Agent Carter

Cominc-Con 2015: i panels di Agent Carter e Agents of SHIELD

“Benvenuti al party migliore a cui possiate assister qui al Comic-Con” Esordisce così Joseph Loeb, il capo della Marvel’s Television, forse esagerando un po’. Non ci regalano grandi novità i due panel consecutivi di Agent Carter e Agents of SHIELD: pochi scoops e molte battute divertenti.

Panel di Agent Carter

agent carter comic con

Alla presenza di Chris Dingess, Tara Butters, Michele Fazekas (gli showrunners della serie) e dei due protagonisti James D’Arcy al suo primo Comic-con e Hayley Atwell, Peggy in persona che riceve una vera e propria ovazione dal pubblico.

Si inizia subito stuzzicando James, che non era sicuro di essere in grado di ricoprire il ruolo di Jarvis, soprattutto perché non aveva mai interpretato un personaggio comico, ma una volta compreso che per interpretarlo avrebbe dovuto semplicemente essere se stesso, si è tranquillizzato. “Continuavo a chiedere, ma nelle scene degli inseguimenti e di risse quindi dovrò fare a pugni?E gli sceneggiatori mi rispondevano –Hayley farà a botte…tu…non proprio!”. Più avanti nel panel D’Arcy ha tenuto a sottolineare quanto sia perfetto lo slang inglese che gli sceneggiatori hanno utilizzato nei dialoghi tra il maggiordomo di Stark e la protagonista.

Proseguendo la Atwell sottolinea e ringrazia la bravura degli sceneggiatori: “In Captain America: the first avenger abbiamo visto solo una parte del personaggio di Peggy. Nella serie invece abbiamo esplorato tutte le nuances della sua personalità. Lei è sexy, vulnerabile ma allo stesso tempo impavida, non dubita mai quello che sta facendo e si fida di se stessa in qualsiasi situazione. Questo personaggio mi ha cambiato la vita” ammette. Loeb ricorda di come inizialmente Hayley fosse sicura di dover fare mille critiche agli sceneggiatori e si presentò alla lettura del primo copione più agguerrita che mai, ma una volta finito di leggere il pilot l’unica cosa che disse fu: “Oh mio Dio!La adoro!”.

agent carter_101_1Per quanto riguarda la fine della prima stagione l’attrice inglese dice, rispondendo alla domanda di un fan, che gettare il sangue di Steve è stato un gesto significativo per Peggy. È un qualcosa di simbolico che le permette di “chiudere” con Steve e il dolore per la sua perdita e andare avanti, ma anche un modo di proteggerlo, evitando che  finisca nelle mani sbagliate.

Parlando della prossima seconda stagione (che avrà 10 episodi, non 8 come la prima) gli sceneggiatori annunciano che l’azione si sposterà ad Hollywood, quindi non più inseguimenti tra le vie di New York, ma il glamour de la Mecca del cinema negli anni in cui era più prosperosa. Sarà ambientata nel 1947, a sei mesi di distanza rispetto alla fine della prima stagione. “Le cose sono diverse, le persone sono in posizioni differenti, alcuni personaggi non si parlano più tra di loro e Peggy verrà chiamata ad Hollywood per risolvere un omicidio” annunciano gli sceneggiatori. Oltre a D’Arcy e alla Atwell, anche Enver Gjokaj e Chad Michael Murray torneranno nella seconda stagione (anche se l’agente Thompson prenderà la guida dell’SSR e rimarrà pertanto a New York). Jarvis, di cui probabilmente incontreremo finalmente la moglie, si trova invece già a Los Angeles per sistemare la nuova tenuta di Howard Stark. Gli sceneggiatori si dicono eccitati all’idea del crimine e del glamour nella Hollywood di quegli anni, citando come fonte d’ispirazione film come The Black Dahlia.  Sotto l’aspetto più romantico l’unica cosa che viene rivelata è che “chiuso il capitolo di Steve, Peggy avrà nuove possibilità”.

Panel di Agents of SHIELD

agents of shield comiccon

Introdotti per primi i nuovi arrivati Luke Mitchell, Henry Simmons, Nick Blood e Adrianne Palicki, Loeb presenta successivamente i membri originali dello show: Iain de Caestecker, Elizabeth Henstridge, Ming-Na Wen, Brett Dalton, Chloe Bennet e Clark Gregg che si copre la mano con la manica della giacca, facendo ironia sulla sorte subita dal suo personaggio nel finale della seconda stagione.

Mitchell rivela di essere stato impaurito all’idea di unirsi allo show ma che tutti l’hanno accolto come una famiglia, lo stesso vale per gli altri nuovi ingressi, soprattutto Adrianne che temeva di deludere i fans ma assicura che per ora tutti sono stati carini con lei.

Dopo un breve video di papere dal set, inizia il vero e proprio panel. I produttori sono occupati a preparare l’imminente terza stagione e sono assenti, quindi per la prima metà si assiste a battutine tra Clark e Chole e Ming-na e Brett, quando all’improvviso qualcuno dal pubblico urla “Hail Hydra” provocando una divertente reazione da parte di Clark che si alza in piedi con uno sguardo furioso. Il panel prosegue su questa linea, Clark ammette che una delle cose che non vede l’ora di affrontare è la possibilità che lo Shield sia gestito da una donna, “Ci sono molte donne forti che potrebbero farlo, un giorno potresti farlo tu” dice alla bambina otto anni che chiede se c’è un posto per lei nello show. “C’è posto anche nella mia squadra” scherza Dalton, chiedendo al pubblico se c’è qualcuno che vuole unirsi  a lui e ricevendo numerose risposte tra le urla.

Alla domanda di una fan a Iain su come ha gestito l’interpretare una persona con difficoltà nell’esprimersi, l’attore da tutto il merito alla scrittura e alla sceneggiatura, mentre subito Elizabeth lo interrompe dicendo “Sta facendo il modesto, ha fatto numerose ricerche a riguardo”. Sul finale del panel viene posta al cast una domanda sulla terza stagione alla quale Loeb risponde “Non abbiamo ancora iniziato a girare, ma forse potremmo insinuarci nella stanza degli sceneggiatori…” e così parte un breve filmato divertente in cui i due creatori Jed Whedon e Maurissa Tancharoen, mangiano ciambelle portate loro da B.J. Britt (il compianto Agente Triplett) e giocano sul fatto che d’ora in poi ci si dovrà riferire a Skye solo come Daisy Johnson, che avrà come nome “in codice” quello di Quake, mentre il nuovo aeroplano della squadra si chiamerà “Zephyr 1”.  I due vengono poi mostrati mentre si divertono a giocare a freccette con le foto degli attori “Chi tra loro riceve più freccette sarà il prossimo a morire”dicono. Una volta finito il video Elizabeth, allarmata, fa notare che vicino alla sua faccia c’erano scritte le parole “ALREADY VERY DEAD”, proprio mentre Joseph taglia corto dicendo “Grazie a tutti per essere venuti!” annunciando l’arrivo dell’Inumano Lash nella prossima stagione dello show.

 

Comments
To Top