fbpx

Candice Accola parla di The Vampire Diaries

Di seguito un’intervista di Faran Krentcil a Candice Accola, famosa per il ruolo di Caroline Forbes nel serial vampiresco “The Vampire Diaries”, pubblicata su NylonMag.com .
La volpe Caroline Forbes di “The Vampire Diaries” ci dimostra quanto possa risultare crudele essere gentili… oppure essere delle vere pop star giapponesi. Come potrebbero raccontare molte altre ragazze pubblicate sulla copertina di NYLON, è divertente essere una cattiva ragazza – e meglio ancora essere cattiva solamente per una recita davanti alle telecamere. L’ultima bionda ad aver assaggiato la gloria da femme fatale? Candice Accola / Carolyn Forbes. Potrebbe non essere l’eroina dagli occhi amorevoli ma hey, questo è il motivo per il quale l’amiamo.

Cominciamo con la domanda difficile – abbiamo realmente bisogno di altri vampiri?
Direi di no, ma devo confessare che c’è bisogno di questo show perchè non è come te lo aspetteresti. Succedono molte cose, è veramente eccitante e sei obbligato a guardare tutti gli episodi perchè non è uno spettacolo la cui trama si muove lentamente. Ci sono un sacco di cose pazze che accadono continuamente.

Più pazze del giocare a baseball con Edward Cullen (protagonista di Twilight)?
Si. Credo che la nostra storia sia più pazza e sia più ricollegabile alla nostra generazione perchè ci sono tanti personaggi diversi. Poi abbiamo molto più tempo per costruire le varie situazioni. Non è come avere un’ora e mezza per fare tutto. Ci sono vampiri e nel primo episodio nessuno sapeva nulla sui vampiri.

Sono lo stesso tipo di vampiri di True Blood?
No, affatto.  Non dobbiamo essere pazzi come in True Blood, ma è interessante comparare i due show. Lo facciamo sempre anche durante le prove domandandoci cosa significhi realmente trasformarsi in vampiri. Siamo andati ad esempio dagli sceneggiatori e gli abbiamo chiesto letteralmente “Come sono i nostri vampiri?”

Prima di accettare un ruolo in questo show, non eri una pop star giapponese?
Si, una sorta di… Okay, sì lo ero.

E sei andata in tour anche con Miley Cyrus, vero?!
L’ho fatto! Ci sono stata lo scorso anno. Nel periodo in cui c’era lo sciopero degli sceneggiatori a Los Angeles, avevamo necessità di guardarci intorno per trovare maggior lavoro. E sono stata davvero molto fortunata a trovare questa occupazione!

In una parola, com’è stato essere una corista di Hannah Montana?
Um, assordante? E’ stata un’esplosione, avevo già lavorato con il regista della band; ha prodotto il mio cd quando mi trasferii per la prima volta a LA. Ed ero amica con il resto della band, dunque sono stata pagata praticamente per andare in giro con amici. E Miley ha un talento grndioso! Quindi che altro farei durante uno sciopero?  Andare in tour con una pop star Disney! E’ stato il tour più venduto nell’ultimo decennio, quindi farne parte è stato davvero qualcosa di storico, E’ stato un sogno.

Credo che tu sia amica anche degli altri attori del cast di Vampire Diaries, vero?
Assolutamente sì. Il cast esce insieme praticamente ogni sera. Nina [Dobrev] vive con me e ci troviamo veramente bene fuori dal lavoro.

Qualcuno in Georgia guarda segretamente Degrassi come avviene qua a New York?
Sì! Tutto il tempo. E’ stata riconosciuta molto, sia qui sia a Los Angeles. E’ così popolare in Canada che alcune volte ne è rimasta veramente sorpresa perchè non si aspettava che diventasse una così grande hit americana.

So che non puoi ancora parlare molto del tuo personaggio dal momento che non si vuole dichiarare ancora nulla sul futuro di Caroline Forbes, ma il tuo manager mi ha detto che il tuo ruolo è come Spawn di Satana?
Non è Spawn di Satana (la storia di Spawn su wikipedia)! No! Non è stata capita! Seriamente, ha appena ricevuto un sacco di cose. Adoro vestirne i panni. Le battute che devo dire, lo sai, è divertente essere impudente e manipolativa.

E come funziona sul vostro set l’assaggio del falso sangue?
Ad essere onesti, non lo so ancora! I vampiri non me l’hanno ancora dato ma credo che qualunque sangue sia, sarà come uno sciroppo di mais. Nina ha detto che l’ha provato e sa di frittelle. E credo sia migliore di quello di True Blood, Nina ha comprato per me una bottiglia di True Blood di ritorno dalla ComiCon…

Non vuoi andare alla ComicCon?
Uh no. Ne ho già avuta una durante il tour di Hannah Montana.

Mara D.

Founder e Admin di Telefilm-Central.org. Amante delle serie tv, del cinema e dell'universo Internet :-)

Articoli correlati

Back to top button