fbpx
Looking

Looking: Gli autori rispondono alle critiche

Looking, al suo debutto, può sicuramente contare sul favore della critica, non solo d’oltreoceano. Sono molti, infatti, anche nel Regno Unito ad aver apprezzato la serie. Di questo, Nick Hall, responsabile del settore comedy dell’HBO, in occasione del panel tenuto dagli autori della serie nei giorni scorsi, si è detto sopraffatto. Ha tenuto, però, a sottolineare che alcune Looking1X05-3critiche negative sono state davvero aspre. Queste critiche arrivano proprio da una fascia di spettatori gay, che hanno lamentato il fatto che la serie non rappresenti la comunità LGTB nella sua totalità.

Al panel era presente anche Michael Lannan, produttore esecutivo e autore della serie, insieme ad alcuni altri autori: JC Lee, John Hoffman, Tanya Saracho. Lee, in particolare, ha precisato: “La nostra comunità gay ci sta osservando come se ci fosse un solo modo per descrivere l’essere gay, e noi non lo stiamo mostrando. E’ una ‘trappola della minoranza’, se hai un lavoro che mostra una comunità, c’è questa sorta di fattore d’identità, per628x471 cui se mostri un certo tipo di omosessualità, non stai onorando l’omosessualità per ciò che è. E’ come se l’omosessualità sia minacciata da uno show che cerca di normalizzarla”.

L’altra pesante critica rivolta alla serie è stata quella di essere noiosa, ma gli autori si difendono dicendo che lo stile è frutto di scelte fatte consciamente, nonostante si tratti di una critica che fa male, come conferma Saracho: “Continuano a chiamarci il Mondo della Noia. Preferirei che odiassero lo show anziché definirlo noioso”. Hoffman continua: “Non per difendere il “noioso”, ma è intenzionale. E’ diventato parte della serie. Ogni episodio sembra un ‘indie movie’ di mezz’ora”. JC Lee ha poi parlato dell’atmosfera intima che si è creata tra gli autori, che parlano di sessualità, problemi dovuti a differenze etniche-culturali, esperienze personali: “Riveli i tuoi segreti più profondi e finiscono nello show”.

LookingGli autori hanno poi discusso del titolo della serie, Looking, idea dell’ultimo minuto. Le altre opzioni erano Homos e Golden Boys, ma sembra che abbiano fatto la scelta giusta, soprattutto rispetto al fatto che Looking (Ricerca) esprime nella maniera migliore il fatto che la seria mostri questi tre ragazzi nella loro ricerca di un’uscita dal loro ambiente sicuro.

Lannan ha poi spiegato come il complimento migliore che abbiano avuto sia una storia raccontata da Jonathan Groff, che ha raccontato di aver visto un episodio con il fratello e la sorella etero: “E’ stato un gran momento perché lui ci ha detto che loro non sono mai statti coinvolti così tanto da un personaggio gay in Tv. E’ bellissimo sentire cose del genere”.

Il sesto episodio della serie, ‘Looking in the Mirror’, andrà in onda Domenica 23 Febbraio, alle 22.30 su HBO.

Comments
To Top