fbpx
Serie Tv

What If…? – Stagione 1: Riassunto episodi, cast e recensione della serie animata Marvel di Disney+

Difficile rivoluzionare un mondo come quello della Marvel Cinematic Universe, anche con un prodotto praticamente perfetto come la stagione 1 della serie animata Marvel su Disney+ What If…?. In parte per l’affetto che lega lo spettatore alle storie che, ormai da anni, ha imparato a conoscere e riguardare. Dall’altra perché dimostra come le implicazioni dell’anche minimo cambiamento avrebbero potuto scombussolare tutte le fondamenta che reggono la mastodontica macchina Marvel in piedi. Come un gigantesco Castello Errante di Howl: togli un pezzo, tutto crolla.

I mini-film (perché di questo si tratta) sono realizzati con alcune delle migliori tecniche di animazione Disney, a tratti le scene ricordano quelle dei film e a tratti un videogioco, in quegli spezzoni di azione che soltanto la computer grafica può agevolare. Nel complesso sono qualcosa di diverso e sperimentale che, con un po’ di apertura e fantasia, non sostituiscono ma integrano quel Multi-verse che è sempre più solido nel futuro della Marvel.

Scopriamo nel dettaglio i singoli episodi della serie animata What If…? di Disney+.

what if marvel disney+ episodio 1 recensione
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… Captain Carter were the first Avenger? / E se… il Capitano Carter fosse stata il Primo Vendicatore?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: Durante l’iniezione a Steve, Peggy resta al piano inferiore e non si sposa nella sala al piano superiore con gli altri.

Data messa in onda: 11 agosto 2021

Voci degli attori originali: Hayley Atwell, Sebastian Stan, Dominic Cooper, Stanley Tucci, Toby Jones, Samuel L. Jackson, Jeremy Renner

Riassunto trama e commento

Nell’episodio iniziale della stagione 1 di What If…? è Peggy a diventare il Primo Vendicatore e ricevere il siero del Super Soldato. Affiancata da Steve Rogers – che, restando gracilino, dovrà affidarsi ad una tuta-antenato di quella indossata da Rudy, l’Hydra Stromper, Captain Carter combatte i nazisti e si scontra con Teschio Rosso, intento a portare un “campione” dell’Hydra in questo universo con l’aiuto del Tesseract. Per salvare il suo mondo, Peggy spinge il mostro indietro nel portale e viene catapultata nel presente, dove la accolgono Nick Fury e Hawkeye, informandola che la guerra si è conclusa.

Dura poco più di 30 minuti il primo episodio della stagione 1 della serie animata What If…? che ha Peggy Carter come protagonista. In quei pochi minuti ci rendiamo conto che, seppur sarebbe stata un ottimo vendicatore, nessuno è in grado di sostituire Steve Rogers. Nonostante la trama risulti incredibilmente avvincente e ben strutturata, con una bellissima storyline alternativa, il Capitano Carter non ha lo stesso sapore del Capitano Rogers.

La storia di Peggy e Steve resta uno dei momenti più belli dell’episodio: i due sono “destinati” al ruolo di amanti sfortunati e, chiunque sia il muscoloso tra i due, questo gli riesce benissimo. Hanno chimica e hanno passione in qualsiasi contesto. Meravigliosi i ruoli di Bucky e Howard Stark, che diventano degli involontari “cockblocker” per i due, tra una battuta e una Jeep rubata. Interessante anche l’introduzione dell’armatura Hydra Stromper, che rende Steve una sorta di War-Machine della Seconda Guerra Mondiale, un vero alleato per il Capitano, nonostante la propria stazza.

Per quanto l’episodio non manchi di carisma e originalità, penso di essere abbastanza oggettiva nel dire che due stagioni di Agent Carter ci sono bastate.

what if marvel disney+ episodio 2
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… T’Challa became the Star Lord? / E se… T’Challa fosse diventato Start Lord?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: Yondu non rapisce personalmente Peter Quill ma lo fa fare alla propria banda, che cattura il bambino sbagliato: T’Challa.

