fbpx
News Serie TV

Melrose Place: quando la soap va in onda in prime time

Con il revival di Melrose Place ormai imminente (partirà l’8 settembre su The CW in USA), in questo periodo sentivo il bisogno di seguire l’originale degli anni ’90. E grazie a Rai4 questo bisogno mi è concesso! Quindi ecco quello che bisogna sapere di Melrose Place: 7 stagioni, circa 30 episodi a stagione, cast molto ricco di allora giovani volti sconosciuti ormai divenuti famosissimi. Creato da quel grande produttore che era Aaron Spelling. Genere di telefilm: soap-opera. Ebbene si. Non è un drama, o peggio, un teen-drama (nonostante sia nato da una costola del teen-drama Beverly Hills 90210 anche lui con la sua variante 2.0 come tutti sapete), ma una soap-opera a tutti gli effetti. Non ci credete? Allora spulciamo qualche trama della serie, le prime, quelle che sto seguendo io su Rai4.

Dopo una prima stagione in cui non è capitato nulla di eclatante, la seconda stagione inizia a trattare di vari temi: prostituzione, stupri, violenza sulle donne, tradimenti, tentati omicidi, ricatti e chi più ne ha più ne metta. Ci sono tanti personaggi in questa serie e tutti hanno la loro storia. Le più importanti, o quelle che attirano di più, sono senz’altro quelle con protagonisti Sydney, Michael, Kimberly e Jane. Questo quartetto ci ha offerto tantissime storie al limite del trash, tra ricatti e resurrezioni. Per far luce, vi dico solo che Michael (Thomas Calabro, che tornerà nel nuovo Melrose Place) investe con l’auto Kimberly dopo che lui bevve alcolici. Kimberly finì in coma e presto arrivò la notizia della sua morte.
Nel frattempo, Michael riesce a convincere tutti che la notte che investì Kimberly non era ubriaco grazie alla modifica dei dati all’ospedale (tanto lui è medico..), ma Sydney (Laura Leighton, anche lei morta e risorta varie volte e che tornerà nel nuovo Melrose Place) sa la verità. Ecco quindi che questa “simpatica” ragazza ricatta Michael e gli dice che dirà tutta la verità alla polizia se lui non la sposa. Quindi i due chiaramente si sposano e, come una coppietta felice, nel corso delle puntate tenteranno di ammazzarsi l’un l’altro (una stupenda scena è quella di un sogno di Michael dove uccide Sydney con un coltello affilato, lui si sveglia e dà il buongiorno alla cara mogliettina dicendo di aver fatto sogni stupendi). E tra insulti e sputi, tra i due sembra quasi nascere l’amore, ma ecco che in una scena finale di un episodio della seconda stagione (il numero non lo ricordo, abbiate pazienza, sono 30 episodi a stagione circa!), tah dah… ecco che riappare Kimberly (una allora giovane Marcia Cross aka Bree Hodge di Desperate Housewives) che guarda i due da lontano con aria di sfida.
Ora vi direte: ma non era morta? Eh no! Come in ogni soap che si rispetti, alla domanda “ma non eri morta?” il risorto risponde “ma cosa dici? è stata mia madre che si è fatta prendere dalla situazione!”. Certo. Comunque gli episodi passano e Kimberly, ormai tornata a Melrose, sembra più pazza che mai. E lo è! Eh si, lei ora vuole vendetta per ciò che Michael le ha fatto, ma prima deve far fuori Sydney per rimettersi con lui! Ma non uccidendola, sarebbe troppo scontato!
Andiamo con ordine e torniamo a Kimberly: lei è pazza, ma non per sua volontà sia chiaro, perchè ha subito un operazione al cervello e abbiamo anche una mega cicatrice che lo dimostra. Ora però possiamo tornare a parlare di Syd. Dopo che Kimberly è tornata da Michael, dato che è senza casa e senza lavoro, cosa fa? Decide di prostituirsi, e lo fa con classe. Già in passato lavorava per un agenzia di battone d’alto borgo e quindi già aveva i suoi clienti. Ma quando la sua boss viene a saperlo, ecco che la minaccia di morte: o le da i soldi che le ha rubato o lei muore. A questo punto Syd deve ricominciare da zero, andando a battere su altre strade, dove viene picchiata però da altre prostitute del posto. Kimberly poi lo scopre e, vi avevo detto che voleva vendicarsi su Michael, no? Ecco allora che persuade Sydney dicendole che è tutta colpa di Michael se ora lei è una prostituta e quindi come ringraziarlo? Uccidendolo. Avevo scritto che Kimberly è pazza, vero? Quindi aspettatevi un piano diabolico sotto tutta la faccenda: Kimberly decide assieme a Syd di drogare prima Michael, poi infilarlo in macchina e accenderla, aspettando poi che lui si intossicasse col gas. Ma la sfiga vuole che Jane, sorella di Syd e ex-moglie di Michael, salvi Michael e quindi il piano va a farsi benedire. Nulla è perduto: al matrimonio dell’amica Allison, dove scopriamo che lei da piccola ha subito violenze sessuali dal padre, Kim decide di rubare le chiavi dell’auto di Jane, mettersi una bella parrucca bionda e, nel momento più propizio, investire Michael. E ci riesce! E lui perde la memoria! Intanto arrestano Jane, ma lei ha un alibi quindi è scagionata.. Quindi con chi prendersela? Ma con Sydney! Lei prima viene arrestata, tradita anche da Kimberly (che cattivella!), nessuno le crede quando dice che non è stata lei ma Kimberly a tentare di uccidere Michael. Sapete che succede? Esce di galera grazie alla cauzione. Chiaramente non è finita qui perchè Syd non sarà libera (troppo semplice) e finirà in un manicomio! La sua vacanza in manicomio però è breve perchè finge di ammettere di essere stata lei (praticamente lei ammette di essere pazza) e quindi viene lasciata libera sotto la custodia di.. Jane! Inutile dire che ora ci aspettando nuovi drammi per Syd e tutti gli altri.

Questa è solo una parte di quello che può succedere a Melrose Place, il resto dovete scoprirlo voi! E chi non vuole sapere che cosa accadrà alla gravidanza di Jo, avuta grazie allo stupro di un pazzoide? Scopritelo solo a Melrose Place! Ma quello originale anni ’90!
Melrose Place comunque è una serie veramente molto coinvolgente, con un cast molto ricco ed esplosivo (mai sentito parlare di Amanda Woodward? No? Che aspettate allora?) e trame al limite del possibile ma che piaccion proprio per questo motivo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button