fbpx
Recensioni Serie Tv

The Wilds: la recensione della serie TV di Amazon Prime Video

The Wilds

The Wilds è la prima serie YA a sbarcare su Amazon Prime, scritta e prodotta da Sarah Streicher, già sceneggiatrice di Derdevil, qui per la prima volta nelle vesti di produttrice esecutiva è un mix tra Il signore delle mosche che incontra Pretty Little Liars e Lost. 

Insomma, se state cercando dell’intrattenimento, allora The Wilds è proprio la serie a cui dovreste dare una chance. 

Se pur, dobbiamo dirlo subito, con quale sbavatura , The Wilds è una serie interessante e avvincente che è impossibile non divorare, episodio dopo episodio. Anche se vi consigliamo di non farlo, ma di godere del giusto tempo per vederla tutta.

E vi spieghiamo perchè in questa recensione di The Wild non spoiler.

The Wilds recensione prima stagione

LEGGI ANCHE: Lost: tutto quello che probabilmente non sapete sulla serie TV cult

The Wilds, di cosa parla?

La serie TV di Amazon Prime video segue le vicende di un gruppo di ragazze, bloccate su un isola deserta. 

Le incontriamo per la prima volta mentre salgono su un aereo privato dirette a un ritiro di empowerment femminile alle Hawaii, chiamato L’alba di Eva.

Si tratta di un gruppo di giovani donne, molto eterogeneo tra loro:  Leah, Rachel, Nora, Dot, Toni, Martha, Fatin,  Shelby e Jeanette. In comune hanno alcuni traumi e si trovano in momenti difficili della loro vita.

Ogni personaggio ha un episodio dedicato che viene raccontato in un flashback mentre si svolge l’azione principale. Mentre sono dirette alle Hawaii, qualcosa va storto e si ritrovano sopravvissute al largo di un’isola deserta. Qui dovranno lottare per sopravvivere avendo un numero limitato di risorse. 

LEGGI ANCHE: Netflix: 10 teen drama da recuperare

In The Wilds il mistero è secondario

Mentre Lost si è preso del tempo nella prima stagione per chiarire quanti misteri fossero in agguato sull’isola e alimentandoli nel tempo,  dall’inizio The Wilds chiarisce  subito che c’è molto di più di un gruppo di ragazze naufragate su un isola deserta.

Al centro di tutto questo c’è Gretchen Klein ( Rachel Griffiths ), un personaggio enigmatico e a tratti inquietante a capo del progetto L’alba di Eva. 

Cosa sta creando e quali sono gli obiettivi di Gretchen li scopriamo pian piano, grazie alla struttura narrativa della serie che si articola, come abbiamo detto, in flashback.

Uno dedicato alla storia delle protagoniste e la nascita parallela del progetto. Poi c’è un piano collocato nel passato più recente con il naufragio e gli accadimento sull’isola e infine c’è il presente, in cui gli investigatori interrogano le ragazze, per capire esattamente cosa sia accaduto sull’isola.

Raccontare e sviscerare troppo the Wilds significherebbe rovinare la visione a chi ancora deve approcciarsi con la serie. Ci sono tante tematiche che vengono affrontate episodio dopo episodio e la struttura narrativa basa molto del suo ritmo sulle sorprese inaspettate.

Il modo in cui la serie gioca con i diversi piani è veramente interessante.

A volte, bisogna ammetterlo, i colpi di scena potrebbero sembrare dei WTF, quello che però è importante sottolineare, al di là di qualche sbavatura, è che The Wilds riesce a ad essere molto avvincente e unisce in se la giusta dose di mistero, dramma, commedia e paura.

LEGGI ANCHE: Tutti fan della fine del mondo: 10 serie TV post apocalittiche da vedere

The Wilds recensione prima stagione

The Wilds, Lost per teenager?

Non è veramente un “Teen Lost “, anche se entrambi gli show terminano la loro prima stagione con un cliffhanger esasperante in cui si vorrebbe subito vedere l’episodio successivo.

Nella serie di Amazon prime video, non è il mistero il motivo per cui queste ragazze sono sull’isola, quanto il modo in cui esserci le cambierà.

Un cambiamento che iniziamo a scorgere già da metà stagione e che ci condurrà alla fine del racconto (N.D.R la serie è stata rinnovata per una seconda stagione) con delle giovani donne cambiate.

The Wilds, infatti, è molto di più di quello che apparentemente sembra. E’ una denuncia abbastanza netta sul significato di essere giovani donne in una società come quella americana, ma in generale quella occidentale, su cosa significa conformarsi a tutti i costi, rientrare in definizioni precise di quello che la società e la famiglia si aspettano.

Comments
To Top