fbpx
10 cose che...

Tom Ellis: 12 curiosità sull’attore protagonista di Lucifer

Tom Ellis

I fan del fumetto Sandman di Neil Gaiman non avrebbero potuto essere più felici quando il personaggio di Lucifer ha ottenuto uno spin-off tutto suo, scritto da Mike Carey. La gioia è raddoppiata quando la Fox ha realizzato uno show basato sul personaggio dei fumetti di successo. Uno show che attualmente è in attesa della sua quarta stagione (sebbene su un altro network. Grazie Netflix).

Tom Ellis è l’uomo dietro al sorriso birichino e l’accento british del diavolo. Ovviamente la maggior parte delle domande si focalizzano su come l’attore gallese sia riuscito a portare sullo schermo un personaggio così complicato! Per tutti quelli che adorano la serie tv Lucifer e Tom Ellis, qui un pò di curiosità per placare la vostra sete prima della stagione numero 4.

Ecco le 12 curiosità sull’attore Tom Ellis, protagonista di Lucifer

1. Ha avuto compagni di studi “famosi”

Tom Ellis ha studiato recitazione alla Royal Scottish Academy di Glasgow al fianco delle star di Outlander Laura Donnelly (Jenny Fraser) e Sam Heughan (Jamie Fraser), ma anche al fianco di James McAvoy (X-Men).

Sarebbe di certo esilarante avere un loro crossover! Se non altro per vedere la reazione di Jenny e Jamie se si trovassero nel mondo moderno, e Lucifer fosse costretto a chiamare il suo vecchio amico Professore Xavier per aiutarli.

2. Tom Ellis è un musicista ma in Lucifer non suona realmente

Oltre ad essere un attore fantastico, Tom Ellis ha anche un background musicale dovuto al fatto che sua madre era un’insegnante di musica. Grazie alle inclinazioni musicali di sua madre, Ellis e le sue tre sorelle sono cresciute imparando a suonare gli strumenti.

Il “diavolo” ha iniziato la sua carriera musicale da bambino, imparando a suonare la tromba prima di specializzarsi nel corno francese. Ha più tardi confessato, tuttavia, di non essere esperto nel suonare il piano.

Se Ellis si ricordasse ancora come suonare entrambi gli strumenti, sarebbe una vera e propria chicca per gli showrunner! Potrebbero inserirlo nello show con qualche pretesto!

3. È figlio di un predicatore battista

lucifer trixie

È particolarmente ironico che Ellis interpreti il diavolo in persona visto che suo padre era un pastore battista.

Da bambino Tom Ellis ha anche prestato le sue doti attoriali per i presepi viventi della sua parrocchia! Sarebbe stato così divertente se avesse interpretato un angelo in uno dei drammi, no? Ma al piccolo Tom Ellis non è mai stato permesso di interpretare uno dei ruoli principali perché suo padre non voleva dare alla congregazione l’impressione di nepotismo.

LEGGI ANCHE: 5 motivi per recuperare la serie TV

4. Non sapeva dell’esistenza del fumetto 

Ci sono alcuni attori che fanno delle ricerche sui ruoli prima di andare a un provino, principalmente per aumentare le loro possibilità di ottenere la parte.

Il diavolo, invece, non aveva idea che Lucifer fosse basato sul personaggio di Neil Gaiman e su una serie spinoff scritta da Mike Carey. È stato solo quando ha ottenuto il ruolo di Lucifer che ha scoperto le origini del proprio personaggio. Gli è capitato di leggere un articolo in cui si parlava del fatto che il personaggio fosse basato su quello dei fumetti di Sandman. Si sentì mortificato quando si rese conto che non aveva mai sentito parlare della graphic novel prima di allora.

5. Sul palcoscenico in La Bella e La Bestia

la bella e la bestia

Il primo ruolo professionale di Tom Ellis è arrivato quando era ancora alla scuola di recitazione. Lui e il compagno di classe James McAvoy misero in scena una pantomima de La Bella e La Bestia. Ellis finì per interpretare il principe, mentre McAvoy ottenne un ruolo molto simile a quello dei topolini di Cenerentola. Che peccato che non ci fossero ancora gli smartphone per immortalare quelle scene!

6. Ha avuto una cotta per Tricia Helfer

È ironico che Tricia Helfer abbia interpretato la madre di Lucifer ed Amenadiel. Principalmente perché Ellis è un grande fan della serie televisiva Battlestar Galactica in cui la Helfer aveva un ruolo da protagonista.

Ma Ellis non aveva apprezzato solo l’interpretazione della collega nella serie tv. Ha infatti confessato di avere avuto una cotta per lei ai tempi della messa in onda di Battlestar Galactica. Chissà che imbarazzo la loro prima scena insieme!

7. Ama il cibo spazzatura

Ellis non solo è completamente dipendente dal cibo spazzatura, dalla birra e dal mangiare pancetta a colazione, ma ha ammesso che si sforza, letteralmente, di rimanere in forma per interpretare il diavolo.

Da quando si è avvicinato ai 40 anni, ha rivelato che tende a fare più yoga che sollevamento pesi. Immaginare Lucifer che si iscrive a una lezione di yoga e cerca di raggiungere la pace interiore è troppo divertente per descriverlo a parole!

8. Odia guidare a Los Angeles

Una delle cose che più infastidisce Ellis, ora che lavora negli Stati Uniti, è il traffico di Los Angeles.

Il motivo per cui è così arrabbiato con gli autisti di L.A. è dovuto al fatto che la maggior parte di quelli che guidano ad L.A. dimenticano le regole della strada nell’istante stesso in cui si siedono al volante. Senza nemmeno parlare di quelli che mandano messaggi mentre guidano!

A differenza del suo alter ego, che gironzola beato al volante per le strade di L.A., Ellis preferisce prendere la metropolitana.

9. Lucifer assomiglia a… David Bowie!

L’autore dei graphic novel, Mike Carey, ha dichiarato che la sua ispirazione iniziale per il personaggio di Lucifer è il defunto, grande, David Bowie.

Se avete già letto i fumetti (o se lo farete), è riconoscere una grande somiglianza con il musicista. Come un’ode all’originale di David Bowie, gli sceneggiatori trovano sempre un modo per inserire una o due canzoni di David Bowie in un paio di episodi a stagione.

LEGGI ANCHE: Le ragioni per cui amiamo la coppia Chloe & Lucifer

10. Ama i ruoli comici più di quelli drammatici

Ellis ha dichiarato durante un’intervista che è in realtà un attore comico. Forse molti non sanno che l’attore inglese è apparso in spettacoli comici come The Catherine Tate Show e Pulling e Miranda. Ho lavorato molto nella commedia. Per quanto mi piaccia interpretare ruoli drammatici, è sempre bello avere un po’ di umorismo quando si lavora”.

L’ironia mista a comicità è ciò che Ellis ha portato in Lucifer: almeno fino ad ora, sembra essere stata una tattica vincente!

11. Il suo accento è british (e ne va fiero)

Ellis si è preso alcune libertà con il personaggio di Lucifer. Non solo lo ha visto in una diversa luce ispiratrice, ma ha anche deciso che essere americano non funzionava a dovere. Con il senno di poi ha detto che è stata una decisione facile cambiare l’accento del personaggio perché quando aveva provato a girare qualche scena con l’accento americano, il personaggio era diventato orribile. Sembrava arrogante e maleducato, mentre il suo naturale accento inglese rendeva il comportamento maleducato di Lucifer e i suoi tratti ruvidi al contrario affascinanti e accettabili.

12. Tom Ellis è in realtà una persona comune

Tom Ellis può interpretare il diavolo in uno show piuttosto popolare, ma a casa a nessuno importa.

Durante un’intervista, Ellis ha rivelato che ai suoi figli non importa chi interpreta in TV. È un padre di tre bambine: “Le mie figlie sono poco impressionate dal lavoro che faccio, il che è piuttosto divertente”, e ha continuato nel dire “più e più volte, se sono in televisione io dico: ‘Guardate, è papà in televisione’, e loro guardano un po’… danno un’occhiata rapida e poi continuano con quello che stavano facendo”.

LEGGI ANCHE: Tutte le anticipazioni sulla quarta stagione

Lucifer è molto più di ciò che appare in superficie: parte da una trama controversa, fino ad arrivare a toccare tempi importanti e riflessivi, ha molti momenti divertenti che coinvolgono i personaggi, il team di produzione e persino la musica. Tutti elementi che sorprendono e coinvolgono il pubblico.

Ha un cast incredibile che va d’accordo come una famiglia disfunzionale. Chi non ama un cast che può trasferire quella pazza energia da dietro le quinte allo schermo TV?

Comments
To Top