fbpx
Recensioni Serie Tv

Desperate Housewives – 6.07 Careful The Things You Say

“Attento a ciò che dici”… argomentazione non del tutto nuova per quest’episodio di Desperate Housewives, il settimo della nuova stagione telefilmica! Sono proprio i segreti la colonna portante di tutta la puntata e soprattutto quanto vogliamo mostrare dei nostri scheletri nell’armadio. E, purtroppo, anche questo episodio, nonostante si avvicini tantissimo alla perfezione, mostra qualche pecca.

(tutte le immagini dell’episodio nella nostra Gallery!)

Se nello scorso episodio la ‘ciliegina sulla torta’ mancante era imputabile alle trame di Lynette (Felicity Huffman), che in questo episodio invece fanno un salto qualitativo non indifferente, a questo giro è la simpatica Susan (Teri Hatcher), che dall’inizio di stagione ad ora era un po’ la “protagonista morale” del telefilm, a non convincere appieno in mia modesta opinione. E, siccome preferisco tenermi il “best for last”, inizierò proprio da lei.

Forse c’eravamo un po’ viziati nel vederla al centro delle vicende principali, d’altronde è giusto che anche le altre casalinghe abbiano il loro spazio e, se questo vuol dire ammirare la strepitosa Angie (Drea de Matteo) in più scene…. Non c’è da lamentarsi!
Convinta proprio dalla nuova casalinga italoamericana, Susan si reca dalla polizia per dirigere i sospetti su Katherine (Dana Delany), grande assente dell’episodio. Ad occuparsi delle indagini sarà una vecchia compagna di college di Susan, da lei non riconosciuta, che cercherà di vendicarsi della donna dopo che questa le rubò il fidanzato in adolescenza.

Gabrielle (Eva Longoria) è nuovamente alle prese con sua figlia maggiore, Juanita, e l’istruzione a domicilio. Incapace di spiegarle in maniera esaustiva le frazioni, si approfitta della presenza della nuova colf, immigrata rumena ma laureata e molto capace. Vicissitudini le sue non fondamentali alla storia ma sicuramente comiche e piacevoli.

Lynette invece è nuovamente in una scomoda posizione. Dopo aver scoperto che il “ragazzo” di Julie è Nick Bolen (Jeffrey Nordling), uomo più grande di lei (d’altronde la passione di Julie per i maturi è ormai cosa risaputa) e per giunta sposato, la donna deve nuovamente nascondere la verità all’amica Susan e, per di più, quando prova a ‘consigliare’ al marito di Angie di rompere con Julie, lui sembra non prenderla bene, minacciandola.

Protagoniste ‘morali’ dell’episodio invece sono state Bree (Marcia Cross) ed Angie. Quest’ultima invita i coniugi Hodge per una cena, con l’intento segreto di far assaggiare alla sua vicina la sua cucina italiana e farsi assumere nell’attività di catering. Bree, “non fan di Angie Bolen” e dei suoi modi schietti, rifiuta di accoglierla nella sua società ma, quando si troverà in difficoltà nel cucinare piatti italiani per dei clienti della nostra bella penisola, si convincerà ad assumerla, non prima, però, di averla ‘raggirata’ e convinta a farsi dare le ricette segrete della Nonna Bombelli!
Le due donne, per tutto l’episodio, daranno vita a siparietti comici e interessanti, oltre a rendere omaggio all’Italia e alla sua cucina nominando Gnocchi, lasagne verdi, arancini e marinare!

Angie inoltre sorprenderà (ma anche no) un po’ tutti, rivelando che era a conoscenza della relazione extra coniugale del marito, che perdonerà. Non prima di avergli dato un pugno in faccia, ovviamente!

Con l’avvicinarsi della messa in onda italiana (che, colgo l’occasione per ricordarlo, avverrà su Foxlife, canale 112 di Sky, martedì 17 novembre alle 21:00), noi spettatori della ‘differita’ statunitense siamo ormai nel vivo della storia. Finora mai un episodio troppo riempitivo, tutto rimane su standard molto alti. Qualche alto e basso nelle singole storyline di alcune casalinghe, ma tutto molto ben bilanciato. E mancano solo tre episodi prima della ‘pausa invernale’ e sicuramente non mancherà un gran bel cliffhanger che ci terrà col fiato sospeso per tutte le vacanze natalizie!

LE PAGELLINE DELLE CASALINGHE:

Susan: Inutile. Per una volta avranno gioito i tanti ‘haters’ che l’hanno potuta ammirare dietro le sbarre. A me lei piace molto e le sue trame non le ho apprezzate. Molto di contorno. 6/10
Lynette:
Finalmente! Inserita un po’ nel mistero, sembrava esser lei la madre di Julie. Dopo sei episodi d’inutilità il suo personaggio torna ad avere un senso! Voglio sbilanciarmi, 7,5/10
Bree:
Meravigliosa. Ci siamo un po’ sbarazzati, per fortuna, delle sue vicende da adultera. E l’abbiamo vista interagire con quella che è la casalinga più ‘distante’ dal suo modo di essere. Dalla loro unione potrebbero nascere delle belle vicende! 9/10
Gabrielle:
Riempitiva, coma al solito. Ma piacevole ed esilarante. 7/10
Katherine:
Come nella 6×03… non classificata! N.C.
Angie:
Non riuscivo a comprendere il perché Cherry e il pubblico erano così entusiasti per l’ingresso di Drea de Matteo nel cast, probabilmente perché non l’avevo mai vista in azione nei panni di Adriana La Cerva (serie televisiva cult “The Sopranos”, per cui si è guadagnata il Golden Globe come miglior attrice non protagonista)…ma dalla season premiere non ho potuto far altro che adorarla. E vederla impegnata in più scene, in quest’episodio, me l’ha fatta personalmente eleggere la migliore. 10/10

Pietro

Seguace fedele di (quasi) ogni prodotto che porti la firma di Alan Ball (Six Feet Under; True Blood) o del più mainstream Ryan Murphy (Nip/Tuck; Glee; American Horror Story), iniziato al mondo telefilmico da Desperate Housewives e attualmente telespettatore di Homeland, Mad Men, Game of Thrones, Shameless. Appassionato anche di Cinema (con una passione per gli auteur), Musica, Letteratura, Costume Dramas, Parigi (beh, più che una città è uno stile di vita!). Presenza fantasma dello staff di Telefilm Central, leggende narrano che appaia e scompaia in varie sezioni del sito a piacimento (o in vista di incarichi stimolanti).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio