fbpx
100 (The)

The 100: Brenda Strong parla del suo personaggio e degli aspetti positivi della serie

Dopo averla fatta da padrona in Desperate Housewives e Dallas, Brenda Strong ha aggiunto The 100 al suo già notevole curriculum; qui è Nia, regina dell’ Ice Nation, che vuole a tutti i costi eliminare Lexa (Alycia Debnam-Carey).

L’attrice ha descritto così il suo personaggio: ‘E’ fredda, aggressiva e forte;the 100 non ho mai interpretato un personaggio del genere. Nia è al 100% un’antagonista; per me è molto emozionante interpretare qualcuno che può risultare spiacevole, ma allo stesso tempo con cui  puoi connettere’.

In un’ intervista a TVLine, Brenda Strong discute il processo che ha portato alla luce Nia e di cosa le piace di più della serie CW.

Iniziamo dal principio: questo è un ruolo completamente diverso da quello a cui ci hai abituati; come è successo?                 Jason Rothenberg [produttore esecutivo della serie] conosceva il mio lavoro e penso che, basandosi su chi sono, più come persona che i ruoli da me interpretati, ha ritenuto potessi essere una feroce regina di ghiaccio. Essendo più di 1,80 m, la mia statura ha probabilmente giocato a mio favore; c’è una parte di me che si illumina nelle scene d’azione, quindi ero elettrizzata dal fatto che abbia pensato a me per questo ruolo.

E ha un aspetto straordinario; cosa ci vuole affinché Nia sia pronta a girare?
E’ stata una sorta di evoluzione: Taylor, la nostra make-up artist, ha compiuto una sperimentazione scrupolosa; lei e Jason continuavano a cambiare idea e ci sono volute circa 32 ore prima di ottenere il look perfetto per la regina Nia. Tra quello e le prove per il guardaroba, mi è sembrato fosse totalmente sviluppata per me; compresi i picconi per il ghiaccio, la pelliccia, gli elementi in pelle e tutto quello che ci si può aspettare di vedere in un clima remoto e gelido.

Una delle cose più belle di The 100 è il fatto che le donne occupino ruoli potenti, senza che ci siano domande o esitazioni; è qualcosa che ti ha attirato alla serie?
Assolutamente; se si guarda alla storia prima dell’avvento della scrittura, la società era the 100fortemente matriarcale; Jason si è connesso a questo da un sincero punto di vista storico; adoro il fatto che la nostra eroina sia una donna e che gli altri leader siano donne; si percepisce una certa forza provenire dai personaggi femminili, indipendentemente dall’età; e credo che, per questo motivo, i personaggi maschili siano più complessi: devono lavorare con donne che sono impetuose ed impavide; costringe tutti a degli standard più alti. E’ specialmente importante per le giovani donne che guardano questi personaggi come modelli…tradimenti, leadership ed integrità sono temi forti per i giovani, e questi vengono tutti affrontati nella serie.

In questo show, tutti hanno dei propri fini; è, quindi, giusto mettere Nia tra i ‘buoni’ o ‘cattivi’?                                                            E’questo il punto: tutte le tribù hanno una propria vasta storia; la cosa stupenda è che tutti sono in opposizione con qualcuno, quindi puoi vedere il punto di vista di Lexa e dire: ‘E’ fantastica; ha una visione chiara delle cose’; e lo stesso può succedere per Nia. Sfortunatamente le loro visioni sono in contrasto tra loro.

Comments
To Top