Attori, Registi, ecc.

Game of Thrones: The Wind Of Winter non è pronto, George Martin si scusa per il ritardo

George R.R. Martin- game of thrones

I fan di Game of Thrones continuano a lamentarsi del fatto che Martin abbia l’abitudine di uccidere i loro personaggio preferiti; ad essere uccisa questa volta, purtroppo, è la loro speranza. L’autore, con un post sul suo blog datato sabato, li ha dolorosamente informati che The Wind Of Winter non è pronto.

George-RR-MartinLa notizia è doppiamente dolorosa per i fan dell’autore e della saga, in quanto non solo dovranno attendere ancora per conoscere i destini che attendono i vari personaggi, ma l’uscita del libro ormai slitta addirittura oltre la messa in onda della sesta stagione (prevista per Aprile).

Credetemi, non mi piace affatto scrivervi queste parole. Siete delusi e non siete gli unici’, queste le parole di Martin, che lasciano trapelare anche il disappunto dell’HBO stessa.

Facendo appello a diverse motivazioni – tra cui impegni che lo hanno portato a viaggiare, l’età avanzata e giorni in cui non era facile scrivere – lo scrittore spiega che l’ultima scadenza datagli per consegnare la sua opera era prevista per la fine del 2015. Mantenendo quelle tempistiche, che già si erano adattate alle tempistiche di Martin, i suoi editori sarebbero riusciti a pubblicare il libro entro Marzo.Ed eccoci qui, è Gennaio. Il libro non è pronto né consegnato. Niente può cambiare lo stato delle cose. Ci ho provato, ve l’ho promesso…ma ho fallito – continua l’autore – nessun altro è da incolpare; né il mio editore o la casa editrice, né l’HBO o gli showrunner della serie. Tutto è dipeso solamente da me.’

george martinAfferma inoltre di avere molto materiale a disposizione e che a questo punto la serie targata HBO potrebbe dare anticipazioni ai lettori sul contenuto del libro, tra piccole rivelazioni e alcuni colpi di scena già previsti nella sesta stagione e che dovevano essere contenuti nel libro in questione. Una piccola inversione dei ruoli insomma, di cui certo i lettori più accaniti non saranno affatto contenti.

 

Comments
To Top