fbpx
Recensioni

The Walking Dead – 3.02 Sick

Sick, il secondo episodio della terza stagione di The Walking Dead inizia proprio lì dove era finita l’adrenalinica premiere e pur non mantenendo quel ritmo forsennato propone interessanti spunti di riflessione che da sempre questa serie ha, in parte velatamente, sollevato.

Hershel ha perso una gamba ed è in fin di vita, mentre le donne e Gleen, tenuto lì da Rick per qualsiasi spiacevole epilogo, si occupano di lui, Rick, T-Dog e Daryl cercano di occuparsi degli inquilini della prigione.

Non c’è felicità, curiosità, nessun sentimento positivo nell’incontrare quattro persone vive, perché purtroppo non c’è speranza per l’umanità così come la conosciamo né per la società civile; mentre Rick si premura di spiegare come stanno le cose a questi poveri prigionieri all’oscuro di tutto quanto avvenuto negli ultimi dieci mesi: non esiste più un governo, polizia, istituzioni di alcun generale, l’umanità è stata decimata, ricorda anche a noi spettatori come stanno le cose, cercando forse di giustificare i comportamenti disturbanti per la nostra morale ed etica visti in questi due episodi della nuova stagione.
Tomas, che il leader de facto del gruppo di prigionieri, si accorda con Rick per dividere le provviste rimaste e gli spazi nella prigione. Mentre, durante una spedizione, ‘i nostri’ li aiutano a ripulire la loro zona dai restanti prigionieri ormai de umanizzati dall’infezione, uno di loro viene graffiato e quindi conteggiato, la discussione su cosa fare viene interrotta dalla furia omicida di Tomas, che uccide a randellate il compagno senza battere ciglio.
Rick, già convinto che la convivenza con queste persone non sarà facile, coglie l’occasione per far fuori Tomas quando, durante un faccia a faccia con un gruppo di erranti, si accorge che è lo stesso Tomas a volerlo far fuori, così senza tanti discorsi o pensieri gli pianta un coltello nel cranio.
Questo è quello che è diventato Rick!
Lo scopo della vita in questa rappresentazione del mondo fatta in Walking Dead è la sopravvivenza e come tale tutte le regole morali esistite prima si azzerano di fronte a questo nuovo obiettivo e ne sorgono altre. Una delle nuove regole, in una società primitiva è la difesa del proprio gruppo e dell’ambiente immediatamente circostante, con tutti i mezzi a propria disposizione ed è quello che Rick sta mettendo in pratica.
Non esiste proprietà privata ma conquista della proprietà: lo spiega bene il nostro ex sceriffo ai prigionieri quando chiaramente gli dice che quel braccio della prigione se lo sono conquistato e quindi hanno un diritto maggiore per occuparlo.
La scena però più difficile da mandare giù, che disturba più di mille squartamenti, è l’uccisione dell’altro prigioniero, bloccato intenzionalmente da Rick in un cortile interno della prigione brulicante di Zombie. Il ragazzo implora per la sua vita senza successo, il ‘nuovo’ Rick non si fa intenerire e anzi ci mostra veramente chi è diventato ora.
E’ quasi come Shane, bistrattato e ucciso per aver mutato troppo velocemente il suo codice di comportamento, Shane probabilmente non avrebbe risparmiato gli altri due prigionieri, e quindi forse un residuo di umanità ancora c’è in Rick. Ma l’umanità, così come è nota a noi, è utile in contesto apocalittico?

Nel frattempo, mentre Maggie si è fatta una ragione dell’imminente morte di Hershel e cerca di convincere la sorella, quest’ultimo riprende conoscenza per la gioia di tutti. Ma non sappiamo se e quanto durerà.  Secondo me poco. Quanto lontano può andare in quella situazione un uomo con una gamba sola?
In Sick c’è spazio anche per i problemi matrimoniali tra Rick e Lori. Non sappiamo cosa sia successo nei mesi successivi alla morte di shane ma Lori ha fatto/detto qualcosa d’imperdonabile a Rick, sappiamo che l’ha incolpato della morte di Shane, ma deve esserci altro che spero, scopriremo presto, così potremo odiare con più impegno Lori, ovviamente.
L’episodio si conclude con un piccolo mistero: chi sta osservando Carol mentre fa pratica con un taglio cesareo, su una donnina con un vestitino giallo ormai morta due volte?

Comments
To Top