fbpx
Recensioni Serie Tv

The Vampire Diaries – Recensione dell’Episodio 7.06 – Best Served Cold

Enzo e Bonbon, Alaric e Caroline, Lily e Julian, che praticamente ha visibilmente la metà dei suoi anni, Damon e la bara di palissandro… ma chi è il genio del male dietro queste accoppiate? Che anche Beau, se potesse parlare, direbbe: “Sceneggiatori dello show, che cosa vi fumate?” Tra esilaranti partite di candy crush, Matt Donovan ingenui ubriachi, persone che accidentalmente prendono fuoco nel caminetto della cucina di casa Salvatore, incredibili party stile anni ’50, vi giuro davvero che un senso lo troviamo. Come vorrei poter fare uno di quei fantastici “feismatos” che risolvono sempre ogni cosa e farvi sparire, in un colpo solo, tutti quanti. Vi prego, raggiungete tutti quanti Elena che si sta rivoltando in quella bellissima bara di palissandro per lo scempio di questo episodio e fatele tanta compagnia…

No, aspettate. Andiamo con calma e caviamo qualcosa di buono da questo episodio.

Immagine3Julian è tornato. E’ tornato e pratica la scherma in casa, e alla fine va bene, perché avessi visto mai una volta che venisse fatta la cosa giusta nel posto giusto, cosa non si è fatto a casa Salvatore? Lily nel frattempo organizza un party per far conoscere Julian ai suoi nemici, soggiogando intanto gente sconosciuta di posti vicini per partecipare alla festa. Per ragioni incomprensibili alla mente umana dello spettatore medio incallito con serie tv non-sense come TVD, si presentano tutti. Oh, fosse mancato qualcuno. Damon, Stefan, Bonnie, Enzo. Ma non vi spaventate se non capite perché i nostri personaggi si comportano come scimmie decerebrate, che ci stiamo avvicinando pian piano al senso dell’episodio.

Durante la festa Stefan cerca di uccidere Julian. Ma a parte il chiarissimo poco impegno che ci mette nel tentare questa impresa, noi già lo sapevamo che Julian non sarebbe morto. La vita e la morte di questi ignobili personaggi dipende dalla scaletta di marcia della messa in onda. Siamo ancora al sesto epiImmagine3sodio? Vita assicurata per altri sei minimo, quindici massimo. E la storia finisce con una paternale da parte di Julian che malmena Stefan e Damon e che finiscono a loro volta a tarallucci e consulenze psicologiche a parlare sul patio di casa Lockwood di Giuseppe Salvatore (un brivido, viva l’Italia!). Aè, ancora non ci siete arrivati? Ancora non scorgete, nemmeno in lontananza, il senso dell’episodio? Allora andiamo avanti.

Stefan è furioso per il fatto che Julian gli abbia ucciso suo figlio, il figlio che Valerie portava in grembo. Parliamo di un feto di una settimana e mezza e di 150 anni fa. Ma andare avanti e farlo in fretta per i fratelli Salvatore non è mai stato poi così facile, per cui me l’aspettavo pure una reazione del genere. La rabbia ci può stare. L’amarezza anche. La sete di vendetta, la delusione, il rimpianto, va bene tutto. Quello che non mi riesco a spiegare è perché, tra tanti nomi, quel bambino si sarebbe chiamato proprio Jacob. Dove il richiamo a Twilight continua ad essere costante e imperituro, io non abbandono il campo di battaglia e resto qui, a ricordare con voi.

Riceviamo i nostri consueti pugni nell’occhio coi momenti inspiegabilmente trash della puntata, da Bonnie che aggiusta la cravatta ad Enzo per far ingelosire Lily (tornate sul pianeta terra tutti quanti, ve ne prego), a Nora che dice a Mary Louise di sembrare Scarlett Johansson, fino a quella classe del liceo piena di imbambolati che Matt Donovan vorrebbe cercare di salvare semplicemente dicendo loro “Per favore alzatevi tutti quanti, vi tireremo fuori di qui” (Quanto sei intelligente Matt quando ti ci metti con la santa pazienza).

Il senso dell’episodio lo accalappiamo solo alla fine, negli ultimi cinque minuti, quando Valerie si rende conto che l’incantesimo della congrega Gemini al matrimonio di Alaric e Jo (e lo so che vorreste saperlo dove Valerie ha trovato quel video ma no, non ce lo diranno mai perché in realtà non lo sanno manco loro) non era per imprigionare di nuovo Kai nel mondo prigione, ma per salvare la vita dei gemelli di Jo. E allora parte il “feismatos” di rintracciamento. Dove saranno questi bambini? Europa? Cina? Mississippi? Antartide, ne sono sicura.

Nella pancia di Caroline. (Caroline…la tua faccia…la nostra faccia…)

Immagine3

Oh, allora l’avete capito il senso dell’episodio, no?

Il senso dell’episodio è che ORMAI NIENTE HA PIÙ SENSO.

Mi inchino dinanzi all’allucinogeno delirio degli sceneggiatori! Chapeau!

Per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su The Vampire Daries vi consigliamo di seguire la pagina The Vampire Diaries-Italy e Vampires & Originals e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

mmorìn92

Amo i libri, il cinema, la fotografia, l'arte, l'architettura e soprattutto...i telefilm! Amo, insomma, la vita. Ma una "biographical info" sarebbe davvero troppo riduttivo per descrivermi. Lascio quindi a voi l'ardua sentenza! https://www.facebook.com/MorinPhotographer?fref=ts

Articoli correlati

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio