fbpx
Recensioni

The Vampire Diaries: Recensione dell’episodio 5.01 – I know what you did Last Summer

Dopo una lunga attesa, finalmente sono tornati anche i nostri vampiri preferiti, con un primo episodio che promette nuovi misteri, nuovi intrecci e nuove bugie, che aspettano soltanto di venire a galla. Un po’ come Stefan, insomma…

tvd_3Mentre il più giovane dei fratelli Salvatore alterna momenti di apnea ad allucinazioni più o meno piacevoli, Damon ed Elena cercano di sfruttare a pieno i mesi estivi, prima della partenza di Elena per il college. Solo io trovo ridicolo quest’interesse per l’università? Dopo essersi data alla piromania, all’omicidio, a passeggiate su isole deserte e a relazioni particolarmente focose, passando oltretutto per miracolosi rinsavimenti, nell’ultimo anno, non l’ho mai sentita accennare al suo interesse di ricevere un’istruzione di grado superiore – soprattutto visto il suo interesse, praticamente inesistente verso la scuola superiore. Ma Mystic Falls è il luogo dove i miracoli succedono. No, non mi riferisco a Damon ed Elena che cercano di imitare le cinquanta sfumature in salotto, in pieno giorno, bensì alla normalità con cui Elena fa i bagagli e se ne va. Altra mossa assolutamente insensata e totalmente incoerente con le sue scelte precedenti. Mi sa che la coerenza di Elena è andata insieme ai suoi capelli.

tvd_5Arrivate al college, lei e Caroline scoprono di avere una coinquilina in più. Una ragazza che, si da il caso, abbia perfino dell’acqua alla verbena a portata di mano. Coincidenza? Siete di Mystic Falls, ragazze: davvero credete ancora alle coincidenze? Comunque non è poi tanto importante, visto che la poverina non dura nemmeno un episodio, finendo assassinata nel giro di poche ore. Ebbene sì, in assenza di personaggi stuzzicanti e dell’attrazione tra Klaus e Caroline, Julie Plec ha deciso di puntare sull’elemento mistero. Non so come possa funzionare la cosa, ma diciamo pure di voler concedere una possibilità a questo nuovo sviluppo, domandandoci: chi sarà mai l’assassino-vampiro del campus?

Damon, mentre Elena si improvvisa Sherlock Holmes prima e Barbara d’Urso poi, quando Tyler ‘rompe’ con Caroline, è invece rilegato a casa a fare da babysitter. La prima a fare una capatina all’asilo nido Salvatore è una puzzolente e decisamente poco elegante Katherine, a cui l’umanità pare donare davvero poco (o niente). La poverina, infatti, è alla ricerca di protezione da tutti coloro che vorrebbero ucciderla. Per chiedere aiuto a Damon, la lista dev’essere bella lunga. Ma non è una vampira umanizzata a creare problemi quanto, piuttosto, il piccolo fratellino di Elena, Jeremy, lasciato alle amorevoli cure di Damon Salvatore, il vampiro che gli ha spezzato tvd_4il collo solo qualche mese prima. Una scelta piuttosto saggia, bisogna riconoscerglielo. Tanto saggia che, nel giro di una giornata, il ragazzino riesce: a fare a botte, a farsi espellere e a finire quasi morto stecchito in un incidente d’auto. La sfiga pare perseguitare Jeremy come una nuvoletta, ormai, e la supervisione di Damon pare sortire un effetto ancor peggiore sulla sua vita. Non accenno nemmeno alla grandissima stupidaggine che l’ha spinto ad impersonare Bonnie per tutta l’estate.

Mentre a Mystic Falls gente viva impersonava gente morta e gente morta spiava la gente viva, Matt e Rebekah hanno fatto un giro piuttosto libertino dell’Europa, portandosi dietro un ricordino poco gradito con cui Matt, tuttavia, dovrà cavarsela da solo, dato che la bionda Mikaelson è ormai fuori dai giochi. Quest’idea di dare una qualche centralità, anche se probabilmente finirà con l’essere la solita stupidaggine banale, a Matt è realmente apprezzabile. Sono ormai un paio di stagioni che se ne va ciondolando per la città, senza un’apparente scopo. Dargli finalmente una sua stoyline mi sembra appropriato, perché altrimenti farebbe meglio a lasciarci le penne o a seguire Rebekah a New Orleans, per quanto mi riguarda. Quale sarà questa misteriosa storyline, ovviamente, non ci è ancora dato saperlo.

tvd_2Il vero protagonista dell’episodio si rivela essere (rullo di tamburi): Silas, naturalmente. Ora la butto lì. Paul Wesley passa gran parte delle puntate in uno stato di perenne agonia e sofferenza, con le folte sopracciglia corrugate e l’espressione imbronciata. Non è una cosa che giova alla trama e, sicuramente, non giova a lui. Interpretare il Rippah gli dava energia, gli dava una scarica di adrenalina che si riversava direttamente nel suo essere Stefan. Proprio così, adesso, l’interpretare il ‘cattivo’ pare avergli ridato nuova vita e nuova energia ed è un piacere immenso vederlo così. Certo, il tentativo (nemmeno troppo celato) è quello di sostituire il bad guy per eccellenza, cercando di piazzare Silas al posto di Klaus, che è migrato verso climi più caldi. Per ora è un tentativo pienamente riuscito, anche se niente e nessuno potrà sostituire l’immensa voragine degli Originals che hanno lasciato lo show, sia chiaro. Per ora Silas riesce con successo a manipolare mezza città di Mystic Falls, uccidere il padre di Bonnie e mettere tutti sulle tracce di Katherine. La domanda, dunque, è evidente: cos’ha l’ex vampira che Silas desidera così tanto? Sarà il suo sangue umano, dopo aver preso la cura? Sarà semplicemente la sete di vendetta a spingerlo verso questa caccia alle streghe?

Il pilot non eccelle per originalità, solo per un pizzico di mistero maggiore rispetto al solito, ecco tutto. La mancanza di metà del cast si fa sentire, anche se l’attenzione viene opportunamente deviata verso i due misteri irrisolti, l’uno gestito da Elena e Caroline (auguri!) e l’altro da Damon. Dove ci porterà tutto questo mistero? Non ci resta che aspettare di scoprirlo giovedì prossimo!

Comments
To Top