fbpx
Recensioni Serie Tv

The Walking Dead: Recensione dell’episodio 5.11 – The Distance

The Walking Dead lo sappiamo, ha da sempre diviso gli spettatori: gente che si strappa i capelli urlando al capolavoro, cosa accaduta di recente dopo l’episodio What happened and what’s going on, persone che invece giudicano talmente negativamente la sceneggiatura di alcuni episodi da valutare un episodio con una misera e triste stellina.
Mi sembra francamente ridondante ritornare a elencare pedissequamente pregi e difetti di una serie che, per quanto criticata, resta comunque una forte calamita soprattutto per i detrattori più severi, che non riescono a mollarla e a dedicarsi ad altro perché The Walking Dead alla fine sbagliando, annoiando a volte e scivolando su dialoghi imbarazzanti e poco attraenti, incuriosisce lo spettatore perché parla di noi. Di una versione degli esseri umani ormai resi cinici dall’esperienza e che non credono più al lieto fine.

the walking Dead_511-4E’ il caso di Rick in The Distance; Aaron racconta una possibilità di vita di gran lunga migliore di quella vissuta fino ad ora da Rick &co: una grande comunità con chirurghi, case, alberi di mele e cibo a volontà e sistemi di sicurezza talmente all’avanguardia per quel mondo post apocalittico che questo porterebbe il gruppo di Rick a vivere quasi senza armi; tutto sembra bello e possibile e il gruppo allo stremo delle forze si è ormai convinto a seguire Aaron, ma Rick non crede più a nulla. the walking Dead_511-3In questo mondo non sono i walker il vero pericolo, ci rende bene l’idea di questo dato di fatto la reazione del gruppo in spedizione sulla route 16 quando dal cespuglio vedono uscire un morto invece che un vivo. Sono i vivi il vero pericolo perché i vivi vogliono sopravvivere e per farlo devono ridefinire la propria morale. Questo ci ha insegnato The Walking Dead fino ad ora: non ci sono cattivi e buoni ma solo persone che tentano con tutte le forze di restare in vita. “Solo perché siamo delle brave persone questo non vuol dire che non ti uccideremo”. E Rick non è da meno, vuole sopravvivere e vuole che la sua famiglia al completo, sopravviva.

L’episodio si conclude con l’arrivo di Rick e il gruppo al nuovo campo; il rumore di voci di persone vive tranquillizza Rick e gli conferma che Aaron e il suo compagno hanno detto probabilmente la verità. Questo lo sapremo solo nel prossimo episodio ma se così fosse, se la comunità che accoglierà il gruppo è genuina e liberale, the walking Dead_511-2The Walking Dead potrà sopravvivere a una narrazione concentrata in un solo luogo? In realtà non sarebbe una novità, abbiamo già visto stagioni più statiche fisse alla fattoria e alla prigione ed entrambe le location ci hanno permesso di vedere episodi interessanti e soprattutto un’evoluzione dei personaggi che ci ha fatto sentire più coinvolti nella storia. Alexandria a mio avviso non sarà da meno. Io non ho letto il fumetto, ma ho deciso di documentarmi per evitare banali domande retoriche alle quali una fetta del pubblico ha già dato la sua risposta; certo è vero che bisognerà vedere come gli sceneggiatori decideranno di affrontare questa storyline viso che fumetto e serie, se pur intimamente legati, hanno sempre seguito strade autonome fino ad ora.

Infine un capitolo a parte lo merita Michonne, il cui ruolo nel gruppo è sempre centrale e determinante e che si va, via via configurando come il vero leader emotivo del gruppo: un personaggio meno fragile di Tyreese e che molto probabilmente da qui in avanti eviterà a Rick & Co di prendere cattive decisioni.
In conclusione con The Distance si volta pagina; messo da parte il lutto per gli scomparsi, la fame, la disperazione, ora si apre un nuovo capitolo per The Walking Dead che si preannuncia inaspettato e che speriamo offrirà interessanti opportunità di narrazione.

Per restare sempre aggiornati su The Walking Dead, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Walking Dead Italia e per The Walking Dead ITA

5.11 - The Distance

Nuovo inizio

Valutazione Globale

User Rating: 3.33 ( 9 votes)

Maura Pistello

Fondatore/ Admin Serie tv dipendente, accanita lettrice, amante del cinema e dell'arte

Articoli correlati

5 Comments

  1. Fate quello che volete ma quest’anno TWD è un’altra storia…c’è qualcosa di diverso nella regia, nel montaggio. Questo episodio è molto bello, intenso con un ritmo giusto, con dei dialoghi ottimi e ben bilanciati. E la recensione è scritta benissimo, brava Maura davvero.!

  2. Quoto ancora Cate. Evidentemente, dopo il passaggio di testimone al nuovo (ultimo) showrunner ed una stagione di transizione (la precedente), il serial sembra essersi assestato finalmente!
    Puntata che è letteralmente VOLATA! Bella bella bella!

  3. Questa puntata è sicuramente una delle più convincente della stagione. La storia procede bene, mi è piaciuta molto la scena in strada di notte, con il sangue degli zombie sui vetri. Molto old school!
    Così come i due personaggi nuovi, potrebbero avere delle potenzialità. Vediamo che ci riserva il resto della stagione in questo nuovo luogo… 😉

  4. @Caterina Grazie 🙂
    Comunque convengo con voi, da qui si aprono innumerevoli possibilità e potenzialità sicuramente il ritmo e la dinamicità dell’episodio hanno giovato ad intrattenere e soprattutto hanno rinnovato la curiosità per gli episodi a venire!

  5. Il finale di puntata mi ha lasciato tanta curiosità, ma non voglio spoilerarmi cercando su google, per godere a pieno della prossima puntata….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button