Attori, Registi, ecc.

Tutto può cambiare: il regista John Carney si scaglia contro Keira Knightley

Tutto può cambiare (titolo originale Begin Again) è un film indipendente del 2013, unKeira-Knightleya commedia romantica e musicale che vede tra i suoi protagonisti Mark Ruffalo, Adam Levine (frontman dei Maroon 5), James Corden e Keira Knightley. Fu accolto abbastanza bene dalla critica e la canzone “Lost Stars” venne nominata tra le migliori canzoni originali agli Oscar del 2015.

Il regista del film, John Carney sta promuovendo in questo periodo il suo nuovo lavoro Sing Street e ha recentemente rilasciato un’intervista al The Indipendent dove critica fortemente la Knightley, dichiarando la sua volontà a non voler più lavorare con “supermodelle” (facendo riferimento al passato e presente di modella per grandi firme della britannica). Oltre ad accusarla di non avere le abilità necessarie per interpretare una cantante, il regista si è scagliato contro l’enturage dell’attrice britannica sostenendo di non essere riuscito a connettere con lei proprio perché sempre circondata dai suoi collaboratori.

 

“Il mondo delle star non è un mondo che mi appartiene, preferisco lavorare con attori veri, persone curiose” ha dichiarKEIRA KNIGHTLEY ato Carney “Mark Ruffalo è un attore fantastico ed è una gioia lavorare con Adam Levine, è umile e non ha paura di esporsi. Accetta di esplorare se stesso come individuo. Credo che questo sia ciò che un attore deve fare, non deve aver paura di mostrare i propri sentimenti e scoprire se stesso. Il vizio di Keira di nascondersi non credo faccia bene alla recitazione. Non voglio criticare Keira, ma essere un attore è difficile e richiede un certo livello di onestà e autoanalisi. Non credo che lei sia pronta e certamente non credo che lo fosse in questo film.”

Per ora non c’è stata una risposta da parte dello staff dell’attrice.

Comments
To Top