Attori, Registi, ecc.

10 domande a Eliza Dushku, star di Dollhouse

Un’intervista all’attrice protagonista di “Dollhouse”, il nuovo serial targato Joss Whedon.
(Intervista tratta da TheTvAddict.com)

Puoi parlarci un po’ di come è nato Dollhouse?
Volevo fare un nuovo show televisivo, ma non semplicemente uno show qualsiasi, volevo fare qualcosa di speciale e grandioso. Quindi dopo essermi incontrata con i miei amici della FOX, ho chiamato Joss (Whedon), che a dire la verità era l’unica persona che avevo in mente, e siamo andati a pranzo. Lì gli ho chiesto di scrivermi lo show più bello che potesse scrivere e ha accettato

 

Beh dev’essere bello avere amici così pieni di talento!

 

Sì lo è e Joss ne ha da vendere. Glielo devo.

 

Visto che sei stata di aiuto nel concepimento della serie con Joss, possiamo dire che per la prima volta hai più voce in capitolo sul destino del tuo personaggio, rispetto a Tru Calling?

Grazie a Dio! Questa è la nostra creatura, mia e di Joss. Quindi sono in una posizione decisamente migliore per essere ascoltata, rispetto a qualsiasi altro lavoro abbia fatto.

 

Cosa ci puoi dire riguardo il tuo personaggio, Echo?

Non è molto facile parlare di Echo, perchè non ha una vera e propria personalità. Detto questo, nella prima puntata, incontriamo una giovane donna distrutta, nei pasticci e non ha altre reali alternative se non unirsi a questa organizzazione per cinque anni. Quindi entra, firma un pezzo di carta e l’immagine successiva che abbiamo di lei è che vive nella Dollhouse. Echo fa la “bambola”, la marionetta, a contratto.

 

Cosa sai riguardo il tipo di persona che era Echo prima di entrare nella Dollhouse?

Joss e io abbiamo discusso molto su chi fosse Caroline prima di entrare nella Dollhouse, ma sarà anche spiegato man mano che andiamo avanti.

 

Hai detto che Echo ha firmato il contratto per cinque anni, sai da quanti anni si trova lì nel momento in cui la incontriamo?

Sì lo so…e credo che sarà tutto spiegato.

 

Come attrice/produttrice che sta mettendo il 110% nella produzione, leggere e sentire tutti i malumori del dietro le scene ti ha scoraggiato?

La gente è interessata e questo è fantastico. Siamo contentissimi del fatto che le persone parlino dello show e per ogni cosa brutta che viene detta, ci sono migliaia di fan che non vedono l’ora di guardarlo. Ovviamente le critiche ci sono e i “lamentoni” non hanno veramente niente di meglio da fare che diffondere opinioni negative, ma a questo punto sarà solamente il 13 febbraio (data della premiere) che la gente potrà vedere con i suoi occhi.

 

Leggi le critiche?

A volte. Delle volte sono di aiuto e ti insegnano qualcosa. Mi ricordo, ancora al tempo di Tru Calling, credo fosse Entertainment Weekly, che diceva “lo show ha lo slogan E se avessi il potere di cambiare il futuro cambiando il passato…beh…Tutti hanno il potere di cambiare il futuro, è per questo che si chiama futuro”. E noi ci dicevamo “ecco! grazie Entertainment Weekly. E così la smettemmo di andarcene in giro pensando di avere uno slogan straordinario.

 

Per i fan che potrebbero essere sorpresi dalla mancanza di azione nel primo episodio, puoi assicurare loro che potranno vederti prendere a calci nel sedere qualche cattivo già nell’episodio successivo?

Li riassicuro, c’è gran battaglia nel secondo episodio. Si svolge in una foresta dove mi trovo per il mio incarico, in cui sono l’avventurosa accompagnatrice, per tre giorni, di questo ragazzo fuori di testa. Ovviamente le cose vanno fuori controllo e c’è decisamente azione, avventura, e gran calci nel sedere. Penso che non abbiamo iniziato la serie con questo perché sarebbe stato troppo scontato farmi piroettare e combattere. Volevamo creare una base che potesse provocare dei pensieri e del materiale per la storia, cosa che credo faccia bene il primo episodio.

 

 

Visto che sono un grande fan dei tuoi primi film, devo chiedertelo obbligatoriamente, pur sapendo che probabilmente non accadrà mai. Vedremo un True Lies 2?

 

(Ride) Era un bel film, vero? Delle volte è capitato che fossi in albergo e che passasse in TV, per cui lo guardavo e mi ricordavo di quanto fosse divertente. Ci sono state delle voci a riguardo, ma sono abbastanza certa che non se ne farà nulla.

 

Comments
To Top