fbpx
Recensioni Serie Tv

The Vampire Diaries – 2.19 Klaus

Klaus, già dal titolo l’episodio si preannuncia il più atteso della stagione. Chi è questo benedetto vampiro? Bè a detta di Katerina “He is a very charming man” o citando Elijah “Klaus does not live by any rules presumed”…


 

Klaus written by Kevin Williamson e Julie Plec.

Parto col dire che ho adorato questo episodio, pieno di flashback,  plot twists e rivelazioni molto interessanti. Ma andiamo con ordine.

Dopo che Elena fa risorgere Elijah i due si alleano nella lotta contro Klaus e la ragazza chiede al vampiro di rivelarle tutta la verità. Così veniamo catapultati nel 1492 con una giovane Katerina ancora umana che conosce NiKlaus tramite suo fratello (ebbene si!!) Elijah. Ovviamente la nostra cara Kat si invaghisce di Klaus, che sembra però interessato a lei solo per il futuro rito del sacrificio, e fa scattare qualcosa anche nell’altro fratello. E così lei si conquista il primato di donna al centro di più triangoli amorosi della storia. Comunque scopriamo che la maledizione della luna e del sole è falsa(??) si è inventato tutto il tanto temuto vampiro originario, l’unico essere mezzo vampiro mezzo lupo  mannaro che però non può costituire una sua specie perchè maledetto dalle streghe. Colpiti e affondati questo proprio non ce l’aspettavamo. Vi ricordo che l’affascinante Klaus è interpretato da un ottimo Joseph Morgan che riesce a cogliere nel segno e a dare un’ottima interpretazione.

Elena intanto nel presente sembra voler prendere la situazione in mano, una crescita inaspettata nel personaggio, e non vuole che i fratelli Salvatore la ostacolino, visto che a quanto pare Elijah a un modo per salvarla dal rito. La cosa a me semplicemente non convince sembra tutto troppo facile…

Nel frattempo finalmente Jenna scopre tutto sui vampiri, Damon e Stefan hanno uno scontro e Klaus arriva in carne e ossa a Mystic Falls lasciando libero il corpo di Alaric. Non mancano però anche i momenti divertenti e emozionanti: e riguardano entrambi la nostra amata Kat:

mentre nei flashback la nostra cara Katerina spiega che la sua vita è basata sull’amore senza di esso non avrebbe senso vivere, nel presente ormai senza speranza si ubriaca e comincia a ballare sulla musica di Get Some. Momento davvero esilarante che ricorda la danza di Damon nella 1.06 “Lost Girls” e ci mostra il suo personaggio a tutto tondo.

Insomma tra resurrezioni, flashback, colpi di scena, nuove domande e Kat l’episodio risulta essere uno dei migliori della serie. Da me si prende il massimo:

E io non vedo l’ora di scoprire cosa succederà nei prossimi tre episodi “The last day” “The sun also rises” e “As I lay Dying”, sperando con tutto il cuore che personaggi come Katherine Klaus e Elijah introdotti nel corso di questa stagione, non vengano fatti fuori. Hanno molto da dire e hanno elevato la serie a un livello di molto maggiore interesse, sopratutto la nostra cara Kat interpretata da una sorprendente Nina Dobrev qui accanto dal pilot di strada ne ha fatta…

voto:

Articoli correlati

Back to top button