Data messa in onda: 18 agosto 2021

Voci degli attori originali: Chadwick Boseman, Michael Rooker, Josh Brolin, Benicio del Toro, Kur Russell, Carrie Coon, Karen Gillan, Djimon Hounsou, Danai Gurira, Seth Green

Riassunto trama e commento

Siamo abituati a vedere Peter Quill come Star Lord, ma se Yondu avesse rapito T’Challa al posto del personaggio interpretato da Chris Pratt. In questo caso vediamo T’Challa partecipare alle attività dei Ravagers, tra cui anche un Thanos redento che non ha sterminato mezzo universo. In questo contesto, dopo aver recuperato l’Orb, Star Lord viene avvicinato da Nebula, che gli racconta di una pianta magica in grado di alimentare intri pianeti, posseduta dal Collezionista. T’Challa e i Ravagers ottengono la pianta, lasciando il Collezionista in preda alle creature che aveva sempre tenuto in ostaggio.

Yondu rendendosi conto di quanto tenga al ragazzo, si scusa con lui per avergli mentito e averlo rapito da bambino, e così lo riporta a Wakanda. Intanto Peter Quill, che lavora come addetto alle pulizie, viene avvicinato da Ego il Pianeta vivente.

I personaggi e le caratteristiche di Peter Quill e T’Challa non potrebbero essere più diversi, ed è questo che rende questo mondo alternativo così interessante. Yondu ha dimostrato di tenere molto a Peter in Guardiani della Galassia Vol 2, ma se questo suo aspetto fosse emerso prima? Come sarebbero cambiati i Ravagers e, in generale, la vita di Star Lord con un padre così amorevole? Per non parlare di un mondo letteralmente “migliore”, in cui Thanos è commosso dalle capacità di T’Challa e dalla sua bontà, tanto da rinunciare ai suoi piani di genocidio. Sicuramente i Guardiani come li conosciamo oggi non sarebbero mai esistiti, ma chi può dire che non sarebbe stato un viaggio altrettanto interessante?

what if marvel disney+ episodio 3
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… the world lost its Mightiest Heroes? / E se… il Mondo avesse perso i suoi eroi più potenti?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: Hope van Dyke, agente dello SHIELD, muore in missione e suo padre inizia una crociata per venditarsi

Data messa in onda: 25 agosto 2021

Voci degli attori originali: Samuel L. Jackson, Jeremy Renner, Mark Ruffalo, Tom HIddleston, Clark Gregg, Jaimie Alesander

Riassunto trama e commento

Un episodio alquanto “mystery” quello che non vede protagonisti i principali Avengers, che abbiamo imparato ad amare e apprezzare. In questo episodio della stagione 1 di What If…? uno dopo l’altro quelli che avrebbero dovuto formare il gruppo degli Avengers originali finiscono con l’andare incontro alla morte. Natasha e Fury assistono impotenti alla morte di Tony Stark, prima di informarlo del progetto dello SHIELD. In New Mexico, il dio Thor viene ucciso da una freccia apparentemente scoccata da Clint Burton, che a sua volta muore poco dopo.

Natasha cerca così l’aiuto di Betty Ross, conoscendo il suo legame con Bruce Banner. Quest’ultimo, nel tentativo di scappare alla cattura da parte del generale Ross, si trasforma in Hulk ma poi muore. Natasha a sua volta trova la morte, ma non prima di aver lasciato un messaggio a Fury con il nome del responsabile. Fury scopre così che si tratta di Hank Pym, che si è vendicato per la morte della figlia Hope, morta in missione per lo SHIELD. Fury cattura Pym con l’aiuto di Loki, giunto sulla Terra per vendicare Thor. Nonostante la promessa di non nuocere alla Terra, il Dio dell’Inganno ne prende il controllo e Fury sceglie di iniziare il progetto Avengers con il Capitano Rogers e Carol Denvers.

Senza dubbio la parte più interessante dell’episodio è quella del misterioso colpevole, che riesce a stendere uno dopo l’altro i più potenti eroi della Terra. Si tratta di un thriller più che di una storia di supereroi, in cui il dolore di un padre fa da filo conduttore ad una altrimenti insensata scia di morte e omicidi. Anche se alquanto lontano dal personaggio di Pym nei film, la morte di Hope potrebbe essere un driver potente per la sua pazzia.

Più di Fury è Natasha a spiccare nell’episodio, personaggio che manca della voce originale di Scarlett Johansson ma non del carisma e determinazione della Vedova Nera. Grazie a lei Fury riesce ad unire i puntini e arrivare alla soluzione che, almeno personalmente, non avevo affatto previsto. Bellissimo il cameo di Loki, che solo per un attimo sembra diverso dal Dio dell’Inganno che è. Ma è solo un flash, poi (per fortuna) torna quello di sempre.

what if marvel disney+ episodio 4 doctor strange
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… Doctor Strange lost his heart instead of his hands? / E se… Dottor Strange avesse perso il cuore invece delle mani?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: Steven Strange perde Claire nell’incidente d’auto e non l’uso delle proprie mani

Data messa in onda: 1 settembre 2021

Voci degli attori originali: Benedict Cumberbatch, Rachel McAdams, Benedict Wong, Tilda Swinton, Leslie Bibb

Riassunto trama e commento

Uno degli episodi più belli della prima stagione di What If…?, se non addirittura il migliore, è quello che vede protagonista Steven Strange. In questo particolare Universo, Steven Strange ha un incidente d’auto in cui al posto delle sue preziose mani perde l’amore della sua vita, Christine. Non solo: la perdita di per sè è dolorosa, ma se si pensa che si tratta di un “Punto Assoluto” nel continuum spazio-temporale, pertanto impossibile da cambiare o aggirare, è perfino peggio.

Strange, infatti, dopo essere diventato Supremo, sfida le regole del viaggio nel tempo e utilizza l’Occhio di Agamotto per cercare di cambiare la morte di Christine. Niente di tutto quello che prova a fare ha effetto, poichè – gli spiega l’Antico – la morte di Christine è un Punto Assoluto. Incapace di darsi per vinto, Strange sceglie di ricorrere alle arti mistiche per assorbire il potere di diversi animali del Multiverso, nella speranza di avere abbastanza potere da riportare in vita Christine. Sperando di aiutarlo, l’Antico unisce l’Universo del proprio Strange con quello in cui un altro Strange ha accettato la morte di Christine. Purtroppo Strange decide di continuare con il proprio intento, assorbendo perfino se stesso pur di avere più potere. Riporta in vita Christine, ma quest’ultima inizia progressivamente a scomparire, proprio come il resto dell’universo, che si disintegra a causa delle azioni di Strange.

Disperato, Steven chiede aiuto all’Osservatore, che tuttavia non interviene. Rimane così solo, senza Christine, nell’oblio del vuoto lasciato dalla scomparsa del proprio Universo.

L’episodio, il cui collegamento con Doctor Strange and the Multiverse of Madness è evidente, sottolinea l’importanza ma anche l’umanità del personaggio di Steven Strange. Ci sono cose che non tutti sono in grado di sopportare, anche se il bene di altri è sul peso della bilancia: sacrificare chi si ama per centinaia di persone che non si conoscono nemmeno? La scelta non sempre è immediata, come scopre Steven Strange al momento di lasciar andare la propria Christine.

Non a caso, lo specchio di questo Steven Strange di What If…? è Wanda Maximoff, che nel “nostro” Universo ha perso Visione e non accetta di andare avanti senza di lui. E’ particolare vedere come nella nostra realtà sia proprio Steven a cercare di far ragionare Wanda, mentre al contrario in un universo alternativo è lui quello che avrebbe avuto bisogno di guida per tornare sulla retta via a causa di un lutto. Ciò non di meno, l’episodio risulta tra i migliori dei mini-film della stagione 1 di What If…?, emozionando pubblico e facendoci desiderare di saperne ancor di più.

what if marvel disney+ episodio 5
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… Zombies?! / E se… gli zombie invadessero la Terra?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: La Terra viene invasa dagli zombie, che contagiano gli Avengers e buona parte degli eroi della Terra

Data messa in onda: 8 settembre 2021

Voci degli attori originali: Mark Ruffalo, Chadwick Boseman, Paul Bettany, Jon Favreau, Danai Gurira, Emily VanCamp, Sebastian Stan, Evangeline Lilly, Paul Rudd

Riassunto trama e commento

Siamo tuti abituati agli zombie, dal classico The Walking Dead, ai più recenti The Last of Us e lo spin-off The Walking Dead – Dead City. Nessuno, tuttavia, avrebbe mai potuto immaginare un mondo Marvel dove sono proprio gli zombie a fare da padroni. Eppure è proprio questo lo scenario che si trova davanti Bruce Banner quando, arrivando sulla Terra tramite Bifrost, la trova invasa dagli zombie. Grazie ai racconti dei pochi sopravvissuti, tra cui Peter Parker, Hope van Dyke e Okoye, scopre che l’infezione è stata portata nel mondo dal Regno Quantico tramite Jane van Dyke, che poi avrebbe infettato tutti di conseguenza.

Il gruppo riceve un segnale sue alcuni sopravvissuti, ed è lì che trovano Visione e una testa di Scott Lang, che dimostra come dal morbo si possa guarire. La terribile scoperta del gruppo, tuttavia, è anche quella di una Scarlet Witch infettata, troppo potente per una cura, pertanto nutrita dai sopravvissuti proprio da Visione, che li attira per darglieli in pasto. Qui Okoye trova anche T’Challa, ancora vivo ma ferito. Grazie al sacrificio di Hope, il team riesce a fuggire dalla trappola di Visione e si dirige in Wakanda per trovare rifugio. Non sanno che ad attenderli che Thanos infettato, con un guanto dell’Infinito quasi completato.

L’episodio e la trama sono talmente paradossali da rendere l’episodio alquanto piacevole da guardare. Vedere i nostri eroi, venerati e osannati, come i cattivi, non più in grado di intendere e di volere, è un duro colpo ma è anche l’elenco centrale di una trama altrimenti banale. Peter Parker, come sempre, riesce a portare energia ed entusiasmo anche nelle situazioni più disperate, e la sua interazione con Hope e Okoye è davvero incredibile. Sembrano una famiglia, e viene voglia di tirfare per loro proprio come se lo fossero.

Visione si riconferma l’essere più astuto, che farebbe di tutto pur di non lasciar morire l’amore della sua vita, Wanda. Sembra quasi lo specchio della situazione che ritroviamo in WandaVision, in cui è Wanda che si rifiuta di lasciar morire Visione, anche se significa intrappolare in una prigione mentale un’intera cittadina.

what if marvel disney+ episodio 6 recensione
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… Killmonger rescued Tony Stark? / E se… Killmonger avesse salvato Tony Stark?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: In Afghanistan, Tony Stark viene salvato da Killmonger e non viene mai catturato o fatto prigioniero dai terroristi

Data messa in onda: 15 settembre 2021

Voci degli attori originali: Michael B. Jordan, Chadwick Boseman, Angela Bassett, Danai Gurira, Andy Serkis, Don Cheadle, Paul Bettany, Leslie Bibb

Riassunto trama e commento

Uno degli episodi che indubbiamente resta tra i più “incisivi” è quello che ha per protagonista Killmonger. Interpretato da Michael B. Jordan in Black Panther, film in cui fa la sua prima apparizione, in questo episodio della stagione 1 di What If…? il suo personaggio è pivotale. Arrivato praticamente dal nulla, Erik Stevens aka Killmonger salva Tony Stark da un attacco in Afghanistan, riportando il miliardario a casa sano e salvo, senza alcun tipo di dispositivo vicino al suo cuore. I due diventano presto grandi amici, tanto che Stevens convince Tony a fabbricare dei droni speciali, interamente in vibranio, per combattere le guerre.

Stark acconsente. Quando tuttavia Rudy è incaricato di recuperare vibranio (rubato dal Wakanda), Black Panther si fa vivo: Killmonger ne approfitta per uccidere lui e James Rhodes, facendo ricadere la colpa su quest’ultimo. Ma Tony capisce finalmente che è Erik Stevens che l’ha ingannato, poco prima di venire ucciso e il Wakanda incolpato per la sua morte.

Killmonger riesce a farsi eleggere nuovo Black Panther ma T’Challa, durante l’esperienza extracorporea, lo mette in guardia: il potere ottenuto con l’inganno non potrà essere mantenuto a lungo. Shuri, fuggita dal Wakanda, incontra Pepper, proponendole di collaborare per fermare il villain che si è impossessato del proprio paese.

La bellezza di un episodio apparentemente di poco conto come quest’ultimo è la centralità offerta ad un personaggio altrimenti marginale. Su schermo è possibile apprezzare Killmonger fino ad un certo punto, mentre questo episodio ne tratteggia la personalità e l’ambizione, dimostrando che è in grado di tenere sulle spalle una narrazione senza personaggi a contorno. Erik è fermamente orientato al successo, deciso a raggiungerlo con tutte le proprie forze. Interessante è inoltre il suo legame quasi fraterno con Tony, che trova un altro “Rogers” da chiamare compagno e amico.

Purtroppo oggi più che mai questo episodio spiana la strada ai possibili futuri per Black Panther, dopo l’inattesa e dolorosa scomparsa di Chadewick Boseman.

what if marvel disney+ episodio 7 thor recensione
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… Thor were an only child? / E se… Thor fosse stato figlio unico?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: Loki non viene cresciuto da Odino, che lo riporta al suo popolo

Data messa in onda: 22 settembre 2021

Voci degli attori originali: Chris Hemsworth, Natalie Portman, Tom Hiddleston, Kat Dennings, Clark Gregg, Taika Waititi, Karen Gillan, Jaimie Alexander, Samuel L. Jackson, Jeff Goldblum, Cobie Smulders, Rachel House

Riassunto trama e commento

Senza dubbio tra i tre episodi migliori della prima stagione di What If?, quello dedicato a Thor è volutamente un momento di leggerezza. Il pretesto è piuttosto semplice: cosa sarebbe accaduto se il Dio del Tuono avesse affrontato la propria infanzia senza la vicinanza di Loki? Se Odino avesse deciso di restituire Loki ai suoi simili quando era ancora piccolo. Thor sarebbe cresciuto, molto semplicemente, come un ragazzino viziato a cui tutto è dovuto, qualcuno che distrugge pianeti dopo averli usati come il proprio personale parco giochi. Ed è proprio quello che succede.

Thor arriva sulla Terra, libero della supervisione di Frigga, dove organizza un mega festino, invitando amici da tutte le parti della galassia: ci sono Drax, Nebula, Loki (definito comunque “fratello da un’altra madre”) con i suoi simili, il Collezionista. Mentre Jane Foster ha le ginocchia molli per questo alieno venuto dal nulla e Captain Marvel non riesce a bloccare la forza del Dio del Tuono, è l’intervento di Frigga a porre fine al divertimento e ristabilire il quasi completo equilibrio.

Se l’episodio dedicato al Dottor Strange resta il preferito e il meglio gestito, quello di Thor non manca di ricordare perchè abbiamo tanto amato il suo personaggio. Il Thor della prima stagione di What If…? è a tutti gli effetti un ragazzino, che teme l’arrivo della mamma e che non ci pensa due volte a distruggere un pianeta per i propri comodi. L’incontro con Jane è dolce, romantico persino (non ce la vedo Jane a ballare ad un rave pieno di schiuma, ma gliela concedo questa), ma è il carattere più egoista di Thor a prevalere, proprio quello che per fortuna i suoi trascorsi sulla Terra nel nostro universo avevano contribuito a marginare.

Interessante il confronto con Captain Marvel, che si rivela la spalla e amica sincera che tutti (persino una divinità) vorrebbero avere. Difficile prevedere se in uno scontro Thor/Carol sarebbe il primo a prevalere ma, almeno in questo universo, pare che sia proprio questo l’esito finale. Menzione d’onore a Darcy, che in pochi minuti riesce, insieme a Loki che fa cadere involontariamente lo smartphone sfracellandolo, a diventare uno dei personaggi meglio riusciti anche nella sua versione animata.

L’arrivo di un esercito capitanato dal Corpo di Visione, che però non sembra affatto il Visione che conosciamo, con tanto di Gemme dell’Infinito intorno al collo, è il primo tassello che porta alla conclusione della stagione 1.

what if marvel disney+ episodio 8 recensione
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… Ultron won? / E se… Ultron avesse vinto?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: Ultron ha la meglio e riesce a trasferire la propria coscienza nel corpo di Visione

Data messa in onda: 29 settembre 2021

Voci degli attori originali: Jeremy Renner, Toby Jones, Benedict Cumberbatch

Riassunto trama e commento

Siamo abituati ad un mondo in cui i nostri eroi riescono (quasi sempre) a prevalere. Ma se tutto non fosse andato come avrebbe dovuto? Se Ultron fosse riuscito nel suo intento di trasferire la propria coscienza nel corpo di Visione, diventando di fatto l’essere più potente dell’Universo? Ebbene questo episodio della stagione 1 di What If…? dipinge un quadro ben definito di come sarebbero andate le cose – spoiler alert: sarebbe stata una gran bella fregatura!

Mentre l’Osservatore è ancora intento a mantenere la propria neutralità, Ultron inizia la sua conquista prima della Terra e poi dell’Universo. Prima elimina buona parte dei Vendicatori e poi, quando lo stesso Thanos arriva sulla Terra con cinque gemme dell’Infinito già in suo possesso, lo elimina e prende le gemme per se. Tocca quindi ad altri regni e pianeti, inclusi Asgard, Ego il pianeta vivente e Xandar. Nemmeno i Guardini della Galassia e Carol Denvers, Ms Marvel, riescono a sfuggire al potere di Ultron. Tanto che, quando Clint Barton e Natasha Romanoff, gli ultimi sopravvissuti dei Vendicatori, ricorrono a Zola per cercare di far fuori Ultron, e Barton perde la vita nel tentativo, anche Zola è impotente poichè Ultron non è più nel loro universo.

Nel frattempo, infatti, Ultron non si è solo reso conto dell’esistenza del Multiverso ma è stato in grado di raggiungere l’alieno che chiamiamo Osservatore. I due si scontrano e, poco prima di perdere la battaglia e la sua vita, l’Osservatore si ritira nello stesso spazio-tempo in cui è intrappolato Supreme Strange. La situazione è grave e all’Osservatore non resta che chiedere il supporto di Stange per fermare Ultron.

Di per se l’episodio, per quanto catastrofico, non è eccezionale eppure, scoprire la potenza di Ultron e quanto il suo personaggio avrebbe potuto impattare sulla storia degli eroi a noi più cari è devastante. Abituati a vedere in Thanos il nemico e anti-eroe per eccellenza delle prime fasi della MCU, vedere con quanta facilità Ultron indossa quello stesso mantello, nessuno (nemmeno l’Osservatore) in grado di fermarlo, rendono il suo personaggio ancor più intrigante, se possibile.

what if marvel disney+ episodio 9 finale recensione
What If…? / E se…? – Recensione serie tv Marvel, Credits: Disney+

What If… the Watcher broke his oath? / E se… l’Osservatore avesse infranto il proprio giuramento?

Evento “Nexus” che innesca l’universo alternativo: L’Osservatore infrange il proprio giuramento e interviene in alcuni eventi sulla Terra per salvare il Multiverso

Data messa in onda: 6 ottobre 2021

Voci degli attori originali: Hayley Atwell, Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Chris Hemsworth, Toby Jones, Tom Hiddleston, Kurt Russell, Samuel L. Jackson

Riassunto trama e commento

La conclusione della stagione 1 di di What If…? è il coronamento e l’unione di tutte le storie e tutti gli Universi che abbiamo incontrato negli episodi precedenti. Infrangendo il suo giuramento di non-intervento, l’Osservatore raccoglie le adesioni di una serie di eroi per porre fine al potere di Infinity Ultron, il cui obiettivo è quello di collezionare tutte le gemme dell’Infinito per distruggere il Multiverso. Nella squadra ci sono Captain Carter, T’Challa aka Star Lord, Thor “festaiolo” e Re Killmonger, oltre ad una versione di Gamora che ha ucciso Thanos. Tutti loro vengono raccolti da Supreme Strange, che spiega loro il piano di togliere le Gemme a Ultron. Alla squadra si unisce anche Natasha, dall’Universo originario di Ultron. Lei e Captain Carter infettano il corpo di Ultron tramite Arnim Zola, proprio mentre Killmonger tradisce la squadra e ruba le gemme per se.

Per fortuna, sia Supreme Strange che l’Osservatore avevano previsto il tradimento di Killmonger, così l’Osservatore intrappola lui e Strange in un Universo il cui possano combattere in eterno. Di questo Universo Strange diviene anche automaticamente il guardiano, poichè purtroppo non può essere lasciato in libertà.

I diversi eroi tornano nei rispettivi Universi, tranne Natasha, che accusa l’Osservatore di essere insensibile agli esseri che osserva. Per lei, sottolinea, non è rimasto nulla nel proprio universo, dove tutti sono morti. Così l’Osservatore la manda in un luogo in cui Hank Pym ha ucciso gli Avengers, Natasha inclusa, e Nick Fury sta combattendo insieme a Captain Marvel e Captain America contro Loki, alla guida di Asgard.

«Va così, no? Tutte le creature cercano il loro posto nel mondo, un posto da chiamare casa. In quanto a me, sono l’Osservatore. Il multiverso, ogni singolo mondo, ogni singola storia è la mia casa, e io li proteggerò fino alla fine.»

Si tratta di un episodio-finale, tipico di una serie che può essere auto-conclusiva o (come in questo caso) solo l’inizio di una storia più ampia.

Kat

Cavaliere della Corte di Netflix e Disney+, campionessa di binge-watching da weekend, è la Paladina di Telefilm Central, protettrice di Period Drama e Fantasy. Forgiata dal fuoco della MCU, sogna ancora un remake come si deve di Relic Hunter.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio