fbpx
Recensioni

Under The Dome: Recensione dell’episodio 2.05 – Reconciliation

Non so quale sia lo stipedio degli sceneggiatori di questo telefilm (probabilmente qualche sacchetto di patatine) ma quello che è certo è che li pagano comunque troppo. Quanta pigrizia c’è in Under the dome? Forse gli episodi li scrivono in pausa pranzo e il loro lavoro è un altro (me lo auguro perché come scrittori sono davvero scarsi) ma è evidente che hanno rinunciato ad ogni forma di logica tanto tempo fa, e più andiamo avanti, più se ne fregano di ogni possibile forma di ragionevolezza.

Cominciamo dalla fine: Big Jim è di nuovo libero.
Le prigioni di Domeville sono un porto di mare, anzi meglio, un bed & breakfast. Se qualcuno ha bisogno di una notte di tranquilla riflessione può rifugiarcisi, tanto è certo che nel giro di mezzo episodio sarà stato liberato o fatto evadere. Non è che qualcuno ha voglia di tenerle d’occhio quelle chiavi? No, troppo facile. Specialmente quando ci sono dei poliziotti che fanno di tutto tranne il loro lavoro (certo… sono Phil e Junior).
Under_the_dome205-02 Così anche la coppia del male a fine episodio torna in libertà, addirittura scarcerata per la gioia e la tranquillità di tutta la cupola. Non ha alcuna rilevanza il fatto che tutti ormai (o almeno Barbie e Julia) sappiano che il panza è un pluriomicida e che abbia addirittura cercato di sterminare più persone possibili (ma poi quando se ne sarebbe pentito? Semplicemente non ha fatto in tempo a farlo!). Aveva buone intenzioni! E la via per l’inferno, si sa, è pavimentata di buone intenzioni (come saggiamente ha detto Sam in uno dei soliti dialoghi profondi) e come si fa a sapere se con le prossime buone intenzioni il panza non cercherà di sterminare proprio tutti? Ma no, Julia e la sua permanente del bene hanno deciso di guidare il paese (ma mi son persa quando l’hanno nominata guida suprema) con buoni sentimenti e speranzosa magnanimità. E il gioco è facile se intanto fai ingozzare il popolo di cibo gratis.

Farciti come tacchini.
Il cibo sotto la cupola è un argomento scottante. Quanto ce n’è? Quanto ne resta? Tutti dicono che sta per finire ma chiaramente in un scena vediamo Joe & Co andarsene lasciando indietro intere ciotole di cereali. Roba che se stessero davvero razionando sarebbe meritevole di almeno una notte al B&B. Julia, investita del nuovo ruolo di monarca suprema, convince tutti a portare le scorte in un unico sgabuzzino, così da poterle dividere razionalmente. La città sembra riottosa e poco propensa a separarsi dal proprio cibo, ma fatto sta che il giorno dopo (lei e Sam hanno pure dipinto un adorabile striscione) tutti arrivano con interi camion di cibo. Non so voi ma il cibo che ho in casa basterebbe a sfamarmi forse per una settimana, figuriamoci se ne avrei da condividere dopo tre settimane! E a questo punto quello che succede non è chiaro. Forse mentre tutti erano in pausa caffè, Phil e i suoi amici hanno trasferito tutto il cibo nella stanza accanto (per altro piena di finestre) e lo hanno sostituito con scatoloni vuoti di cui nessuno si è accorto. E poi un generatore esplode tipo bomba nucleare, ma ingiustamente non riesce ad uccidere nessuno, né tantomeno rovinare la permanente della rossa. Il cibo èUnder_the_dome205-04 cotto prima del tempo e la disperazione regna sovrana.

Guai in paradiso.
Le coppie scoppiano come pop-corn in padella sotto la cupola. Pure quelle che ancora non erano coppie. Rebecca e Big Jim si rinfacciano colpe o innocenze non chiare e se non fossero in celle separate, si graffierebbero la faccia come dei datati sposini. Anche Joe e Nor hanno il loro bel da fare con Melanie faccia da triglia che oltre essere lagnosa è pure polipona. C’è stato un accenno di lotta nel fango per Joe e io mi rammarico che sia durato così poco. Quanto a Julia e Barbie invece le cose vanno subito a sistemarsi. Ma come aveva fatto lei a non capire che lui faceva solo finta di stare con Big Jim così da poterlo spiare? Barbie mio, se non parli. Ma tutto è bene quel che finisce bene visto il ritorno delle spropositate effusioni in pubblico. Almeno quello!

Mel C.
Non è una spicegirl, forse una lagna girl. Il cast si arricchisce di un’attrice monoespressiva e sinceramente del suo dramma interiore non me ne potrebbe fregare di meno. Giuro che se dalle analisi del sangue salta fuori qualcosa di fenomenale tiro una scarpa nello schermo.

La cupola in salsa Twin Peaks
Junior e Sam vagano come degli indemoniati sotto la cupola alla ricerca dell’ennesimo vecchio fanatico che ha perso la ragione (Jim, forse i vecchi è il caso di ucciderli tutti). Cercano, frugano, corrono, perquisiscono e si ubriacano ed è una vera rottura di palle. Ma perché nessuno ha sparato a sta madre quando ne aveva l’occasione e avrebbe potuto porre fine alle sue croste? Purtroppo tutto questo casino (e la cupola stessa) sembra scatenato da un incidente di 30 anni fa in cui una povera sfigata è morta per una tranvata contro un meteorite. Sono cose che succedono tutti i giorni… c’è bisogno di farne una tale tragedia? Questo giallo che va aldilà dello spazio tempo è così ridicolo e barboso da farmi temere che la cupola stia solo aspettando che venga fatta giustizia per levarsi dalle tolle. La storia delle mani e della necessità di sterminarle ve la nomino soltanto perché è assurda noia.

Under_the_dome205-03Phil è morto!
Ma no, lo so, è vivo. Ma ci ho sperato tanto. Quando Big Jim gli ha detto che era il più bravo sceriffo di tutti i tempi e lui si è commosso ho riso fino alle lacrime. Ma non gli avevano detto che una madre di Norrie era già morta e che era contro legge di natura pretendere di farne schiattare pure un’altra? Quale sarà il suo destino? B&B per qualche giorno?

Comunque ora della fine di questi 40 minuti di pura demenza, tutti si ingozzano di cibo manco fosse Natale e così gli scenggiatori si liberano del problema facendo trovare una scorta di viveri che durerà per almeno due mesi. Alla faccia! Julia è stata santificata per il suo fondamentale intervento (pernacchia!) e un tunnel che scende nelle profondità della terra è stato ritrovato dietro ad un armadietto di scuola. E pure noi concludiamo l’episodio belli ripieni di trashate.

* Mel C è la madre di Barbie. Per me è plausibile quanto il fatto che il decrepito barbiere e Sam abbiano la stessa età
* Il tentativo di pogo al processo di Big Jim è stato una delizia

Per restare sempre aggiornati su Under The Dome, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Under The Dome Italia e per vedere sempre prima gli episodi di Under The Dome seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitles

Comments
To Top