Recensioni

True Blood: recensione dell’episodio 6.06 – Don’t you feel me

Death, Sex & True Blood!

Questa sesta stagione mi piace e mi sento in colpa perché non sento la mancanza di Alan Ball.
Le storyline di Billith e Warlow proseguono in maniera poco prevedibile, soprattutto nel caso della fata-vampiro, e la guerra tra umani e vampiri che fa da sfondo diventa sempre più avvincente. Se poi ci aggiungi un paio di morti e del sesso sfrenato hai fatto il tuo dovere di sceneggiatore e hai scritto una buona sesta puntata di True Blood.

Lo scorso episodio si era bloccato con due scene importanti: da un lato Dadfayette che cercava di annegare la piccola Sookie, dall’altro Eric e Pam messi a dura prova nel centro di detenzione per vampiri.

Sookie & Warlow

true-blood_606 (1)

Visto che la storia si ripete, la dolce innocente Sookie viene salvata per la seconda volta da Warlow, che non appare più, a noi e a lei, il cattivissimo essere che ci aspettavamo. Rifugiatisi dove Bill non può raggiungerli, i due cominciano a conoscersi meglio. Warlow sembra, nonostante tutto, un essere buono, una creatura di luce. Peccato debba essere legato perché l’oscurità si avvicina e il suo lato da vampiro sta per prendere il sopravvento.

Così legato ad una statua di un angelo (ma lo sapevamo già che la luce di fata è utile anche come collante o l’abbiamo scoperto solo ora?) si confida a Sookie e la ragazza, come sappiamo, non riesce a resistere ad un essere sovrannaturale dal cuore tenero. E vai col sesso sfrenato in mezzo alla foresta, con lui legato e luce di fata in ogni dove. Mia cara, è proprio vero che sei una danger whore. Non ti lamentare se le voci girano.

Al centro di detenzione per vampiri…

Eric e Pam si capiscono al volo ed uccidono in sincrono tutti i cecchini che li tenevano a tiro. Il legame tra maker e figlia è indissolubile, non importa se lui l’ha liberata, si ameranno per sempre. Ma il Governatore vuole ancora vendetta e fa iniettare a Nora dell’Epatite V, per far provare ad Eric cosa significhi perdere una persona amata.

Ed è proprio nel momento di maggiore bisogno che Mr. Northman ricorda di avere un’altra figlia su cui contare. Così Willa, ‘chiamata’ dal suo maker riesce a liberarli ed è pronta ad aiutarli per liberare i loro amici, grazie anche ad un corso accelerato da vampiro provetto fornitole da Tara. Mi piace questa ragazza!

Non è però così semplice come credono; infatti Eric scopre che il True Blood che stanno producendo è contaminato e sarà presto distribuito, prima a tutti i prigionieri e poi messo in commercio. Sarà la fine per la razza dei vampiri?

Intanto Jason entra a far parte della LATV per salvare Jessica, ma purtroppo incontra Mrs Newlin  che sa bene qual è il suo punto debole. Che triste la scena della sala di studio della copulazione tra vampiri ed ancora più triste è il fatto che Jessica cerchi di punire se stessa per quello che ha fatto alle fate. Che arrivi a volersi suicidare?

true-blood_606 (2)E Billith?

Preoccupato per la sua progenie scomparsa, Bill è costretto a farsi indurre un coma per parlare con Lilith, la quale gli suggerisce, anche se un po’ cripticamente, il prossimo passo, nonostante si sia rotta un po’ le scatole di come lui sta gestendo la situazione. Billith, potenziato dal sangue di Warlow, esce alla luce del Sole come se niente fosse e va a fare una strage al Vamp Camp, staccando a morsi la testa del Governatore. Chi prenderà il suo posto? Mrs Newlin?

Intanto a Bon Temps…

L’unica figlia di Andy sopravvissuta al massacro di Jessica chiede al padre di darle un nome. Number Four era poco pratico in effetti, e finisce per averne 4, uno per ognuna delle sorelle.

true-blood_606 (4)Infine, parliamo della seconda morte dell’episodio, quella che sicuramente mi ha colpito di più. Mi è sempre piaciuto Terry, con la sua stravaganza e i suoi modi dolci ma strani. E lui e Arlene in fondo erano carini insieme, di certo era lui il mio preferito della coppia. È anche vero che con la storia della guerra ci aveva un po’ stufato, perché non c’entrava niente con tutto il resto (però è stato un modo per vedere Scott Foley in TB e questo è un punto a favore). Insomma, Terry mi piaceva ma non a tal punto da piangere o rattristirmi tanto per lui. Mi preoccupa di più Arlene che nella vedovanza sarà ancora più fastidiosa.

Quasi dimenticavo la questione Mutaforma vs Lupi: le cose sembrano essersi risolte, visto che Sam ha finalmente decido di affidare Luna alla nonna. Ma davvero voleva crescere una bambina non sua, figlia di una con cui è stato a letto un paio di volte? C’mon! Speriamo che la tipa che ora sta con lui di cui non voglio neanche ricordare il nome faccia la sua uscita perché è davvero irritante!

Best quote dell’episodio:

“There’s a town consensus about what kind of girl I am…. They call me a danger whore.”

Comments
To Top