fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

White Collar: Recensione dell’ episodio 5.01 – At What Price

“…L’impossibile è la specialità di Neal…”
Eccoci qua, dopo un’asfissiante attesa inizia il quinto anno del nostro telefilm dove i criminali la fanno da padrona e i buoni, per una volta, rischiano di passare per cattivi e viceversa. Ci eravamo lasciati l’anno scorso con Peter incriminato ingiustamente per l’omicidio del senatore corrotto Pratt, omicidio commesso dal padre di Neal che ha pensato bene di darsi alla fuga lasciando il figlio e l’agente mentore nei guai fino al collo. Ma come citato nella frase in apertura di recensione l’impossibile è il pane quotidiano per Neal che sta cercando in tutti i modi di rendere giustizia al “SUIT”, come lo chiamerebbe Mozzie.
C’è una motivo però che lo muove ad agire per liberare Peter e Elisabeth gliela sbatte in faccia appena può; con Peter dietro le sbarre anche il patto per tenere Neal white collar 5x01fuori di prigione verrebbe meno e si vedrebbe costretto a condividere la cella proprio con l’innocente Burke. Ecco quindi che Neal in tutta la puntata cerca di far di tutto per cercare di risalire a Sam che sembra però essersi dato alla macchia. L’ingegnoso Mozzie cerca di convincere Neal a far uscire Peter di prigione con piani da “fuga perfetta” usando come al solito un po’ di trucchetti illegali. Ma i due si rendono conto in fretta di non avere gli agganci e gli strumenti necessari per scagionare Peter in modo pulito e quindi si affidano a una vecchia conoscenza, la prima nostra conoscenza criminale in questo telefilm: l’Olandese. Messo dietro le sbarre proprio da Neal nel corso della prima serie, l’Olandese sembra avere i contatti giusti con il procuratore che si è accanito contro Peter e accetta di aiutare Neal in cambio di un piccolo lavoretto.
Neal si vede costretto a voltare le spalle a suo padre e, usando uno strumento di distorsione della voce, prepara una confessione con i fiocchi che convincerà la giuria a dichiarare innocente Peter e colpevole proprio Sam. L’idea di sicuro è stata molto ingegnosa anche se speravo che gli autori ci avrebbero tenuto di più sulle spine tenendo Peter dietro le sbarre ancora per un paio di episodi. Il fatto di muovere Neal contro suo padre è stata però una bella white collarmossa che porterà di sicuro a  dei risvolti negativi in futuro; Neal dovrà fare i conti con la sua coscienza e con il fatto di avere ingannato sia Sam che Peter stesso. Proprio lo stesso Peter è incredulo di fronte a questa confessione di Sam e, stupito, chiede a Neal come abbia fatto a convincere il padre. Neal come sempre decide di mentire a Peter, azione che si sta ripetendo troppo spesso e che, a parer mio, lo farà cadere nei guai alla prima occasione.
Non solo mente a Peter riguardo la sua scarcerazione ma, per tutto il resto dell’episodio, compirà un furto alle spalle dell’amico rovinando ancora una volta il loro rapporto mandando in fumo anni di fiducia che si era guadagnato a fatica. Perché, se è vero che il buon Neal è riuscito a redimersi di tutti i crimini commessi, la sua indole non gli impedisce di provare a fregare il prossimo per un proprio tornaconto personale. Mi spiace che dopo tutti questi anni Neal non stia maturando una coscienza pulita; il fatto di farlo cadere spesso nella parte oscura è di sicuro realistico ma poco costruttivo per il telefilm. Neal liberato Peter deve sdebitarsi con l’Olandese e, con un esilarante piano messo a punto dai due maghi della truffa, deve recuperare delle monete gallesi per corrompere il procuratore dell’Olandese. Travestito da White-Collar-5x01-9pompiere, Neal entra nell’edificio recuperando le monete mentre Mozzie, si finge un pazzo suicida che deve fare in conti con una poliziotta psicologa che cerca di capire la causa della sua depressione. Veramente da morire dal ridere quando la poliziotta cerca di capire se Mozzie crede a tutte una serie di complotti mondiali per cercare di psicanalizzarlo mentre questi bluffa e afferma di non credere a nulla. Le monete sono così recuperate e Neal cade come un pero nella trappola dell’Olandese; ripreso dalle telecamere di sicurezza, è costretto a diventare il servo del truffatore che lo userà nel processo per far cadere le accuse per truffa e contraffazione. Peter intanto, tornato alla centrale, si vede impacchettato un bel premio produzione; il posto di vice responsabile al White Collar con un prospetto futuro di trasferimento a Washington. Entusiasta, Peter, cerca di brillare su tutti accettando un caso di un furto di monete gallesi; furto commesso proprio dal suo consulente. Insomma, Neal si è messo nei guai fino al collo; il karma ancora una volta gli si è ritorto contro e sta pagando le conseguenze delle sue azioni; costretto a mentire a Peter dovrà anche guardarsi le spalle dall’Olandese che sembra reggere i fili del suo destino.
Alla fine della puntata, Peter inizia ad annusare qualcosa nell’aria e decide di andare a trovare Neal per aggiornarlo sulla situazione. Mosso da molti anni da un senso di affetto verso il criminale, Peter dice a Neal del futuro che gli aspetta al White Collar e della sua scelta di affidarlo alla sorveglianza di un altro agente che lo terrà sott’occhio senza un briciolo di compassione. Neal riceve da Peter una sonora lezione che lo farà riflettere sulla sua condotta futura e, in aggiunta, una nuova cavigliera che non potrà essere manomessa da Mozzie per un bel po’.
Insomma, non sembra stia girando molto bene per Neal all’inizio di questa stagione; il suo rapporto con Peter sembra essersi sgretolato così come la fiducia, in bilico tra l’Olandese e la confessione di Sam che ha contraffatto, usando la voce del padre.  Tutto sommato Neal se la merita white collar 5x01 mozziequesta lezione, ho paura di vedere come reagirà Peter quando verrà a conoscenza della sua colpevolezza per la truffa delle monete gallesi. La stagione inizia alla grande; la carne al fuoco c’è e in quantità industriale (onestamente, mi sembra anche troppa per una sola puntata). Diciamo che non ci annoieremo in questa stagione anche se mi aspettavo uno svolgersi degli eventi più scaglionato e non così improvviso. Mettiamoci comodi e vediamo come farà questa volta Neal a farla franca, sempre se ce la farà.
stiamo tuned!
5.01 - At What Price

Spumeggiante

Valutazione Generale

User Rating: 5 ( 4 votes)

Edoardo Romanato

Aspirante sceneggiatore e accanito lettore vi accompagnerò alla scoperta del mondo dei telefilm recensendo le mie serie preferite

Articoli correlati

1 commento

  1. Discreta questa prima puntata che inaugura la quinta serie.
    Neal per far uscire al più presto Peter di prigione “stringe suo malgrado un patto” con una sua vecchia conoscenza che e in prigione, un piano un pò scervellotico e che prevede che lui deve imitare la voce del padre rilasciando un messaggio cui si addossa tutta la colpa, il messaggio funziona Peter viene scagionato da tutte le accuse (ma pensarci prima no? così almeno Peter evitava di stare in galera e Neal evitava di fare quella cosa) e non appena mette piede alla sede della White Collar gli viene proposto di prenderne il posto del capo e poi molto probabilmente verrà trasferito a Washington per un incarico molto importante.
    Mozzie intanto riesce a trovare il modo come disattivare la cavigliera senza allarmare l’Fbi, intanto Neal tenendo fede alla parola data deve rubare delle preziose monete per quel tipo in un posto molto sorvegliato, naturalmente ci riesce ma poi scoprirà che quella “era solo una diversivo” infatti il tizio ora tiene “in pugno” Neal perchè non si sà come ha la registrazione che lui ha rubato le monete e la divulgherà se non lo farà uscire di prigione.
    Come se non bastasse Peter ovviamente sospetta di Neal e gli dice che non sarà più lui ad essere il suo garante ma ne arriverà uno nuovo e gli cambia pure la cavigliera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio