Recensioni

The Vampire Diaries: Recensione dell’Episodio 6.15 – Let Her Go

Solamente due settimane fa avevo esaltato la potenza di un unico filo conduttore che manteneva ancora in piedi lo show. Rettifico: non è per niente vero. 

Questa “Let her go”, oltre a ricordarmi il titolo della canzone dei Passenger, mi fa sentire come una malata d’Alzheimer: avevo sinceramente dimenticato la storia di Kai e della congrega Gemini, e ci sono andata molto vicina con Bonnie, ormai credevo che se ne fossero dimenticati persino gli sceneggiatori. Ancora, avevo già sottolineato quanto il personaggio di Luke fosse sfigato, ma la riconferma è arrivata quando hanno avuto due episodi di tempo per poterne celebrare la morte e non c’è stato nemmeno un accenno di funerale. Solamente nell’episodio scorso Matt era stato investito da Enzo per poi essere salvato dallo stesso –tutto un piano architettato al fine di fare qualcosa a Sarah che ancora non ho ben compreso – mentre in questo Sarah non compare minimamente. E giusto perché non avevamo proprio altro a cui pensare, a fine episodio ci lanciano la bomba della madre dei Salvatore intrappolata nel mondo prigione del 1903. Ormai i personaggi sono così tanti (da classificarsi sempre tra inutili, scarsamente utili e rilevanti) che gli sceneggiatori sono costretti a giocare a testa o croce per scegliere chi inserire nel prossimo episodio.

Tralasciando questo papocchio di trame, per me che ho la lacrima facile  è stato arduo contenere i rubinetti. Tra gioie, dolori, sofferenze e tristezza, nella mia top #piagnisteomodeON di questa settimana abbiamo:

3.      Il fidanzamento tra Alaric e Jo. Oddio, l’ultima buona notizia che ricordi penso risalga tipo alla seconda serie. Tra morti, resuscitati, impriImmaginegionati, trasformati (in vampiri) ancora morti, incidenti, macchine giù dai ponti, macchine sui pali, macchine dentro macchine (insomma, avete capito), abbiamo finalmente uno spiraglio di luce in uno show che forse è diventato troppo più cupo di quanto avrebbero voluto. Benché avrò visto insieme Alaric e Jo in due episodi e mezzo massimo, si conoscono da quattro minuti e avranno avuto un solo appuntamento e Jenna nel frattempo si stia rivoltando nella tomba, a noi i matrimoni ci fanno impazzire e quindi la mente vola tra le fantasie più disparate (anche se sappiamo benissimo che qualcosa dovrà pure succedere, altrimenti non sarebbe più TVD).

2.       Il ritorno di Bonnie. Gloria a Dio nell’alto dei cieli, dopo 15 episodi per noi e 278 giorni per lei, Bonnie ce la fa, con un tempismo veramente immondo, dal momento che Liz è già morta e Jeremy è ormai bello chThe-Vampire-Diaries-6x15-2e andato, ma va bene così. Quando, in attesa dell’eclissi, si ritrova alle prese con l’aurora boreale del Nord, mi sono cadute le braccia. Ma anche gli sceneggiatori hanno capito che c’è un limite a tutto, persino all’essere sfigati, e che non era più il caso di farla parlare con la sua videocamera. Ed ovviamente, Bonnie si fa trovare a casa Salvatore a preparare quei fatidici ed odiosi pancakes che lei e Damon erano soliti prepararsi nel loro mondo prigione. E ciao ad Elena, ciao a Caroline che ha una madre sottoterra, ciao a Jeremy l’amore della sua vita! E’ Damon la prima persona alla quale appare. Anche se smaniavo dinanzi al computer con la disperata speranza di un super abbraccio di gruppo tra amiche, anche quello tra Bonnie e Damon mi ha fatto davvero consolare e, senza ombra di dubbio, data la scena che sembrava davvero reale, mi ha fatto riflettere su quanto le esperienze di vita convissute, nel bene e nel male, possano fortificare le relazioni.

1.      La morte di Liz. La prima parte dell’episodio è quasi interamente dedicata al funerale di Liz, ed è il momento in cui ho dato il meglio di me in fatto di lacrime di coccodrillo. Ecco, Liz era uno di quei personaggi da inserire nella categoria degli scarsamente utili, eppure, per me, TVD senza lo sceriffo Forbes non sarà più lo stesso. Innanzitutto, era praticamente l’unica mamma rimasta in circolazione e un po’ di affetto e preoccupazione materni non fanno mai male, specialmente nel caos di una vita condotta assolutamente senza alcun tipo di regole (come ad esempio l’università che viene sempre iniziata con tanto entusiasmo e dopo pochi mesi non se la caga più nessuno). In più ero follemente innamorata della sua grande amicizia con Damon che adoro vedere in modalità premuraLet Her Go. E, nonostante alcune scene che non emergono sicuramente per brillantezza, come ad esempio Caroline che invita Elena a fare “shopping di bare” o la stessa Caroline che chiede a Stefan se la ama mentre la madre è alle loro spalle esanime in una bara (ok…), il funerale, nel complesso, è stato davvero molto toccante (specialmente il discorso di Damon e l’ultima chiamata alla radio dello sceriffo).

Quindi, a malincuore, son costretta a dare anch’io l’ultimo saluto: Ciao Liz!

 Per il resto, cose random: Kai che risucchia tutta l’energia a Jo (uffà, che pizza…), Caroline che decide di spegnere le proprie emozioni proprio quando Stefan decide di degnarla di uno sguardo (uffà, che rabbia!) Tyler sbronzo al funerale della mamma di Caroline (uffà, che noia…) e ah, Matt che decide di arruolarsi nella polizia (uffà, che OMMIODDIO NON HO PAROLE!). Questa notizia avrebbe potuto creare scalpore in chiunque, ma in me no. Ho provato uno strano deja-vu. Poi mi sono ricordata dove avevo già visto questa scena: per chi segue il trashissimo Revenge, parlo del nostro amato barista Jack Porter che diventa in un nonnulla agente di polizia (per poi licenziarsi dopo due minuti).

 Ahhh, ma questi sceneggiatori si scambieranno le idee tra di loro?!

Per vedere sempre prima gli episodi di The Vampire Diaries seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitles e per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su The Vampire Daries vi consigliamo di seguire la paginaThe Vampire Diaries-Italy e Ian Somerhalder & Joseph Morgan

Comments
To Top