fbpx
Recensioni Serie Tv

Desperate Housewives – 6.09 Would I Think of Suicide?

Il suicidio. Per certi versi “Desperate Housewives” deve la sua nascita proprio a questo gesto estremo. Partì tutto con una pistola, custodita in un armadio dentro una scatola, impugnata da una casalinga disperata, Mary Alice Young (Brenda Strong) soffocata dai ricatti e dagli orrori commessi quando ancora si chiamava Angela Forester. Questa tematica è stata un po’ accantonata col resto delle stagioni ed è per questo che l’ultima puntata andata in onda in America è risultata notevolmente originale, oltre ad avere delle trame avvincenti e corali da renderla una delle migliori di questa sesta serie.

 

Di questo passo le mie recensioni rasenteranno la banalità ma siamo nuovamente dinanzi ad un episodio perfetto. Ogni personaggio ha avuto il suo spazio, con vicende sempre interessanti e, udite udite, i desaparecidos son tornati. (per la cronaca, faccio riferimento ad Ana, Porter/Preston etc)

Ci siamo lasciati, nella scorsa recensione, con un nuovo crimine commesso alla caffetteria “The Cup of Coffee”. Emilie, una cameriera del locale, è stata misteriosamente strangolata dallo stesso maniaco che tentò di uccidere Julie Mayer.

La vicenda sconvolge quest’ultima e, in particolare, sua madre Susan (Teri Hatcher) che, preoccupata che sua figlia si riveda con il suo maturo amante, indaga. Purtroppo incappa in una ‘pista sbagliata’ che le darà modo però di scoprire il suo ex marito Karl spassarsela con Bree (Marcia Cross). La donna, che inizialmente tenterà di ‘vendicarsi’ sulla rossa vicina di casa ad un corso di auto-difesa (una delle scene più spassose di sempre, merito anche della presenza di Kathrine Joosten, indimenticabile Mrs. McClusky), perdonerà in seguito i due amanti in una scena, a mio avviso, piuttosto sbrigativa. (almeno io mi aspettavo più ‘risentimento’ da parte della Mayer)

Davvero ben fatto l’intreccio tra le trame di Lynette (Felicity Huffman) e Gabrielle (Eva Longoria Parker). Alla prima le viene trasferito l’ufficio in un piccolo sgabuzzino, e decide di fare causa ai Solis. La seconda invece, convince il marito a perdonare le menzogne della sua dipendente, con successo. Ma, al momento del ‘rappacificamento’, il legale degli Scavo recapita la denuncia, rompendo nuovamente i legami tra le due famiglie. L’epilogo sarà infelice per Lynette che verrà licenziata.

La nuova casalinga, Angie Bolen (Drea De Matteo), sarà la prima a fare i conti col suicidio. Suo figlio Danny, infatti, dopo esser stato rifiutato definitivamente da Julie, s’imbottisce di farmaci per farla finita. Sarà portato d’urgenza in ospedale dove si riprenderà e svelerà alla pettegola vicina/infermiera Mona Clark che il suo vero nome è Tyler.

Decisamente una spanna sopra le altre la ‘pazza’ di stagione, Katherine Mayfair (Dana Delany). La donna tenterà insistentemente di far pensare al piccolo M.J. Delfino che sua madre è una cattiva persona per averle rubato Mike e, dopo averlo ritirato ad una festa di compleanno senza avvertire i genitori, viene affrontata da Mike che si rivolgerà a lei con parole crudeli al fine di farle cessare l’ossessione nei suoi confronti. E, quando l’uomo esce da casa, Katherine chiama il 911 dicendo di essere ferita e di perdere molto sangue per poi impugnare un coltello e pugnalarsi.

Una scena conclusiva davvero shockante che rappresenta, oltre al secondo tentativo di suicidio, l’apice dell’insanità mentale della rossa Mayfair e che ci lascia con molti quesiti. Primo fra tutti il destino di Katherine. E’ indubbio che si salverà (altrimenti non avrebbe chiamato i soccorsi prima di pugnalarsi)…ma tenterà di accusare Mike? O semplicemente di metterlo in cattiva luce? E, in ampio discorso… dopo tutti questi gesti estremi, sarà difficile farla ‘redimere’ agli occhi del pubblico e delle altre casalinghe e vedo molto probabile un’uscita di scena.
Di sicuro il prossimo episodio ci riserverà ancor più sorprese: Wisteria Lane sta per essere devastata da un disastro per la quarta volta. Stay Tuned.

 

LE PAGELLINE DELLE CASALINGHE:

Susan: Dopo due episodi in cui le sue trame erano discrete, torna a regalarci momenti esilaranti. La telefonata con Julie, lo spionaggio in albergo… e la battuta della settimana è sicuramente la sua: “solo una domanda…hai ricominciato a bere?”. 8/10
Lynette:
Se nello scorso episodio il trattamento riservatole da Carlos mi sembrava adeguato, adesso inizia a farmi pena. Grandiosa Felicity, come sempre. 7,5/10
Bree:
Non brillantissima come nella scorsa puntata ma in accoppiata con Susan è sempre convincente! 7,5/10
Gabrielle:
Mi è piaciuta poco. Forse quella che m’è piaciuta meno. 6/10
Katherine:
In una delle passate pagelline l’avevo definita “la più disperata di tutte”. Il gesto di quest’episodio lo conferma. E Dana Delany è sempre più brava come attrice. 10+/10
Angie:
Sono rimasto un po’ deluso, sinceramente. Non dal personaggio, ma dalla sceneggiatura. Drea de Matteo è un’Attrice con la A maiuscola e in ruoli drammatici è sensazionale. Sarebbe stato favoloso vederla più disperata per il suicidio di Danny. Rimane comunque tra le migliori! 8,5/10

Pietro

Seguace fedele di (quasi) ogni prodotto che porti la firma di Alan Ball (Six Feet Under; True Blood) o del più mainstream Ryan Murphy (Nip/Tuck; Glee; American Horror Story), iniziato al mondo telefilmico da Desperate Housewives e attualmente telespettatore di Homeland, Mad Men, Game of Thrones, Shameless. Appassionato anche di Cinema (con una passione per gli auteur), Musica, Letteratura, Costume Dramas, Parigi (beh, più che una città è uno stile di vita!). Presenza fantasma dello staff di Telefilm Central, leggende narrano che appaia e scompaia in varie sezioni del sito a piacimento (o in vista di incarichi stimolanti).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio