Recensioni

Westworld: Recensione dell’episodio 1.06 – The Adversary

Westworld
Spoiler tv

In un panorama televisivo decisamente mediocre, sono poche le serie tv che riescono a distinguersi e Westworld è una di queste. La qualità che la contraddistingue sta crescendo puntata dopo puntata. Tutto è perfetto: dalla regia alla sceneggiatura con dialoghi profondi e una trama che si sta facendo sempre più intrigante, dalla colonna sonora alla fotografia, dalla scelta di attori bravissimi ed in parte all’introspezione e caratterizzazione dei personaggi da loro interpretati, dalle tematiche trattate che fanno riflettere ai costumi e alla scenografia.

Westworld

Live without limits

Questo è il motto del parco in cui chiunque può togliersi qualsiasi desiderio. Ciò dovrebbe valere solo per gli ospiti paganti, ma come si evince molto in fretta quelli che vogliono togliersi le maggiori soddisfazioni sono i creatori di Westworld. Infatti, avere il potere di ideare un mondo del genere è prerogativa di un animo che vuole agire senza limiti. Lo abbiamo visto bene in Sizemore che vuole spingersi sempre oltre il limite nell’invenzione delle storyline e che ora è in crisi perchè non gli viene lasciata la libertà creativa che lui vorrebbe, ma lo si vede soprattutto nel personaggio di Hopkins, Robert Ford, creatore di tutto. Quindi eccolo fare e disfare ambientazioni e trame a suo piacimento come fosse Dio e rifiutare i paletti di un Consiglio sempre più invadente.

Ma è in questo episodio che ci rendiamo conto fin dove si è spinto il suo potere, ma anche di come si sia distorta la sua mente dopo anni di solitudine artistica e umana. E’ disturbante scoprire che in passato ha accettato di buon grado l’ultimo regalo fattogli da Arnold, andandolo nel tempo a modificare secondo il suo volere: la creazione in chiave robotica della sua famiglia. Ha lasciato per loro un pezzo di parco in disuso per poter interagire con loro e soprattutto con se stesso da bambino.

Westworld

Allora, come in tutte le opere fantascientifiche, ci si chiede dove sia il confine dell’etica perchè non avere limiti significa spesso non avere moralità. E lo sa bene chiunque è entrato in contatto con Westworld. Ad esempio, quanto è giusto che dei robot, ma comunque esseri senzienti, vengano trattati come se non avessero emozioni umane? Di tutto ciò se ne stanno rendendo conto anche i personaggi, prima tra tutte Maeve (grande interpretazione di Thandie Newton) che nella sequenza molto toccante in cui cammina per i corridoi, capisce che per loro quel “live without limits” non è reale e quindi vuole cambiare le cose. Scopriamo con lei che la personalità di ogni personaggio viene costruita dando un punteggio da 1 a 20 alle varie caratteristiche umane e lei si fa modificare quelle utili a scoprire tutta la verità.

Non iniziare mai una cosa che non sei disposta a finire

E’ una delle frasi di Maeve e a questo punto possiamo dire di Arnold. Questo episodio, infatti, rappresenta un po’ la svolta per la serie perchè veniamo a conoscenza del fatto che tutte le nuove realizzazioni ed i cambiamenti dei personaggi non derivano dalle modifiche fatte da Ford, ma da qualcuno che sta cambiando la loro personalità e quel qualcuno pare essere Arnold.

Potrebbe esserci altro dietro, però, visto che abbiamo sentito molto parlare di lui e c’era da aspettarsi che in realtà non fosse morto. In ogni caso, Arnold o non Arnold, chi sta portando avanti tutto il piano pare abbia le stesse idee che Ford racconta avesse proprio il suo ex socio. E certamente è qualcosa che questa persona è disposta a finire, lo vediamo dal timore negli occhi di Ford quando Robert bambino dice di aver ucciso il cane spinto da Arnold, ma lo vediamo anche da Elsie e da Bernard nel momento in cui capiscono cosa c’è dietro.

Westworld

Scoprono anche che Theresa e chi per lei sta portando avanti dello spionaggio industriale mettendo trasmittenti all’interno dei personaggi. Lei sarà disposta a finire quello che iniziato contando anche il legame che la lega a Bernard? Staremo a vedere. Uno che certamente ha questa indole è Man in Black visto quanto sta andando avanti nella sua ricerca, mentre Ford capisce che il labirinto sta avendo grande importanza e sicuramente lui è l’unico che può saperne qualcosa.

Con Westworld si respira davvero un’aria di grandezza in ogni aspetto che lo riguarda. Le domande riguardo alla trama sono tante e altrettanti sono i sentimenti legati all’etica che la serie provoca. Questo episodio introduce maggiormente l’incognita Arnold e sembra proprio essere un punto di svolta. Sono molto impaziente di scoprire come proseguirà la vicenda e il brancolare nel buio è positivo ed eccitante.

Voto: 4.5/5

Per restare sempre aggiornati su Westworld con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Westworld Italia. E non dimenticate di mettere un like alla nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornati su tv e cinema.

Comments
To Top