di Christopher Nolan e Greta Gerwig. Merito del Barbienheimer, quella strana accoppiata dovuta all’uscita contemporanea (nel mondo ma non in Italia) del cupo Oppenheimer e del coloratissimo Barbie. Un film che è riuscito nella mirabile impresa di essere un felice connubio di opposti. L’allegria scanzonata e a tinte pastello di una commedia spassosa retta da un Ryan Reynolds su di giri e il messaggio femminista declamato da una America Ferrera alter ego della regista attivista.

Il tutto in un pastiche coloratissimo che fa convivere la critica severa al patriarcato con le gag demenziali di parodie spinte all’eccesso, l’esaltazione del ruolo della donna con il mondo fasullo tutto feste e meraviglie dell’iconica bambola. Con l’innegabile plus di una Margot Robbie perfetta nel suo essere Barbie vivente e, cosa più importante, pensante.

LEGGI ANCHE: Barbie ovvero il femminismo a tinte rosa pastello

Migliori film 2023: C'è ancora domani
Migliori film 2023: C’è ancora domani – Credits: Vision Distribution

C’è ancora domani

Da un femminismo all’altro. Dal mondo colorato di fantasia di Barbie alla Roma in bianco e nero dell’immediato dopoguerra in cui Paola Cortellesi ambienta il suo C’è ancora domani. Sicuramente il film rivelazione di questo 2023 visto lo strabordante successo (di pubblico e critica) dell’esordio alla regia dell’attrice e comica romana. Merito di un film arrivato al momento giusto per proporre una via diversa e complementare al femminismo militante della Gerwig. Una storia che vive nel nostro passato per ricordare al presente quanti passi ci siano ancora da fare sulla strada verso una vera uguaglianza di diritti tra uomo e donna. Ma che, al tempo stesso, mostra come ogni piccola conquista vada celebrata e riconosciuta come stimolo e promessa da mantenere per un domani che aspetta solo di essere raggiunto.

E tutto questo senza neanche citare le qualità filmiche (regia, recitazione, fotografia) di quella che sorprende essere solo un’opera prima.

LEGGI ANCHE: C’è ancora domani e per ricordarcelo dobbiamo guardare a ieri

Migliori film 2023: La Chimera
Migliori film 2023: La Chimera – Credits: RAI Cinema

La Chimera

Restiamo in Italia per celebrare la nuova fatica di Alice Rohrwacher che porta in sala un film che aveva già riscosso l’unanime plauso della critica sia al Festival di Cannes che alla Festa del Cinema di Roma. Ambientato nella Tuscia degli anni Ottanta nel mondo illegale dei tombaroli toscani, La Chimera è un film sempre al limite di dissolversi nell’aria sottile come un sogno prima dell’alba. La storia di Arthur si muove in un’aura poetica dove una quotidianità decadente, fatta di auto scassate e lidi sporchi, si mischia con l’atmosfera fatata di tombe etrusche ritrovate e luoghi abbandonati meravigliosamente ricchi di arte. Un mondo etereo dove il presente sembra voler celebrare il passato perduto invitando alla ricerca di una grandezza prima interiore e personale piuttosto che esteriore e oggettiva. Un film che è poesia in immagini da vedere per perdersi nel trascendente invece che affondare nell’immanente.

LEGGI ANCHE: Pillole dalla Festa del Cinema di Roma

Migliori film 2023: Spider - Man: Across the Spider - Verse
Migliori film 2023: Spider – Man: Across the Spider – Verse – Credits: Sony Animation Pictures

Spider – Man: Across the Spider – Verse

Lasciamo l’Italia e il pianeta Terra per planare nel regno dell’animazione da cui arriva Spider – Man: Across the Spider – Verse, secondo capitolo della trilogia dedicata alla versione Miles Morales dell’arrampicamuri di quartiere. Un film che ha un unico difetto. Dopo due ore e venti si esce dalla sala con la voglia di rientrarci subito perché troppo fantastica è stata l’esperienza. Un difetto che, ovviamente, è il miglior indizio di quanto questa seconda fatica di Phil Lord e Christopher Miller si meriti a piene mani il titolo di capolavoro. Spider – Man: Across the Spider – Verse conserva le mirabili qualità visive del suo predecessore. Ma fa anche di più. Le porta ad un nuovo livello e le arricchisce sia di innovazioni artistiche che di nuove contaminazioni con media differenti.

Il tutto al servizio di una trama adrenalinica sorretta da una sceneggiatura priva di buchi capace di affrontare temi profondi. Il rapporto genitori – figli. La relazione tra maestri e allievi. Il contrasto tra libero arbitrio e destino. Oltre alla profonda comprensione del significato delle grandi responsabilità da grandi poteri. Il miglior film di Spider – Man? O il miglior cinecomic in assoluto? Difficile trovare anche solo un motivo per non rispondere si ad entrambe le domande.

LEGGI ANCHE: Spider – Man: Across the Spider – Verse – la recensione

Migliori film 2023: The Whale
Migliori film 2023: The Whale – Credits: A24

The Whale

Da un personaggio che può volare leggero ad uno che proprio non può. Perché il Charlie protagonista di The Whale è bloccato in casa dai suoi 300 kg che lo stanno portando ad una inevitabile morte. Arrivato in Italia a fine Febbraio 2023, il film di Darren Aranofsky è, in verità, del 2022. Ed ha anche fruttato la statuetta come migliore attore protagonista a Brendan Fraser. Accompagnato da discutibili accuse di grassofobia (tema affrontato qui dal sottoscritto ma con risposte non condivise da tutti in redazione), il film è il ritratto di un uomo profondamente buono che ha deciso di punirsi per l’unica volta in cui ha scelto sé stesso invece che le persone a cui voleva bene.

Una decisione dettata dall’amore per una terza persona, ma che ha finito per generare solo dolore. Perché non è basta a salvare chi si amava ed ha segnato la vita di altri innocenti che a lui si erano affidati. Un calvario doloroso percorso fino alla fine senza mai perdere la fiducia nell’uomo stesso. Nel lato meraviglioso che esiste in ognuno di noi e che può sempre essere trovato. Anche sotto centinaia di chili di grasso o quintali di falsi moralismi o tonnellate di cinico disprezzo.

LEGGI ANCHE: The Whale – la disperata fiducia di chi non sa perdonarsi

Migliori film 2023: Foglie al vento
Migliori film 2023: Foglie al vento – Credits: Lucky Red

Foglie al vento

Arriva in sala proprio nell’ultima settimana utile (il 21 Dicembre) il penultimo titolo di questa lista. Foglie al vento di Aki Kaurismaki è una conferma delle qualità eccelse del maestro finlandese ed anche una stilettata agli stereotipi che vogliono i finnici essere persone troppo gelide per scrivere storie d’amore. Lo fanno, invece, ma in un modo tutto loro. Scegliendo, ad esempio, due protagonisti come Holappa e Ansa, due personaggi trascinati come foglie secche dal vento di eventi che subiscono. Lavori precari, meschinità altrui gratuite, solitudini accettate con rassegnazione, desideri abbandonati per mancanza di ogni capacità di sognare. Un approccio minimalista alla vita. Riflesso anche in una relazione amorosa che potrebbe nascere, ma che viene lasciata in balia del caso. Perché nessuno dei due sente di avere il diritto di sperare.

Un film romantico e tenero che dilata quei momenti magici in cui i sentimenti stanno nascendo e trasformandosi da pensiero in azione.

Migliori film 2023: Beau ha paura
Migliori film 2023: Beau ha paura – Credits: A24

Uno a scelta

Chiudiamo non con un decimo titolo, ma con una lista di film che avrebbero tutti meritato di essere inclusi in questo elenco. Ognuno per un motivo diverso, ma anche ognuno privo di quel quid in più tale da fargli allungare il collo per passare da vincitore al foto finish.

– Beau ha paura:

Joaquin Phoenix al servizio di Ari Aster in un film difficile da seguire in cui è comunque piacevole perdersi tra labirinti di ricordi, viaggi immaginari in futuri possibili, foreste di rimpianti e sentieri di luminose speranze.


Gli Spiriti dell’Isola:

altro titolo del 2022 arrivato da noi in ritardo con la storia, scritta da Martin McDonagh, dell’impossibilità di accettare la fine dell’amicizia tra i personaggi di Colin Farrell e Brendan Gleeson quando essa stessa era l’unico motivo per cui i due amici vivevano.

Guardiani della Galassia – vol. 3:

l’ultimo capitolo delle avventure di Starlord e soci in quello che è probabilmente l’unico cinecomic da salvare di un anno che ha visto andare in crisi questo genere per colpa di Marvel e DCU, ma non di James Gunn che qui dice addio alla Casa delle Idee per passare proprio alla storica rivale.

Io Capitano:

il film con cui Matteo Garrone proverà a riportare l’Italia nella cinquina dei candidati all’Oscar per miglior film internazionale grazie alla drammatica storia di due ragazzi in fuga dal Senegal in un viaggio fatto di dolore e speranza, orrore e sogni.

LEGGI ANCHE: Io Capitano – il tentativo di uno sguardo diverso al dramma dell’immigrazione

Maestro:

Bradley Cooper torna dietro la macchina da presa e lo fa ancora per una storia ambientata nel mondo della musica, ma scegliendo stavolta di raccontare la tormentata relazione coniugale tra Leonard Bernstein e Felicia Montealegre che accettò l’omosessualità e i tradimenti del marito per non spegnere la musica che solo lui poteva ascoltare e poi creare per regalarla al mondo.

Winny Enodrac

In principio, quando ero bambino, volevo fare lo scienziato (pazzo) e oggi quello faccio di mestiere (senza il pazzo, spero); poi ho scoperto che parlare delle tonnellate di film e serie tv che vedevo solo con gli amici significava ossessionarli; e quindi eccomi a scrivere recensioni per ossessionare anche gli altri che non conosco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio