fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

True Blood 4.11- Soul of fire

Well finalmente dopo la pausa estiva in cui non potevo seguire le puntate mi son messa in pari ed eccomi qui a recensire la penultima puntata di questa stagione.
La scorsa puntata era terminata con i 4 dell’oca selvaggia aka i 4 dell’ave maria aka i 4cavalieri dell’apocalisse vestiti di tutto punto e con i dotazioni i migliori bazooka sulla piazza pronti a fare irruzione per eliminare marnie.
Si riinizia da questo punto, ma prima di vedere quello che è successo nella storyline principale vediamo quella minore e il momento nonsense per eccellenza.

Momento nonsense: Andy, dopo essere stato abbandonato nel bosco dal cugino, incontra una fata che gli fa promette sul dito di luce (i writer hanno avuto un’infanzia rovinata per colpa di E.T mi sa) di proteggerla e in cambio fanno sesso. Chi ha capito qualcosa può alzare la mano e spiegare? Certo dopo le prime puntata in cui avevamo visto le “simpatiche” fate era ovvio un loro ritorno, ma in questo modo proprio no! Come aveva già detto Maura, trovo inutile vedere Andy aiutato da terry per disintossicarsi.

Storyline minore: la nuova alleanza Sam/Alcide viene a sapere che a casa della lupa bionda ci son sia Marcus che la bimba della mutaforma, quindi tutti si dirigono lì, dove volano pugni calci e quant’altro e alla fine della fiera sarà Alcide ha uccidere Marcus e, come bonus extra per noi spettatori,  ripudierà la lupa bionda. Credo che un urlo “era ora caro Alcide” se lo meriti, non si poteva più sopportare il personaggio della tipa insicura che si faceva di V, ma ovviamente tornerà nella prossima puntata.

Storyline principale: avevamo lasciato fuori i 4 che volevano far saltare il negozio di magia, ma per fortuna arriva Jason che gli avvisa che in primis Sookie è all’interno (argomento molto convincente per Eric e Bill, molto ma molto meno per Pam)e che c’è il capo di forza tutto intorno.

All’interno Sookie cerca di convincere Marnie a negoziare, dopo che questa ha ucciso una povera adepta, ma il suo sacrificio non sarà vano.
Marnie convinta a negoziare (termine che forse non le è del tutto chiaro) propone come patto per liberare Sookie che Eric e Bill muoiano, i 2 accettano, ma nel momento clou Pam impugna il bazooka e spara verso Marnie, con il risultato di aver quasi ucciso Jason, prontamente salvato da Jessica e di aver fatto incazzare non poco Eric.
Nel frattempo Jesus ha un colpo di genio dice a Marnie che l’adepta è ancora viva e le chiede il permesso di salvarla con l’aiuto di Lafayette, il permesso gli viene accordato solo che Jesus ha in mente ben altro, infatti con il sangue della morta farà un incantesimo per liberare Antonia da Marnie.
Lo stesso sangue viene utilizzato da Marnie per vedere il presente, strano che non controlli quello che stanno facendo i 2 nel bagno, ma va beh, e per vedere il futuro dove si vede morta per colpa di un proiettile in testa, presa dal panico convince tutti a partecipare nel cerchio per fare un incantesimo in cui obbliga i 4 ad andare verso il campo di forza, per fortuna Sookie intervine e spezza il cerchio e salva i 4.
Jesus riesce nell’intento e allontanando Antonia da Marnie spezza anche il campo di forza e i 4 possono entrare nel negozio per eliminare Marnie. Peccato che il lecchino si frappone tra Bill e Marnie  e viene eliminato da Eric, con una delle scene migliori di sempre, come beve lui dall’aorta non beve nessuno. E alla fine Marnie viene uccisa…ma si impossessa del corpo di Lafayette.

Bella puntata, non eccezionale ma è la puntata preparativa della season finale, mi aspettavo un po’ di più, lo stesso cliffhanger che poteva essere  un coup de théâtre, non lo è stato per nulla, era ovvio che si sarebbe impossessata dell’unico medium, che ha il dono e bla bla.
Però abbiamo ottenuto che la lupa bionda sia stata ripudiata, che Sam sai felice con la mutaforma e quindi meno minuti sul video, vero vero?
Ora tra 7 giorni vedremo come finirà la stagione.
Menzione speciale a Pam, come non amarla quando dice “finiamo in fretta ho prenotato manicure e pedicure alle 4”

Serena

sin dalla tenera età davo già idea di quello che sarei diventata da grande: una divoratrice di "storie" e di sapere ed il mio peggiore nemico era la noia! Adoravo e adoro tutte le "storie", e ogni modo in cui potevano essere raccontate dai cartoni alle serie televisive, dai libri fino ai film, ad un opera d'arte.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio