0Altre serie tv

Delirium: Recensione dell’episodio 1.01 – Pilot

Nonostante la rigida bocciatura della FOX, la casa di produzione di questa serie ha rilasciato il primo episodio girato del telefilm Delirium attraverso la piattaforma Hulu. La serie, tratta dai libri dell’autrice statunitense Lauren Oliver, non ha raggiunto l’obiettivo sperato delirium 101 aed i fans della scrittrice si dovranno accontentare di questo episodio disponibile on line. Dopo aver ammaliato numerosi lettori, l’eroina di Delirium era pronta a conquistare la simpatia dei nuovi telespettatori, ripercorrendo i passi delle predecessori Beatrice Prior di Divergent e Katniss Everdeen di Hunger Games. Ma sfortunatamente per lei il tentativo si è risolto in un grosso, enorme buco nell’acqua.

La storia narra le vicende di Lena, una giovane ragazza di quasi 18 anni. A vestire i panni della protagonista vi è niente di meno che Emma Roberts: esile, minuta e convincente, l’attrice dona grazia e femminilità al suo personaggio, rendendola fin troppo delicata per essere una ribelle combattiva. Lena vive in una città del domani, dove la malattia più temuta e combattuta è l’amore. La popolazione attende con ansia il compimento dei 18 anni, quando ogni ragazzo ed ogni ragazza sono sottoposti alla Cura, capace di privarli di qualsiasi sentimento. Fino a quel momento i giovani adolescenti sono divisi, costretti a vivere nella solitudine, impedendo loro di coltivare affetti sinceri. In un primo momento la giovane protagonista appare ansiosa di ricevere la tanto agognata cura, ma mentre viene sottoposta agli esami necessari per assegnarle il compagno della vita, Lena incontra Alex. delirium 101 fA ricoprire il ruolo del giovane infiltrato ribelle c’è Daren Kagasoff, ricordato soprattutto nella serie La vita segreta di una teenager americana. Personalmente non ho apprezzato molto la sua interpretazione. Per cominciare l’ho trovato fuori “misura” per la Roberts: troppo grande, troppo maturo, troppo duro, per affiancare una figura minuta come quella di lei. Inoltre, Kagasoff appare piatto e scontato, sia nelle espressioni che nelle movenze. C’è troppa banalità. Ho trovato il personaggio di Alex poco interessante e l’interpretazione di Kagasoff poco brillante, offuscato forse dalla superiorità della Roberts, a suo agio nelle vesti di Lena.

Alex è un membro dei ribelli, che nei panni del poliziotto “curato” controlla che l’intera popolazione rispetti la dittatura, ma ciò che non si sa è che in realtà, il giovane si è procurato da solo le cicatrici simbolo dell’operazione, fingendosi così uno dei sani. In realtà Alex è esposto al Delirium, cosa che scoprirà innamorandosi di Lena. La ragazza lo porterà a scoprire il valore dei sentimenti e l’elevato numero di reazioni inspiegabili causate dall’amore, offuscandogli il giudizio e la mente. È così che nei momenti conclusivi dell’episodio Alex riesce a far scappare Lena dal recinto intorno alla città, lasciandosi però catturare. Ma perché Lena è tanto importante per i ribelli? A quanto pare la ragazza è la sola capace di ritrovare il padre creduto morto: il solo in grado di combattere la cura. Vi ricorda niente? A me fa venire in delirium 101 gmente The Tomorrow PeopleStephen in fondo aveva la stessa missione!

Affianco al filone principale si sviluppano le vicende di molti altri personaggi, dalla frivola Hana di Jeanine Mason, al tonto Julien di Gregg Sulkin, passando per l’indecifrabile padre di Julian di Billy Campell.

Insomma l’episodio non è stato dei migliori. La Fox ha rifiutato la serie e non è difficile capirne il perché. Poco entusiasmo, poca incisività, poco interesse. Delirium racconta l’intensità dell’amore, senza metterci la giusta intensità!

Comments
To Top