fbpx
News Serie TVSerie Tv

The Vampire Diaries: 25 cose che forse non sapete sulla serie TV

Con otto stagioni, uno spin off e oltre 171 episodi che lo hanno reso la serie Tv sui vampiri più longeva di sempre, The Vampire Diaries ha davvero lasciato il segno anche grazie ad un fandom molto appassionato. Che siate stati #TeamStelena o #TeamDelena forse ancora non sapete alcune delle curiosità che abbiamo raccolto per voi in questo articolo. Pronti ad affondarci i denti?

Ecco 20 curiosità su The Vampire Diaries che potreste non conoscere su The Vampire Diaries

Dove è stato girato The Vampire Diaries

L’episodio pilota della serie fu girato in Canada ma il resto degli episodi è stato girato in Georgia, a causa delle agevolazioni fiscali offerte dallo Stato americano. Nina Dobrev, leader dello show, è canadese mentre gli attori: Ian Somerhalder, Paul Wesley, Kat Graham e Candice Accola sono statunitensi.

Differenze d’età tra gli attori

Nella serie il personaggio di Nina Dobrev, Elena Gilbert, è la sorella maggiore di Jeremy (Steven R. McQueen) ma nella vita reale, Nina, è più giovane di lui di 6 mesi. Sara Canning, che ha interpretato la zia di Elena, ha la stessa età dell’attrice Candice Accola, entrambe nate nel 1987. Le più giovani dello show restano Nina DobrevKat Graham, nate nel 1989, mentre il più ‘anziano’ del cast fisso è Ian Somerholder, nato nel 1978.

The Vampire Diaries curiosità

Dawson sarebbe potuto essere un vampiro

L’attore famoso per aver interpretato il ruolo da protagonista per Dawson in “Dawson’s Creek” , James Van Der Beek fece un casting per ottenere un ruolo in TVD ma non riuscì ad ottenere la parte. Sembra che la sfortuna perseguiti l’ex abitante di Capeside, dal momento che nessuna delle sue serie riesce ad avere successo: Don’t trust the B***h in the Apartment 23 è durato soltanto due stagioni, mentre Friends with better lives è stato cancellato dopo la messa in onda dei primi episodi.

Un cast cosmopolita per The Vampire Diaries

Molti del cast parlano diverse lingue. Nina Dobrev parla il Bulgaro, Paul Wesley conosce il Polacco mentre Kat Graham è fluente in ben 4 lingue: l’inglese, lo spagnolo, il francese e l’ebraico. Dalla comic-con di quest’estate avvenuta a San Diego si é potuto verdere come Ian si sia cimentato a parlare l’Italiano in una scena comica assieme al collega e come lui sottolinea a dire, fratello, Paul Wesley. Video:

“Arrow” Vampiro

L’attore di Arrow (Stephen Amell), si è presentato diverse volte per le audizioni di TVD ed é stato scelto come personaggio della serie per ben due episodi come Brady. Brady era l’amico di Mason Lockwood che era in buoni rapporti con Jules. Anche questo personaggio é finito nella chilometrica dead-list di Stefan Salvatore ed é stato fatto fuori.

Nina Dobrev ha rischiato di non essere Elena

Il network della CW voleva Ashlee Simpson per il ruolo di Elena. Fiuu, per fortuna l’abbiamo scampata! Nina è stata perfetta per il ruolo di Elena.

Paul Wesley crede nei fantasmi.

Ha raccontato al magazine “Girlfriend” di aver visto un fantasma. L’attore racconta di averlo visto quando era assieme alla sua famiglia a Rhode Island a Cape Cod. Si era svegliato e aveva visto una donna in piedi con le braccia incrociate fuori dalla finestra. Si rese conto che la donna non faceva parte del gruppo e quando tentò di chiamare aiuto, la donna scomparve. Paul aggiunge: ero molto confuso e non mi resi conto che era una fantasma prima di allora ma da quel punto di vista ero spaventato.

The Vampire Diaries curiosità
The Vampire Diaries curiosità

Ian Somerhalder voleva proprio essere un vampiro

L‘attore fece un’ audizione per “True Blood” prima di diventare Damon Salvatore. L’attore ama il genere fantasy e sopratutto i vampiri e per ottenere la parte ha fatto di tutto. Era in un altra città assieme alla sua allora, attuale ragazza, quando l’agente l’ha chiamato dicendo di presentarsi l’indomani con nove pagine dello script a memoria. Il povero Ian che era a Las Vegas é partito in macchina, ha legato col nastro le pagine dello script  sulla macchina ed ha così potuto lavorare sul materiale mentre la sua ragazza dormiva. L’attore rassicurò che non era stato pericoloso e che era un buon guidatore.  Come ben sappiamo la parte di Damon la ottenne e l’attore in un intervista raccontò che ci era rimasto molto male per non essere stato scelto da Alan Ball e che difatti non guardava True Blood dalla delusione.

LEGGI ANCHE: Film con vampiri: cinque modi diversi di guardare allo stesso mito

In tanti hanno provato ad aggiudicarsi il ruolo di Damon

Se Ian fosse stato preso in “True Blood” forse avremmo visto al suo posto uno fra questi gentiluomini: Paul Wesley, ZachRoerig o Michael Trevino. Se non fosse stato Ian, chi avreste preferito fra i tre?

I titoli degli episodi dell’ottava stagione sono un omaggio

Tutti gli episodi della stagione 8 prendono il titolo da citazioni della prima stagione.

Mentre quelli della sesta…

Tutti gli episodi della sesta stagione sono i nomi di canzoni degli anni ’90. Le eccezioni sono gli episodi “Bird In A Guilded Cage”, “I Never Could Love Like That”, “I’ll Wed You in the Golden Summer Time”, “I’m Thinking Of You All The While” erano i titoli delle canzoni dall’anno 1903.

Vampiri a fumetto

Come molte altre serie televise anche per The Vampire Diaries la Dc Comics ha rilasciato un  fumetto ispirato alla serie (2013). Gli ideatori fan della saga sono: B. Clay Moore e Collen Doran.

Scream Queen

L’attrice canadese Neve Campbell protagonista dei ben quattro film “Scream”, doveva essere la madre di Elena, Isobel FleCmming.

Il film che è per lo più una satira dei film horror è stato scritto da Kevin Williamson.

Blood Driven

La croce rossa è stata ispirata da The Vampire Diaries con lo slogan: “sfama un vampiro, dona il sangue!” Slogan benefico-pubblicitario migliore non esiste.

the vampire diaries
The Vampire Diaries curiosità

La gravidanza di Candice

La trama di Caroline che diventa una madre surrogato dei gemelli di Alaric e Jo è stata creata per gestire la gravidanza nella vita reale di Candice King.

Serei TV e libri

00268985_b

La serie televisiva è ispirata dalla saga di Lisa J. Smith. La serie di romanzi urban fantasy è iniziata nel 1991 ed è stata in seguito proseguita da altri autori. I romanzi sono divisi per 4 cicli con spin-off su Stefan Salvatore.

Le differenze tra serie e libri di The Vampire Diaries

La serie ha apportato modifiche significative rispetto ai romanzi su cui è basata, come ad esempio: l’aspetto e la personalità di Elena (nei romanzi è bionda ed è una ragazza popolare a scuola), la storia ambientata negli anni 2000 e non negli anni ’90 (nel libri, Stefan sfoggia i capelli lunghi, a cui si fa riferimento nella serie), il nome della città (nei libri, la storia è ambientata a Fell’s Church, mentre la città si chiama Mystic Falls nella serie); Elena ha invece un fratello su una sorellina; gli angeli fanno parte dei romanzi ma non compaiono mai nello show; Il diario di Elena ha una parte più significativa nella trama dei libri.

Meredith Sulez è un personaggio importante nei libri, ma è stata esclusa dalla serie TV. In un’intervista con The Hollywood Reporter, Julie Plec ha rivelato che il personaggio era presente in una prima bozza della sceneggiatura del pilot, ma è stata poi rimossa perché sembrava ci fossero troppi personaggi.

LEGGI ANCHE: Damon Salvatore: 10 delle migliori frasi del personaggio di The Vampire Diaries in GIF

Ashley Tisdale rifiutò una parte per lo show

E si pente molto ora di averlo fatto. La star di High School Musical dopo la fama del film si vede raramente ma ha interpretato, un ruolo nella serie Clipped e nel film Charming. Nonostante nel libro Elena sia bionda, non possiamo lamentarci della nostra Elena e della diabolica Katherine interpretata da Nina Dobrev, seppur mora che sia.

the vampire diaries curiosità
The vampire diaries curiosità

Non è stato facile trovare l’attore giusto per Klaus

Il casting per Klaus ha richiesto così tanto tempo che l’introduzione del personaggio nello show ha dovuto essere ritardata. Per sostituire Klaus negli episodi in cui doveva apparire per la prima volta, è stato creato il personaggio di Elijah. (Elijah è una creazione dello show. Klaus è l’unico membro della famiglia Mikaelson ad aver avuto origine nei libri originali di L.J. Smith.)

Originariamente Klaus doveva morire alla fine della stagione 3

Ma il suo destino è stato cambiato poiché si è sentito che c’era molto da esplorare sulla famiglia Mikaelson. Questo ha portato allo spin-off The Originals (2013).

Nina Dobrev si moltiplica

Nina Dobrev ha interpretato quattro doppelgänger nella serie: Elena, Katherine, Amara e Tatia (visto in un episodio flashback di The Originals).

Kevin Williamson all’inizio non era affatto convinto

I creatori Kevin Williamson e Julie Plec erano stati contattati da Jen Breslow, VP of Drama Development presso la CW, per adattare i libri in una serie TV. Williamson rifiutò il progetto, ma fu convinto a cambiare idea da Plec. Williamson ha detto a The Independent: “All’inizio, quando ho letto la storia, non volevo essere coinvolto nella serie perché sentivo che era una sorta di plagio di Twilight, non importava quale fosse aarrivata prima. La premessa era esattamente la stessa: la ragazza si innamora del vampiro, ma poi Julie ha continuato a dirmi di continuare a leggere i libri e ho iniziato a capire che si trattava di una storia su un piccola città, su ciò che si nasconde sotto la superficie.”

Una sorpresa per i fan

Nella stagione 2, episodio 12, è stato mostrato il numero di telefono di Isobel. I fan che hanno effettivamente chiamato il suo numero al 919-399-2507 hanno potuto ascoltare un messaggio registrato da Stefan, Elena e Damon.

ian somerhalder paul wesley bourbon
Ian Somerhalder e Paul Wesley

Ian Somerhalder e Paul Welsey non solo attori

I due attori si sono entrambi alternati alla regia di episodi di The Vampire Diaries, e sono anche abbastanza bravi! Ian ha diretto episodi tra cui The Downward Spiral mentre Paul era responsabile dell’episodio Detoured on Some Random Backwoods Path to Hell.

L’episodio preferito dei due attori quello della prima stagione intitolato “Lost Girls”. L’episodio era incentrato sulla scoperta da parte di Elena che Stefan era un vampiro. Mostrava anche flashback di Stefan e Damon che incontravano Katherine, la doppelganger di Elena, nel 1864.

LEGGI ANCHE: Ian Somerhalder: le 10 cose che non sapete sull’attore di The Vampire Diaries

Ian Somerhalder non era felice all’idea che Damon divetasse buono

L’attore ha detto in esclusiva a Digital Spy che, sebbene inizialmente era “nero” per il fatto che il suo personaggio fosse diventato una persona migliore. Ma alla fine si è reso conto che era la mossa giusta. “Quella vulnerabilità in Damon Salvatore è ciò che lo ha reso un personaggio a tutto tondo che ha potuto supportare il corso di otto stagioni”, ha detto.

Un finale diverso

Il finale che i co-creatori Kevin Williamson e Julie Plec avevano concepito durante la seconda stagione era che Damon e Stefan sarebbero morti entrambi e poi avrebbero vegliato su Elena dall’altra parte mentre lei viveva la sua vita. Come ha detto Plec a Entertainment Weekly, questo finale è stato abbandonato dopo che Nina Dobrev ha lasciato lo show dopo la stagione 6.

Plec ha detto: “Se Nina non fosse mai andata via, mi sarebbe piaciuto poter vedere se Stefan ed Elena avrebbero potuto trovarsi di nuovo. Non so se ce l’avrebbero fatta ma volevamo che la sua fosse una scelta libera. Ma la sua partenza ha sigillato il contratto romantico tra Damon ed Elena. In quel momento, per me, la serie ha cessato di parlare di un triangolo amoroso ed è diventata una serie sul potere di questi fratelli e il loro amore reciproco. E quindi non c’era modo di ucciderli entrambi senza concedere a uno dei due con il lieto fine. Semplicemente non era possibile.

Alessandra Wilhelm

"Being a part of something special makes you special" cit. Glee

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio