fbpx
Recensioni Serie Tv

True Blood 4.10 – Burning Down the House

La scena finale: Jessica, Pam, Eric, Bill in total black in pieno stile “vendicatori dei vampiri” mi ha molto gasata , ma ovviamente questa è la scena conclusiva, infatti a quanto pare ho il vizio di recensire gli episodi di True Blood partendo dalla fine! Forse ho la sindrome del bambino di 4 anni che ricorda maggiormente le ultime cose viste, piuttosto che le prime.
Ma bando alla ciance veniamo al decimo episodio di True Blood, finalmente, ma non avevo dubbi in proposito, le storyline iniziano a convergere. Già dallo scorso episodio si era iniziato a tirare le fila e devo dire che la narrazione e la fluidità della trama ci guadagnano molto.
Burning Down the House è a mio avviso l’episodio più interessante di questa quarta stagione, oltre che interessante anche l’episodio più commovente, almeno per me.
Quando si guarda True Blood, non si è preparati a commuoversi e invece ogni stagione Alan Ball ci sorprende mettendoci improvvisamente nella situazione imbarazzante di lacrimare davanti allo schermo, ovviamente niente raggiunge i livelli del suicidio di Godric con annesso Eric piangente/sanguinante, ma comunque centra l’obiettivo.
Il primo momento è quando Pam scopre che il suo creatore/padre/amato Eric è tornato quello che era, il momento è molto breve ma veramente toccante e bisogna ringraziare la chemistry naturale tra Alexander Skarsgard e Kristin Bauer; il secondo momento è la morte di Tommy che bene o male normalizza il rapporto tra i due fratelli, entrambi si rendono conto di aver sprecato delle occasioni per far funzionare il loro rapporto/famiglia, e la scena è commovente e sinceramente non mi aspettavo di rimaner in qualche modo toccata da questa storia, anche in questo caso un plauso va ai due attori, che hanno saputo comunicare in pochi minuti la giusta intensità.
Ma l’evento più importante dell’episodio, a mio avviso, è il ritorno del “vero” Eric.
Sookie per salvare Bill , spezza  involontariamente l’incantesimo che tiene legato Eric a Antonia/Marnie e Eric è di nuovo tra noi, seguono momenti imbarazzanti tra i due. Come speravo Eric torna arricchito e consapevole dall’oblio causato dalla negromante e dichiara a Sookie il suo amore, dal canto suo lei ammette di amarlo, ma di amare anche Bill. Purtroppo c’è poco tempo per analizzare la cosa perché Marnie/Antonia, dopo un momentaneo smarrimento di quest’ultima sconvolta per la morte delle persone innocenti, sono più combattive che mai e vogliono farla pagare ai vampiri. Sookie chiede a Jesus, Lafayette e Jason (riunendo le storyline, grazie Sookie!) di aiutarla a salvare Tara. Infatti il piano di Bill  prevede di far saltare in aria il negozio di magia dove Marnie/Antonia e le altre streghe, attualmente ostaggio della negromante impossessata, sono rifugiati e protetti da un incantesimo molto potente.
Mentre Jesus riesce a entrare fingendosi fedele a Marnie/Antonia e superando la barriera di protezione, Tara e  Holly invocano la dea per chiedere aiuto e per pochi secondi l’incantesimo viene spezzato. Mentre Tara e altre streghe intrappolate cercano di fuggire, Lafayette e Sookie corrono in loro soccorso, Marnie/Antonia accorta del tradimento li fa scomparire.
Jason è il solo a salvarsi.
Sorvolerei poi su Andy e la sua dipendenza da V e Terry che cerca di farlo disintossicare perché l’ho trovata proprio inutile.

Considerazioni sparse:

-Mettere Alcide un po’ qui e un po’ lì solo per tenere nel cast Joe Manganiello, non ha molto senso, se Alcide ha una sua ragione di essere nella prossima stagione (non lo so non ho letto i libri dal quale è tratta la serie) potevano semplicemente renderlo guest in questa, e farlo comparire quando serviva. Mah
-Mi ripeterò, ma non mi importa, trovo Alexander Skarsgard in questa stagione veramente convincente sotto l’aspetto recitativo, nelle scene con Sookie poi anche Anna Paquin ci guadagna. Ha più  chemistry con lui che con il marito. Misteri.
Marnie/Antonia non si avvicinano lontanamente a Russell Edgington, questo per dire che il cattivo della stagione è un po’ sottotono a me non fa paura proprio per niente.

Maura Pistello

Fondatore/ Admin Giornalista pubblicista Serie tv dipendente, accanita lettrice, amante del cinema e dell'arte

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio