fbpx
Cinema

Tutti vogliono qualcosa: la recensione del film di Richard Linklater

Tutti vogliono qualcosa: la recensione del film di Richard Linklater

Titolo originale: Tutti vogliono qualcosa
Genere: commedia
Anno: 2016
Durata:116 min
Regia: Richard Linklater
Sceneggiatura: Richard Linklater
Cast principale: Zoey Deutch, Blake Jenner, Tyler Hoechlin, Ryan Guzman, Wyatt Russell, Glen Powell, Dora Madison Burge, Austin Amelio,  Jonathan Breck, Sophia Taylor Ali

Ci sono film che non chiedono il permesso, entrano, catturano lo spettatore e se ne vanno via, lasciando strascichi di ricordi, immagini, sentimenti e note che fanno sorridere, che fanno riflettere. Tutti vogliono qualcosa, l’ultima opera del regista Richard Linklater, rientra in questa categoria. Apparentemente insignificante, narrativamente impalpabile, straordinariamente efficace.

landscape-1450814975-everybody-wants-someDialoghi illuminanti, colori, brani storici che hanno segnato la storia della musica, camicie fantasiose e variopinte, sigarette consumate al vento, feste e cameratismo. Tutti vogliono qualcosa è in realtà un docufilm romanzato sugli ’80 che racchiude in sè i tratti distintivi di una generazione, quella dei babyboomers over 20 figli dell’ottimismo e del benessere economico degli anni ’60, l’epoca del the best has yet to come.
Gli ideali di libertà e di anticonformismo di fine anni ’60 sono stati spazzati via dalla crisi economica del decennio successivo, così Dandies, Punks e Hippies convivono insieme nel 1980, l’anno in cui Reagan diventa presidente e la disco e il punk sono al loro apice.
Promotori di ideali meritevoli, annichiliti dal pragmatismo del capitalismo, hanno ormai sotterrato l’ascia di guerra rinunciando quindi ai contenuti ma alla forma, no di certo. I protagonisti di Tutti vogliono qualcosa risultano stilisticamente perfetti sia negli atteggiamenti che nel look.

Ambientazioni, colonna sonora, dialoghi e battute, nulla è lasciato al caso. La meticolosità e la cura nella scelta di tutti gli elementi che compongono questo film rispecchiano la dedizione e la professionalità di Linklater, il regista che dà al tempo una dimensione materiale. Sembra, infatti, di vivere le vicende dei personaggi insieme a loro, tra gli spalti del campo d’allenamento, tra i marciapiedi, tra le i corridoi dei dormitori.
screen shot 2016-03-29 at 10.52.44 pm (1)Il cast ha saputo interpretare al meglio lo spirito del plot e l’idea dello sceneggiatore/regista. Gli attori  hanno contribuito a conferire dinamicità e fluidità alla storia dei giovani e arrembanti giocatori di baseball che tramite Jake (Blake Jenne), il personaggio più presente che inizia un percorso di crescita, riescono ad emergere in un film corale, in cui non serve un protagonista che permetta alla trama di spiccare il volo; ogni singolo personaggio emerge nella propria individualità in quanto portatore di ideali e obiettivi unici. Ognuno di loro vuole qualcosa dalla vita e proverà a ottenerlo senza troppi convenevoli.
Non vi fate intimorire dalla parola baseball, saranno infatti poche le scene dedicate alle attività sportive di questi simpatici universitari che, tra serate alcoliche e notti insonni ,quasi dimenticano di dover affrontare un campionato nazionale e una stagione di sacrifici.

Richard Linklater poses in the press room with the award for best director for “Boyhood” at the 72nd annual Golden Globe Awards at the Beverly Hilton Hotel on Sunday, Jan. 11, 2015, in Beverly Hills, Calif. (Photo by Jordan Strauss/Invision/AP)Linklater, autore di alcuni delle pellicole americane più personali dell’ultimo decennio, crea atmosfere uniche in cui  la distribuzione temporale della trama non è compressa, nè scandita da episodi che determinano l’inizio dell’una o dell’altra scena. Tutto scorre in un flusso continuo di fotogrammi, un panta rei di vite e di aneddoti che si incontrano, si uniscono e fluiscono all’unisono fino alla fine senza mai annoiare. Bisogna cominciare a chiedersi se il regista di Houston classe 1960 non debba essere considerato a tutti gli effetti uno dei maggiori cineasti americani viventi.
Sembra che nei suoi film  non succeda nulla di thrilling, tuttavia il tutto che certi registi cercano di rappresentare sta proprio nel nulla, che diventa linfa vitale per il  regista di  Boyhood. Perchè la vita accade lì e non occorrono trame arzigogolate nè effetti speciali per rappresentarla.
Giovinezza, speranza, ingenuità, spensieratezza, amore, amicizia, ritmo, bellezza: Tutti vogliono qualcosa è il ritratto di un’eterna generazione che avanza consumando voracemente il presente.

Tutti vogliono qualcosa
  • Sceneggiatura
  • Regia e fotografia
  • Recitazione
  • Coinvolgimento emotivo
4.3

Riassunto

Giovinezza, speranza, ingenuità, spensieratezza, amore, amicizia, ritmo, bellezza: Tutti vogliono qualcosa è il ritratto di un’eterna generazione che avanza consumando voracemente il presente.

Sending
User Review
5 (1 vote)
Comments
To Top