fbpx
Arrow

Arrow: Recensione dell’episodio 3.15 – Nanda Parbat

Nel numero 232 di Batman uscito nel 1971 e intitolato “The Daughter of the Deamon”, Robin (fedele secondo di Batman) veniva rapito daArrow-3x15 Ras’al’Ghul che necessitava dell’aiuto dell’uomo pipistrello per poter liberare a sua volta sua figlia Talia. I due si avventuravano nella località di Nanda Devi per liberare la ragazza, ma il tutto si rivelava essere un enorme “prova di coraggio” di Ras per testare se Bruce Wayne potesse essere il suo erede a capo della Lega degli Assassini. Nel 2015 il quindicesimo episodio di questa terza stagione di Arrow, oltre alle micro trame e ai flashback, ci presenta una storia simile, o che finisce nelle stesso modo, con la proposta del cattivo dei cattivi di fare di Oliver il suo successore. Avevo già scritto di come ci fosse molto Batman e molta oscurità alla Nolan in questa stagione, ma mai come in questo episodio la connessione tra i due eroi della DC è palese. Gli autori sono andati oltre le somiglianze di base dei due personaggi (belli, ricchi, con famiglia decimata e dal passato pieno di ombre) hanno preso una storia dal fumetto dell’altro e questo, unito al costume di Atom, ha fatto fare la hola alle cellule nerd sparse nel mio cervellino.

Arrow si sta evolvendo quest’anno, sta cercando di diventare grande, vuole fare la serie matura che non si affida più a cattivi di episodio, un po’ stile procedurale come era agli inizi, vuole raccontare una storia passo passo. Infatti abbiamo potuto notare come questa terza stagione non abbia avuto una vera e propria trama orizzontale e anche la morte di Sara, non ha la forza trainante che aveva Slade lo scorso anno. Probabilmente gli sceneggiatori stanno cercando di cambiare la serie piano piano, non affidando più a Ollie e alla gang un cattivone da abbattere ma aumentando la parte introspettiva, affrontando temi più interessanti e narrando una storia che dovrebbe sorprendere ogni settimana e che non è possibile sapere dove andrà a parare.Arrow-3x15-2 Ma come sempre avviene, il cambiamento non può avvenire troppo velocemente, e spesso è necessario un periodo di assestamento: quello che noi stiamo vedendo adesso. Abbiamo già sottolineato nelle precedenti recensioni, come il troppo uso di storyline parallele inutili (Thea, Laurel, Lance, Atom) unite ad uso sbagliato dei flashback (e annesse parrucche) stia trasformando questi ultimi episodi in minestroni. Tensione spezzata da scene inutili, e quindi noia e da Arrow questo non lo vogliamo vedere.

Ma come cantano Florence & The Machine “it’s always darkest before the dawn” e questo episodio con il suo finale e il colpo di scena della prode Felicity sono uno spiraglio per chi in Arrow ancora ci crede e vuole stare in tensione come lo scorso anno. Arriverà l’alba e Ollie sarà il nuovo Ras? Ha definitivamente perso Miss Smoak? Thea smetterà di lamentarsi? E qualcuno avrà liberato il povero Malcom o lo hanno lasciato appeso come un provolone su i carboni ardenti?Dobbiamo aspettare il 18 Marzo per saperlo, e forse l’attesa non sarà così snervante ahimè.

Ultima nota tecnica, la regia di Gregory Smith (piangiamo insieme perché non c’è più Everwood) mi è piaciuta molto. Ha saputo dare unArrow-3x15-6 tocco cinematografico ad un episodio che lo meritava, e che ne ha beneficiato; molto belle le riprese nel combattimento con Nissa vicino all’elicottero e quelle dentro Nanda Parbat, spero vivamente che ritorni.

Nerd del mondo unitevi, se Felicity Smoak nell’arco di 10 episodi ha baciato tre super eroi DC, si è divertita con uno di essi e ha anche salvato Starling City da Brick nel mentre, c’è speranza…per tutti.

Buon weekend e come sempre good luck!

Per restare sempre aggiornati su Arrow, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per You can inspire people.ϟ ARROW & the FLASH ϟ

Comments
To Top