Interviste

Twin Peaks: Naomi Watts rivela un retroscena sul suo casting nella serie

Showtime

Twin Peaks è tornato, venticinque (quasi) anni dopo. Una delle tantissime attrici scritturate per i diciotto episodi della terza stagione è Naomi Watts, che recentemente ha rivelato un particolare interessante sul suo casting.

LEGGI ANCHE: Vecchie e nuove conoscenze nella premiere della terza stagione di Twin Peaks

L’attrice ha rivelato che David Lynch non le ha dato nessuna sceneggiatura per prepararsi al suo ruolo. Lei in prima persona si è messa in viaggio verso Los Angeles, dove Lynch abita, e soltanto lì ha potuto leggere lo script. Non solo: a quanto pare la paranoia circa la segretezza delle sue opere ha spinto Lynch a cancellare (letteralmente, con un pennarello nero) tutte le righe precedenti e successive alla parte della Watts.

LEGGI ANCHE: Twin Peaks, i primi due episodi della nuova serie spiazzano le attese

Dal momento che questo incontro è avvenuto più di un anno fa, l’attrice ha avuto anche difficoltà nel tenere segreto qualsiasi contenuto relativo all’incontro o alla sceneggiatura. ‘È un livello successivo di segretezza – ha dichiarato – ma sono stata contenta di proteggere quella che è la privacy di Lynch‘.

Twin Peaks

LEGGI ANCHE: Quali risposte vogliamo dalla nuova stagione di Twin Peaks

D’altronde l’attrice doveva essere al corrente di certe voci sul regista. Non si tratta infatti della prima volta che i due hanno collaborato insieme, essendo apparsa nel film Mulholland Drive.

Così come per tanti altri attori della serie, non sappiamo quanto la presenza dell’attrice sarà importante all’interno di Twin Peaks. Per diciotto episodi, la lista di attori è talmente lunga che non sarà possibile dare a tutti un posto stabile. Ancora, la Watts ha dichiarato che la serie è stata girata dalle parti di Washington e una parte nel Sud della California, dei posti molto anonimi per evitare l’assalto dei paparazzi e per evitare che foto e video del set emergessero improvvisamente su internet.

Il fatto di non conoscere molto della trama è divertente, è parte del gioco con David. Ti fidi di lui perchè è chi è. È unico, tu ti devi arrendere a lui. Lo ha fatto bene per tanto di quel tempo il suo lavoro che non puoi far altro che godere del mondo magico che ha creato‘.

LEGGI ANCHE: Nel blu dipinto di blu, recensione episodi tre e quattro della nuova stagione di Twin Peaks

Comments
To Top