fbpx
Recensioni Serie Tv

The Vampire Diaries – 1.05 You’re Undead to Me

Questo è l’episodio in cui la piccola e ingenua Elena inizia finalmente a rendersi conto di come stanno le cose!

Sono passati tre giorni da quando Stefan ha rinchiuso Damon nel seminterrato con la verbena e il bad boy è decisamente indebolito e se non riuscirà a soddisfare la sua sete entro poco tempo perderà completamente le forze e diventerà una mummia. Allora Stefan lo rinchiuderà in una cripta dove lo lascerà per mooolto tempo per fargli pagare il suo comportamento irrazionale.

 

Ma ovviamente nessuno di noi ha mai pensato che Damon sarebbe morto in quella cantina, no? E infatti prima tenta di soffocare Zach, che però viene salvato in extremis da Stefan, e poi decide di usare le sua ultime forze per invocare l’aiuto di Caroline, la quale nel frattempo ha dei vaghi ricordi di quello che le è successo.

 

Damon inizia quindi a invocare l’aiuto della sua ex fidanzatina che inizia a vederlo apparire improvvisamente per poi scomparire e a notare la presenza di un corvo nero. Dopo alcuni tentativi la ragazza abbandona il lavaggio sexy delle macchine, organizzato dalla cheerleader per beneficenza,  per seguire questa misteriosa voce che la guida fino a casa Salvatores dove trova, convenientemente, la porta aperta e nessuno ad impedirle di arrivare fino alla cantina. Quando ormai ha già iniziato ad aprire la porta della stanza dove Damon è nascosta arriva Zach che però non può più fare niente se non soccombere all’attacco di Damon.

Prima però che Damon riesca a liberarsi, Stefan deve incontrarsi con Elena per spiegarle cosa lo abbia tenuto così impegnato negli ultimi tre giorni da non poterla nemmeno chiamare. Il loro incontro avviene in un pub dove Stefan viene riconosciuto da un anziano signore che insinua il dubbio definitivo in Elena.

Nel frattempo Logan, il giornalista, decide di sfruttare la sua vecchia amicizia con la zia Jenny e si intrufola in casa Gilbert con il solo intento di rubare l’antico orologio che Elena aveva permesso a Jeremy di tenere per se e che sembra essere la chiave per liberarsi dei vampiri e Bonnie inizia a non avere più il controllo sui suoi poteri cosa che non rimane inosservata da parte di Stefan.

Sempre più incuriosita dalle risposte vaghe di Stefan, Elena si rivolge all’ex della zia per poter controllare il girato di una notizia di omicidio avvenuta nel 1953 dove rimane scoccata nel vedere l’immagine di Stefan identico ad ora. Mentre Elena fa queste scoperte, a casa Salvatores Damon è riuscito a liberarsi e sta rincorrendo Caroline per bere il suo sangue e rimettersi in forza ma, non avendo più il suo anello, non può inseguirla alla luce del sole e Caroline è salva. Damon attende quindi il calare delle tenebre per poter andare a caccia e una volta arrivato in zona cimitero (che sembra essere l’ombelico del mondo) trova la sua preda preferita: Vicki.

La ragazza, che da qualche giorno se la spassava amabilmente con Jeremy tra sesso e droghe, si trovava al cimitero per drogarsi amabilmente con il fratello di Elena e alcuni amici. Ma Jeremy sembra essere stufo e dopo una litigata con Vicki sul rispettivo stile di vita se ne va. Vicki, che non ricorda la sua prima esperienza con un vampiro, nota un ragazzo appoggiato alla macchina dei suoi amici e si avvicina per aiutarlo non rendendosi conto di come si stia offrendo a lui in modo perfetto. E così è infatti! Damon beve il sangue di Vicki e non ci è dato sapere se deciderà di fermarsi prima che sia troppo tardi o se questa sarà l’ultima volta che la vedremo viva.

Stefan nel frattempo è tornato a casa e si è reso conto di quello che è successo. Dopo aver preso un’arma nascosta, che ha tutta l’aria di essere un paletto di legno stile Buffy, apre la porta per iniziare la ricerca da fratello ma davanti a se trova Elena che lo sciocca con la domanda che finalmente riesce a porsi “What are you?

Micra

Fondatore - Trentina, social and serial addicted. Nominata santa padrona del canederlo e adepta alla sacra arte del parampampoli. Lavora come Project Manager per un'agenzia di comunicazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button