fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

The Vampire Diaries: Recensione dell’Episodio 6.17 – A Bird in a Gilded Cage

Arrivati all’episodio 17, inevitabilmente, bisogna iniziare a tirare le somme: la stagione è quasi finita, mancano esattamente cinque episodi alla sua conclusione e viene da chiedersi dove ci abbiano portati questi diciassette episodi, questa quinta stagione. A differenza delle altre annate, questa non ha avuto un contiuum, un  livello che sia riuscita a mantenere in pieno e senza sforzo, ma forse sarebbe più giusto dire che ha alternato alti e bassi.

Quest’episodio, in particolare, rappresenta un momento ‘alto’, secondo me, proprio come quello precedente. I personaggi sono arrivati ad tvd_617_4un punto, chi nel bene e chi nel male, in cui possono dare prova di sé, del proprio carattere, emergendo da una nebbia di ‘comunità’ che spesso rischia di fossilizzare una serie come questa. Parlando di carattere non si può non pensare a Stefan e Caroline: entrambi al massimo delle proprie forze, entrambi con l’umanità relegata in un angolino impolverato del loro cuore e entrambi più agguerriti che mai. Dopo che Caroline l’ha costretto a rinunciare alla sua umanità, lo ‘Stefan divertente’ decide di mostrare alla sua amica cosa significhi davvero perdersi nel mondo in cui nulla ha importanza.

Malgrado abbia rinunciato ai suoi sentimenti, infatti, la giovane Forbes non può fare a meno di mantenere alcuni tratti del proprio carattere – la control freak lo sarà sempre, con o senza l’humanity switch. Questo a Stefan non sta bene, proprio perché a lui non importa nulla e, dunque, si vedono (letteralmente) teste che rotolano e gente moribonda, prosciugata del proprio sangue. La parte divertente di Stefan emerge, dandoci di nuovo un assaggio di quanto lo amassimo nei panni di Rippah.

Caroline pian piano arriva anche lei allo stato di zen che necessita la sua condizione, abbandonandosi dopo molto lottare ai ‘modi di Stefan’ e ritrovandosi a letto con lui. Lo sapevamo che sarebbe successo, prima o poi, dunque non possiamo che trattenere un sorrisetto alla scena dei due che rotolano davanti al fuoco. Ora che il dado è tratto viene spontaneo chiedersi ‘durerà’? Non ci è dato saperlo, ma noi tvd_617_2continuiamo a tifare per loro – fondamentalmente perché Stefan fuori controllo è fantastico, Caroline senza umanità è una novità appetitosa e, insieme, sarebbero inarrestabili.

Un po’ come Bonnie che, con tanto di scorta al seguito, si trova nel mondo prigione di Lily Salvatore. Mentre Damon ed Elena vengono lasciati a discutere con donna, nella speranza di riportarla indietro per far tornare nuovamente Stefan alla sua condizione di vampiro martire ed umanizzato, Bonnie inganna Kai facendosi seguire solo per potersi prendere la sua vendetta. Bonnie è cambiata moltissimo in questa stagione. Vivere da sola per così tanto tempo, senza nessuno, in un mondo che l’ha addirittura portata a considerare il suicidio, non deve essere stato facile e lo capiamo. Quello che capiamo anche meglio è come attribuisca la colpa di tutto a Kai, il responsabile dei suoi peggiori incubi.

Mentre Damon assisteva, attonito, all’evoluzione di Kai, che diveniva sempre più umano dopo la fusione con il fratello Luke, Bonnie era completamente ignara di questo cambiamento. Non sorprende dunque che non creda affatto alla ritrovata bontà dell’uomo che l’ha ingannata, tradita, pugnalata e braccata come un animale, ora magicamente penitente e in cerca del suo perdono. E’ sempre complicato giudicare situazioni di cui non siamo i protagonisti e dunque tvd_617_1non me la sento di giudicare le scelte di Bonnie, ma posso senz’altro dire che, oggettivamente, capisco il suo punto di vista e lo rispetto.

Rispetto un po’ meno Damon e la sua scelta di ingannare sua madre ma, in questo caso, è di Damon che siamo parlando. So che non è mai stato l’esempio della fiducia o dei piani chiari e limpidi ma, facendo una stima, in questa stagione si è rivelato più voltagabbana che in quelle passate. Non c’è affetto nei suoi occhi, nel rivedere una madre che l’ha abbandonato da piccolo, solo dolore, e dunque quando la medesima gli confessa di non voler lasciare indietro la sua ‘famiglia’ l’arcobaleno di emozioni che attraversa il volto di Damon è devastante.

Damon ha amato sua madre, profondamente, e scendere a compromessi con il suo passato, con i ricordi che ha di lei e quello che scopre essere stata davvero la sua vita, non è facile per uno come lui. Quando dice che Stefan è la sua famiglia lo fa con forza, sottolineando come sia vero e autentico il legame che lega i due fratelli. Ingannando la tvd_617_3madre lascia indietro i suoi inquietanti amici ma, d’altra parte, ora che c’è Kai a fargli compagnia penso che la situazione si farà molto interessante. Potrei far notare che i vampiri fossilizzati ricordano fin troppo la cripta della prima stagione e potrei, con altrettanta nonchalance, pensare che stiano ricadendo negli stessi schemi perché Julie Plec non ha novità nel sacco delle sue idee ma… non lo farò. Spero ancora che i vampiri che Lily considera la sua famiglia nascondano qualche mistero in più e rendano la storia ancor più interessante.

Enzo, Alaric, Joe e Sarah restano ai margini di un episodio interessante e pieno e, per una volta, anche il rapporto tra Elena e Damon sembra passare in secondo piano: non dico sia scontato ma vederli fare i piccioncini non ci fa più effetto. I Delena sono lì e non si muovono, per il momento siamo presi dagli Steroline – come l’OTP Weekly di questa settimana dimostra. 17 episodi andati in onda, 5 to go e… tutte le premesse per un finale di stagione interessante per una stagione che, di per se, non ci sta deludendo.

Per vedere sempre prima gli episodi di The Vampire Diaries seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitles e per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su The Vampire Daries vi consigliamo di seguire la paginaThe Vampire Diaries-Italy e Ian Somerhalder & Joseph Morgan.

6.17 - A Bird in a Gilded Cage

Interessante

Valutazione Globale

User Rating: 2.95 ( 2 votes)

Katia Kutsenko

Cavaliere della Corte di Netflix, rinomata per binge-watching e rewatch, Katia è la Paladina di Telefilm Central quando si tratta di tessere le lodi di period drama e serie tv fantasy. Le sue uniche droghe sono: la caffeina, Harry Potter e Chris Evans.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button