fbpx
News

Twin Peaks: 10 cose da sapere sulla nuova stagione

Twin Peaks

Il conto alla rovescia vero e proprio è iniziato. Il 21 maggio andrà in onda su Showtime il primo episodio della terza stagione di Twin Peaks, 26 anni dopo la conclusione della serie degli anni Novanta. Ancora una volta al timone ci saranno Mark Frost e David Lynch.

Contrariamente alla propria politica, obbedendo al volere degli autori Showtime non ha fatto trapelare alcun elemento sulla trama dei prossimi episodi, ma solo alcuni elementi caratterizzanti la prossima narrazione: il nuovo Twin Peaks non sarà un prodotto scandaloso ma un racconto cupo, a tratti spaventoso, ma non terrificante. Essendo pochissime le notizie a disposizione, vi lasciamo quindi un piccolo elenco di curiosità da conoscere in attesa della prossima programmazione.

1) La serie sarà trasmessa in Italia, in contemporanea con gli Stati Uniti, da Sky. Il primo episodio andrà in onda nella notte fra il 21 e il 22 maggio, alle 4 di notte, in lingua originale, sottotitolato. Il primo episodio doppiato in italiano sarà diffuso qualche giorno dopo, il 26 maggio, in onda sempre su Sky a partire dalle 21.15.

2) Al contrario delle prime due stagioni, tutte le puntate della nuova serie saranno dirette da David Lynch in persona, il quale ha girato l’intera stagione come se fosse un lungo film suddiviso in 18 capitoli.

3) Per mantenere il maggiore riserbo possibile attorno al proprio lavoro, David Lynch ha deciso che nemmeno il proprio cast potesse essere a conoscenza di tutti i dettagli del lavoro. I copioni sono stati oscurati, le mail bandite, le location per le riprese comunicate all’ultimo minuto. I teaser diffusi online e ai media presentano per lo più ritratti del cast e immagini delle prime due stagioni, come l’ultimo video diffuso da Showtime.

LEGGI ANCHE: Ecco i primi poster ufficiali del revival

4) Ad anticipare l’uscita della nuova stagione, Mark Frost ha scritto un libro che racconta la storia della cittadina Twin Peaks. Il volume The Secret History of Twin Peaks prende il via nel 18° secolo e dai diari dei pionieri che diedero vita al centro abitato, per arrivare alle vicende raccontate nella serie degli anni Novanta. Il libro in Italia è edito da Mondatori col titolo Le vite segrete di Twin Peaks.

5) In una delle surreali scene ambientate nella Loggia Nera della seconda stagione Laura Palmer annuncia al detective Cooper “Ci rivedremo tra 25 anni”, esattamente la data della vecchia programmazione della terza stagione, prevista per il 2016 poi posticipata alla primavera del 2017

6) Sono 217 gli attori che compongono il cast. Fra i personaggi della prima parte di storia, ritroveremo il detective Cooper (Kyle MacLachlan), Shelly Johnson (Mädchen Amick), Bobby Brings (Dana Ashbrook), Laura Palmer (Sheryl Lee), Big Ed Hurley (Everett McGill), la segretaria Lucy Moran (Kimmy Robertson), il dottor Jacoby (Russ Tamblyn), Leland e Sarah Palmer (Ray Wise e Grace Zabriskie).
Altri personaggi importanti come lo sceriffo Truman, Benjamin Horne, la signora Ceppo o Audrey appariranno per pochi episodi, mentre ad arricchire il cast troveremo attori che già in passato hanno lavorato con David Lynch, come Naomi Watts o Laura Dern, e moltissime star che hanno deciso di partecipare al progetto: Amanda Seyfred, Jim Belushi, Tim Roth, Michael Cera, Jennifer Jason Leigh, Ashley Judd, Monica Bellucci, Tom Sizemore, Harry Dean Stanton, Madeline Zima e il cantante Eddie Vedder, leader dei Pearl Jam. A recitare torneranno anche lo stesso David Lynch, nei panni di Gordon Cole, e David Duchovny, nelle vesti dell’agente Denise.
Sullo schermo figurerà anche Miguel Ferrer, scomparso a gennaio di quest’anno, interprete di diverse scene memorabili della prima stagione nel ruolo di Albert Rosenfield, esperto della scientifica. Analoga situazione per Warren Frost, il padre di Mark Frost, deceduto a febbraio, che in Twin Peaks interpreta il dottor Hayward, il padre di Donna, una delle trame lasciate in sospeso 25 anni fa. Anche David Bowie aveva dato il proprio beneplacito per un ritorno a Twin Peaks dopo l’esperienza di Fuoco Cammina con Me. Infine, avremo il piacere di tornare ad apprezzare Francesca Eastwood, figlia di Clint, star indiscussa di Heroes Reborn.

LEGGI ANCHE: Dove eravamo rimasti? Cosa è successo nelle prime due stagioni

Twin Peaks

7) Frank Silva, lo spirito Bob, non apparirà nella terza stagione. L’attore, in realtà un aiuto scenografo del set, è scomparso nel 1995, malato di AIDS. Leggenda vuole che Lynch lo scelse per il ruolo di Bob vedendolo spuntare da dietro un letto mentre veniva preparata la scena. L’immagine piacque talmente tanto al regista, che iniziò ad inquadrare Silva e a dar vita al demone maligno.

8) Alcuni fan hanno ipotizzato che Laura Dern potrebbe interpretare il personaggio di Diane nella prossima stagione. Diane è la donna a cui Cooper registra una serie di messaggi vocali durante le indagini di Twin Peaks. La donna dovrebbe essere la segretaria dell’agente, ma in realtà non è mai apparsa fisicamente sullo schermo, viene solo nominata. Quest’assenza ha portato a diverse teorie sulla vera identità di Diane: qualcuno ha pensato fosse la moglie di Cooper, altri che Diane fosse il nome dato da Cooper al registratore. Infine c’è chi suppone che la donna sia solo frutto della mente dell’investigatore. Forse la risposta arriverà quest’anno.

9) La colonna sonora ovviamente sarà composta da Angelo Badalamenti, compositore italo americano di fiducia di David Lynch, autore delle colonne sonore di quasi tutti i suoi film. Badalamenti è uno dei musicisti più cupi e intimisti dello show business, ma soprattutto l’autore della splendida colonna sonora del primo Twin Peaks, le cui note ancora creano una scossa lungo la schiena appena iniziano a risuonare.
Oltre al tema principale della colonna sonora, la parola Nightingale causa ancora oggi sussulti negli amanti della serie, grazie al testo scritto dallo stesso David Lynch, l’arrangiamento di Badalamenti e l’interpretazione di Julee Cruise. La musica, d’altro canto, ha un ruolo fondamentale nella filmografia di David Lynch, il quale, in diverse occasioni, ha preferito letteralmente sparire dalla narrazione lasciando alle note e ai versi delle canzoni il compito di portare avanti il prodotto visivo.

LEGGI ANCHE: 9 foto mostrano i protagonisti oggi

10) Vicino a Seattle sorge il Salish Lodge Hotel, la spa utilizzata da Lynch per creare il Great Northern Hotel di Twin Peaks. L’edificio sorge in cima alla cascata che si vede durante la sigla della stagione degli anni Novanta. Nell’hotel ovviamente è possibile pernottare, costo di una notte fra i 265 e i 297 euro, in offerta su Booking e Tripadvisor (350 euro prezzo pieno). Bella lì.

Comments
To Top