Flash (The)

The Flash: Recensione dell’episodio 1.22 – Rogue Air

“Flash vanishing in crisis” recita il titolo a nove colonne sulla prima pagina del giornale del futuro che Wells ha più volte consultato nella sua “stanza del tempo” per controllare che tutto procedesse secondo i suoi misteriosi piani. “Crisi sulle terre infinite” è, invece, il nome del più grande crossover che la DC Comics, madre di personaggi come Superman, Batman, Wonder Woman, Lanterna Verde, pubblicò per rimettere ordine nel mare magno delle sue testate. Facile immaginare che il termine “crisi” ricorrente stia ad indicare come i due eventi siano collegati. Senza voler spoilerare nulla, è chiaro comunque quanto importante sarà il ruolo giocato da Flash in queste storie per cui non sorprende che la serie tv dedicata allo speedster scarlatto sia nata come uno spinoff di “Arrow”, ma il suo protagonista sia destinato ad essere qualcosa più che una buona scusa per una riuscita operazione commerciale.

TheFlash1x22BarryPerché l’affollato universo DC non è certo povero di eroi, ma tra tutti loro alla fine solo uno poteva essere il prescelto per il destino importante che lo aspetterà. “Rogue Air” potrebbe essere letto come il pre season finale di “The Flash” e giudicato in quest’ottica considerando come si inserisce nella continuity della serie e l’importanza che ha quel che accade. Ma paradossalmente potrebbe anche essere letto come una quasi didattica introduzione ad un futuro che non sappiamo ancora in che termini verrà realizzato. La storia di Barry che prima decide di fare di testa sua cedendo ad una improbabile alleanza con il sempre astuto Leonard Snart per poi cadere ed infine risorgere e vincere è un ottimo modo di far schizzare alle stelle l’hype per il finale di stagione.

Ma l’aspetto più importante dell’episodio è quello che vuole lasciar intendere. The Flash è Barry Allen e Barry Allen è, prima di tutto, un ragazzo. Un giovane scienziato che ha avuto una vita segnata da un doppio trauma dal quale è riuscito a rialzarsi grazie al più umano dei superpoteri, l’amore di una famiglia. Uno spensierato nerd che è riuscito a fare delle sue passioni il suo lavoro senza mai smettere di credere nell’innocenza del padre ingiustamente detenuto. Un coraggioso ingenuo che ha avuto l’inimmaginabile fortuna di essere l’impossibile che diventa realtà, ma ha colto quest’occasione per mettersi al servizio degli altri invece che di sé stesso. Un innamorato frustrato che non ha mai permesso che il suo egoistico io prevaricasse il bene della sua amata anche quando questo significava rinunciare a lei. Un principe dei buoni che riesce a percepire come suoi simili anche quei cattivi che infallibilmente combatte, ma per i quali è disposto a tradire sé stesso pur di rispettare la sacralità di ogni vita.

Rogue AirBarry non è una divinità distante che si abbassa a mischiarsi con esseri a lui inferiori che finisce per amare come Thor. Non è un Tony Stark che fa della sua spavalda intelligenza l’occasione per farsi ammirare da coloro che protegge riservandosi di obbedire o meno ai comandi di altri. Neanche ha l’abnegazione patriottica di un Captain America che ha fatto della fedeltà alla sua patria la ragione prima del suo sfidare gli avversari del suo popolo. Non ha l’atteggiamento ambivalente di un Daredevil che combatte il male senza aver paura di ricorrere alla stessa violenza dei suoi nemici riuscendo a camminare con mirabile abilità sul confine tra bene e male. Non è nemmeno come il suo amico e consigliere Oliver Queen la cui forza affonda le sue radici in una cupa determinazione.

Barry semplicemente e coraggiosamente è un essere umano che ha deciso di percorrere sempre la via del bene. Ed è questa la sua vera e unica forza. Non la super velocità perché a nulla gli è valsa quando Snart lo ha ingannato. Non un egoistico desiderio di primeggiare perché nessuna delle sue vittorie sarebbe stata possibile senza il fondamentale contributo di Cisco e Caitlin. Non una acritica fiducia in sé stesso perché ha sempre avuto bisogno di Joe per ottenere quella sicurezza che gli ha permesso di non arretrare di fronte alle difficoltà. Barry è incompleto, a volte acerbo e immaturo, ma è la mosca bianca in un mare di mosche nere. Bianca perché pura. Ed è questo che “Rogue Air” vuole sottolineare: Barry non è un eroe; Barry è l’eroe.

TheFlash1x22SnartUn messaggio sottile che può essere difficile cogliere subito perché troppi e troppo gustosi sono gli eventi di questo episodio. Il ritorno imprevisto di Captain Cold e di sua sorella Golden Glider e la successiva fuga dei meta umani superstiti aprono interessanti scenari per il futuro lasciando intendere che il carismatico Snart ha la possibilità ora di arricchire il suo arsenale privato con i poteri degli evasi che in qualche modo dovranno ringraziarlo. La prossima stagione potrebbe quindi mondarsi delle pecche che questa ha avuto quando si è trovata a proporre casi della settimana che, essendo slegati l’uno dall’altro, dipendevano troppo dalle capacità degli attori che interpretavano il villain di turno. Non più, quindi, criminali isolati, ma una possibile organizzazione ben strutturata e resa ancora più pericolosa dall’acume tattico del suo leader. Sebbene sia improbabile che Snart e soci compaiano nel finale di stagione, probabile che la prossima serie li veda più che semplici comparse richiamate ad hoc.

TheFlash1x22TrioFinale di stagione che si aprirà sicuramente laddove si è chiuso questo episodio. L’imprendibile Reverse Flash non è più tale perché per la prima volta è stato Barry ad essere un passo avanti ad Eobard Thawne. Consapevole di non poterlo battere da solo, Barry rinuncia alla lotta solitaria e chiede aiuto a ben due prestigiosissime spalle: un ancora più cupo Oliver Queen e il redivivo Firestorm. Sebbene la comparsa dei due supereroi sia un poco forzata dato che erano entrambi dati per scomparsi senza lasciare traccia, il loro team up è comunque ben gestito così come ben sceneggiato è il combattimento con Reverse Flash (con l’idea di depotenziarlo grazie ad una invenzione di Atom). Proprio l’aver reso credibile la sconfitta di Wells nonostante i suoi poteri nettamente superiori alla somma delle capacità dei singoli avversari è il maggior merito di chi ha ideato questa imprevedibile conclusione della fuga di Eobard.

“Rogue Air” sarebbe potuto essere anche un finale di stagione con il cattivo che viene finalmente catturato e l’eroe che trionfa. Ma “The Flash” ha spesso sovvertito l’ordine classico degli episodi di una serie tv mettendo rivelazioni eclatanti in puntate che ci sarebbe aspettati di transizione. Come tenere a controllo ora l’hype per il finale di stagione ?

Per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su The Flash vi consigliamo di seguire la pagina The Flash Italia, You can inspire people.ϟ ARROW & the FLASH ϟ

Comments
To Top