fbpx
Attori e AttriciNews Serie TV

Katherine Heigl parla di come Grey’s Anatomy abbia influenzato la sua vita familiare

Katherine Heigl ha rivelato quanto sia stato difficile bilanciare la sua vita familiare mentre era nel cast di Grey’s Anatomy .

L’attrice di Firefly Lane (L’estate in cu imparammo a volare) ha recitato nel medical drama, nei panni della dottoressa Isobel Stevens per le prime sei stagioni, dal 2005 al 2010. Durante la sua permanenza nello show, Katherine Heigl e suo marito Josh Melley hanno adottato la loro figlia, Naleigh.
In un’apparizione in The View, Heigl ha discusso di quanto fosse difficile trovare un equilibrio tra la nuova arrivata e l’impegnativo programma delle riprese .

“Non vedevo mai la bambina”, ha detto. “Lavoravo con tre gemelle che interpretavano la mia figlioccia e ho passato più tempo con loro che con la mia nuova figlia e lei ha stretto un legame più profondo con mio marito.
Quindi, ho sempre avuto paura di aver perso l’opportunità di creare un legame con lei e che lei non mi amasse.”

LEGGI ANCHE: Amicizie uomo-donna: Le migliori coppie di amici nelle serie tv

La carriera e la maternità

L’attrice ha riflettuto su quanto possa essere difficile la mentalità “avere tutto”, quando le donne tornano al lavoro dopo aver avuto figli.
Ha aggiunto:

“In quel periodo, diventando una nuova madre, mi dicevo sempre, ‘Ho capito. Ho capito. Posso gestirlo’. Ci hanno detto che possiamo avere tutto. Possiamo avere carriere e avere famiglie e andrà tutto alla grande. Andrà tutto bene.”

Il discusso addio a Grey’s Anatomy

Katherine Heigl aveva già parlato di come diventare madre sia stato per lei uno dei fattori che ha contribuito a farle lasciare la serie.

“Ho creato una famiglia e questo ha cambiato tutto”, aveva dichiarato l’anno scorso.
“Ha cambiato il mio desiderio di lavorare a tempo pieno. Sono andata in congedo familiare e sono diventata una [mamma], e questo ha cambiato tutta la mia prospettiva… è stato davvero il punto di svolta”.

Quando disse addio a Grey’s Anatomy, Katherine giustificò l’addio a causa di orari di lavoro assurdi: al late show di David Letterman, nel 2009, raccontò di giornate di lavoro lunghe 17 ore.
L’anno scorso è tornata a parlare di questi temi su Instagram tramite un lungo post.


Grey’s Anatomy: Shonda Rhimes parla di Katherine Heigl

“Alcuni di voi ricorderanno che, oltre dieci anni fa, fui schietta nel raccontare l’assurdità degli orari di lavoro a cui le troupe e gli attori erano costretti dalla produzione” aveva scritto. «Stiamo facendo intrattenimento, non ci occupiamo della fame nel mondo o di curare il cancro. Raccontiamo storie. […] Tutta la squadra torna a casa stravolta».

Dopo questa intervista del 2009, Katherine Heigl ebbe molta difficoltà a trovare un nuovo ingaggio: nessun produttore voleva lavorare con lei, aveva la reputazione di essere “un’attrice difficile”.

Maura Pistello

Fondatore/ Admin Serie tv dipendente, accanita lettrice, amante del cinema e dell'arte

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button