fbpx
Once Upon a Time

Once Upon a Time: Recensione dell’episodio 3.13 – Witch Hunt

Il cambio di ambientazione fa bene a Once Upon a Time

Tredicesimo episodio per Once Upon a Time, secondo  dopo la pausa. Ultimamente questa serie tv ci sta mostrando diversi ribaltamenti di fronte, nel senso che sta cambiando spesso ambientazione e personaggi collegati ad essa. Se nella prima e nella seconda stagione si giocava ad un ping-pong immaginario tra il presente di Storybrook  e il passato del regno delle fiabe, in questa terza stagione stiamo assistendo a diversi “cambi scena”. Infatti, se tutta la prima metà di stagione era ambientata sull’Isola Che Non C’è con Peter Pan come personaggio preponderante e motore della storyline, questa seconda metà è completamente diversa da prima: probabilmente il capitolo del “ragazzo che non voleva crescere” non è del tutto concluso e forse risalterà fuori, ma per ora è stato accantonato per mostrarci Storybrook “un anno dopo” (o presente) e il regno delle fiabe “un anno prima” (o passato). Con FAUSTINO DI BADA, RAPHAEL ALEJANDRO, SEAN MAGUIRE, EMILIE DE RAVIN, LANA PARRILLA, LEE ARENBERG, GINNIFER GOODWIN, MIG MACARIO, JOSH DALLAS, MICHAEL RAYMOND-JAMES (OBSCURED)questi periodi diversi si rischia di andare un po’ in confusione, soprattutto quando questi salti temporali avvengono molto spesso, ma se si presta attenzione e non lo si guarda distrattamente i conti tornano.

Tutti questi cambi di ambientazione a parer mio stanno facendo bene alla serie e stanno rinnovando l’interesse verso di essa. Pensavo che la vicenda si sarebbe sviluppata sull’Isola Che Non C’è per tutta la terza stagione, ed ero pronta a criticare la cosa visto che tutta quella parte alla lunga stava diventando pesante e, in certi momenti, priva di senso e assurda. Gli autori non potevano neanche tornare al mostrarci gli intrecci tra situazioni e personaggi nel remoto regno delle fiabe perché saprebbe solo di già visto: ormai sappiamo già molte cose. Invece per fortuna non è andata né in un modo né nell’altro e ho dovuto ritirare le critiche perché, per ora, questo cambiamento che ci ha portato un anno avanti a Storybrook e contestualmente ci mostra ciò sta succedendo nel regno delle fiabe un anno indietro, mi sta convincendo.

In questo tredicesimo episodio che si intitola Witch Hunt, la strega che deve essere cacciata è nientepopodimeno che… la strega cattiva (non si è capito se dell’Ovest o dell’Est) di OZ! Allora, quando ho capito chi era questo nuovo personaggio ho storto un po’ il naso perché vanno a toccare una delle storie più belle mai scritte e incrocio le dita che non la rovinino. Probabilmente se si limitano a far apparire la strega cattiva e le scimmie alate non dovrebbero once upon a time_313_ccreare danni, ciò che mi preoccupa è quando e se appariranno Dorothy, lo spaventapasseri, il leone, l’uomo di latta, il mago di OZ… ma finché il problema non si presenta è meglio non pensarci.
L’unica cosa verso cui mi sento di puntare il dito è il caos che gli autori stanno facendo con le parentele. Ormai non ci si raccapezza più. Conosciamo già quelle passate e in questo episodio ne è stata aggiunta un’altra: un anno prima, nel regno delle fiabe, scopriamo che la strega cattiva è sorella maggiore di Regina, ma solo da parte di madre e odia Cora per averla abbandonata nel regno di OZ. Inoltre è stata anche lei allieva di Tremotino, che ovviamente non è morto ma è tenuto prigioniero da lei, e ora lei vuole vendicarsi di Regina. Noi sappiamo che è stata lei a mandare la nuova maledizione, quindi l’avrà fatto proprio per far soffrire Regina. Quest’ultima, purtroppo, a Storybrook, non può ricordare questa conversazione. Quindi lì il colpevole deve ancora essere trovato e così Emma stringe un’alleanza con Regina all’insaputa di tutti. Nel frattempo succede che la strega cattiva vuole fare da balia al figlio di Snow, la gente sparisce per mano della scimmia alata, Emma si chiede che fine abbia fatto Neal (ingelosendo Hook) e Regina soffre perché Henry non si ricorda di lei. Nel passato, a causa della sofferenza per la mancanza del figlio adottivo, voleva addirittura fare su se stessa un incantesimo del sonno cosicché non avrebbe più sofferto. Poi però torna sui suoi passi: quando scopre tutto sulla strega cattiva, decide di avere un nuovo scopo nella vita, ossia distruggerla. In più entra nel castello con l’aiuto di Robin Hood che a quanto pare non si ricorda di lei, mentre Regina si ricorda di lui e sembra trattarlo con sufficienza. Un altro elemento che mi è piaciuto è proprio relativo al personaggio di Regina: once upon a time_313_dprima era un po’ altalenante, ma da quando l’ultima volta ha deciso di “diventare buona per Henry” sta mantenendo la promessa e la caratterizzazione del suo personaggio mi sta piacendo molto. Ad ora è il character migliore e Lana Parrilla è brava a trasmettere le sue preoccupazioni verso il figlio.

Insomma, un buon episodio che cambia le carte in tavola mostrandoci ancora di più di questo nuovo assetto. Nella Storybrook del presente i nostri devono capire cosa è accaduto, mentre nel passato gli autori hanno ancora molto da mostrarci sull’anno passato dai personaggi. Mi sembra che ci sia ancora molto da dire su questo nuovo filone e spero che si continui su questa strada.

Per restare sempre aggiornati su Once Upon a Time con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Once Upon A Time Official Fan Club Italia

Comments
To Top