fbpx
0Altre serie tv

Red Widow: recensione dell’episodio 1.01-1.02 – Pilot

Quanto è difficile creare una serie tv negli Stati Uniti. Prima di tutto ti deve venire un’idea. Poi la devi mettere su carta, con dovizia di particolari, seguendo tutta una serie di criteri ben stabiliti, scrivendo il pilot ma anche altri due/tre episodi, il background e una serie di elementi tecnici (come proposte di registi, scenografi, ecc..). Poi devi riuscire a fare leggere tutto questo ai responsabili dei network, cosa per niente automatica, sapendo che comunque gli daranno solo uno sguardo veloce. A quel punto se vieni selezionato devi fare il pitch e se li invogli, allora ti commissionano di girare il pilot. A quel punto viene fatto uno screening e se tutto va in porto, viene ordinata una mezza stagione. Se poi la messa in onda funziona, ed è un grosso “se”, viene commissionata la seconda parte della stagione e nel caso, una seconda… e così via.

Potete ben capire come sia difficile riuscire a imporsi in un sistema così complesso e articolato come quello della tv americana. Ecco perché da molto tempo a questa parte i network investono sulla produzione di remake americani di concept tv nati in altri paesi, perché, se hanno avuto successo in origine, rassicurano i dirigenti dei network. Red Widow fa parte di questa schiera di prodotti tv, basata sulla serie tedesca del 2010 “Penoza”. La penna dietro a questo adattamento è quella di Melissa Rosenberg, la persona che dobbiamo ringraziare per l’adattamento cinematografico della saga di Twilight. Wow, grazie, sul serio.

redwidow-101-01Ma veniamo al pilot. Il soggetto è questo: Marta è madre di tre figli, il cui marito è stato ucciso per una questione di regolamento di conti nel mondo dell’importazione della droga, proprio quando lei lo aveva convinto a mollare tutto ed entrare in un programma di protezione dell’FBI. Il fratello di Marta, che era socio in affari del marito, è finito in galera. Il boss della droga della zona vuole però indietro la sua droga dal valore di 1,5 milioni di dollari e propone quindi a Marta un accordo: prendere il posto del marito fino al momento in cui i conti non saranno saldati.

redwidow-101-02La minaccia è reale e Marta ne sa qualcosa. La sua famiglia è di origini russe e il padre è un piccolo capo famiglia della malavita russa. Ecco quindi che Marta si ritrova a dover scendere a compromessi con la propria etica e la propria morale per cercare di salvare la vita ai tre figli. Deve organizzarsi per riuscire a portare a termine un “import” di droga proveniente da un non meglio specificato importatore, via mare. Sì, perché il tutto si svolge intorno alla finta attività di charter portuale che gestiva il marito, il fratello e il loro amico Mike (adesso partner obbligato di Marta)

Ci sarebbero gli ingredienti per una serie dai grandi attributi. E invece manca qualcosa. Potrebbe essere a causa di un ritmo un po’ altalenante, che non incalza nemmeno nei momenti più tesi. Potrebbe essere per le scelte di parte del cast, capace, indubbiamente, ma che non riesce a stregarti. Che dire del padre di Marta, che sembra quasi una caricatura stereotipata del delinquente dell’est?

redwidow-101-04Forse però il vero problema è che non c’è un cambio forte dello stato di Marta. Certo, muore il marito, il che la colpisce duramente. Però è figlia di un piccolo capo mafia, è cresciuta nell’ambiente, sa dei rischi. Sa che il marito lavora in qualcosa di sporco. Forse la Rosenberg immaginava una serie che parlasse della mammina di periferia che si trova all’improvviso a trovare un modo di gestire casa e malavita. Ma questo salto di prospettiva non c’è. Non si percepisce. Sembra che il passaggio dal prima al dopo sia quasi naturale, fatta eccezione per i vari momenti di scrupolo che si fa venire qua e là, ma senza troppa convinzione.

Diamo tempo alla serie di evolversi. Il lord della droga della zona è interpretato da Goran Visnjic, celebre per essere stato Luka in E.R. Per ora è il classico boss cattivo e testosteronico. Potrebbe rivelarsi più interessante. Così come le sfide che si porranno di fronte a Marta potrebbero essere più complesse, elaborate, accattivanti per il pubblico. L’agente dell’FBI che sta addosso a tutti potrebbe portare qualcosa di più originale alla narrazione (abbiamo già visto ad esempio che la moglie dell’agente si droga).

redwidow-101-05Al momento però, la realtà è questa: Red Widow è un thriller drama sul mondo del crimine, che parte da una pretenziosa premessa e la tratteggia in maniera blanda e quasi completamente stereotipata. La donna forte, i figli un po’ ribelli un po’ bamboccioni, la mafia russa, l’FBI che ci prova. Non fraintendetemi. I due episodi di apertura sono “fatti bene”. Ma dopo alcuni anni in cui abbiamo avuto l’occasione di vedere pilot eccezionali, non basta più qualcosa di “fatto bene”. Magari ci stupirà in futuro. Ma al momento mi ricorda molto Alcatraz, che aveva un grandioso potenziale ma che ha avuto quel “qualcosa” che le mancava fin da subito. Temo che Red Widow abbia lo stesso problema.

Quindi, per concludere, se siete appassionati delle storie di criminali del mondo della droga, fatevi sotto. Non credo che rimarrete tanto appagati, ma è pur sempre meglio di niente. Se invece cercate una serie capace di farvi stare sul filo della poltrona, passate pure oltre.

Comments
To Top