Big Bang Theory (The)

The Big Bang Theory: Recensione dell’episodio 8.13 – The Anxiety Optimization

If it ain’t broke, don’t fix it. Se siamo arrivati ad una ottava stagione, evidentemente Chuck Lorre il fatto suo lo sa. E questa puntata è la spiegazione esatta del perché Big Bang Theory riesca ancora ad essere una delle serie vincenti nel panorama statunitense.

normal_tumblr-niafv1vAb11rn4qwao1-1280-0f714a5d5dacdc00ca887a810836311bÉ già da un po’ che siamo alle prese con i problemi di Sheldon legati al lavoro: il nostro non riesce a fare progressi nelle sue ricerche sulla materia oscura e cerca in tutti i modi di ricreare un ambiente di lavoro che sia il più confortevole e il meno distraente possibile.
La gag di apertura, in cui Sheldon chiede a Leonard e Penny di testare con lui le sue nuove cuffie antirumore, sembra però troppo sorniona, troppo costruita da strapparti un mezzo sorriso.
Incapace di riuscire a risolvere questa situazione di stallo, Sheldon si rivolge ad Amy, dopo un’improvvisa illuminazione a seguito di una conversazione con Penny, affinché lo aiuti a raggiungere il giusto livello di ansia che gli permetta di riattivare i suoi processi mentali e riprendere il suo lavoro. Da qui fino alla fine dell’episodio è un crescendo di battute più o meno al vetriolo, improvvisi schiamazzi notturni, cuffie per misurare i livelli di stress e allucinazioni animalesche (ma sono inquietanti Richard Feynman con un corpo da gattino o Isaac Newton con una testa da armadillo?).
Alla fine sarà un animale a sconfiggere Sheldon: stremato da giorni insonni a digiuno cadrà sotto i colpi di Soffice Kitty, cantata dagli amorevoli genitori Sheldon e Penny.

Di certo non si può negare che Big Bang Theory sia ancora una serie piacevole, una di quelle che appunti nel tuo calendario, che aspetti di vedere per trascorrere venti minuti di leggerezza. Ma arrivati ad un’ottava serie, anticipata da risvolti narrativi ben diversi, gli episodi fino ad ora non sembrano poi più di tanto così diversi da quello che abbiamo visto nelle stagioni precedenti. Davvero è finita così l’avventura di Sheldon fuori dal nido? Dove sono i preparativi del matrimonio tra Leonard e Penny? Se il ritmo del cambiamento è dormire una volta a settimana a casa di Penny, credo che ci vorranno venti stagioni prima di vedere questa benedetta cerimonia!

normal_tumblr-niafv1vAb11rn4qwao2-1280-d33e338563ec3ff98e0addfe34279987Per quanto adori il personaggio di Sheldon (non solo nella serie, ma in generale nel panorama dei personaggi televisivi), credo che questo episodio sia salvato dalla storyline secondaria introdotta da Lorre. Chi di voi non vorrebbe giocare ad Emily o Cinnamon?
Il legame speciale tra Howard e Raj riesce ancora a divertire molto, spesso molto di più di quello tra Sheldon e Leonard. La citazione migliore è ovviamente É una cosa fantastica… che siamo entrambi della Bilancia.
(A proposito di Emily, perché gli autori non le concedono un po’ più di spazio sul divano di casa Cooper – Hofstadter? Magari possono aggiungere una poltrona..)

Concludendo una puntata che raccoglie tutte le caratteristiche del successo di questa serie, ma che di sicuro non le rappresenta al meglio, risultando a tratti già vista (vedi l’episodio 6.21 The Closure Alternative). Spero che gli autori decidano di smuovere un po’ di più le acque in questa seconda parte di stagione che ci aspetta.

Comments
To Top