fbpx
Recensioni

The Tomorrow People: Recensione dell’episodio 1.03 – Girl, Interrupted

C’è sempre il rischio che qualcosa di già visto diventi noioso. E’ proprio per questo che, quando un nuovo telefilm ingrana la marcia, è bene che sia quella giusta. In questo caso l’inizio è stato titubante, lo si può ammettere senza problemi, ma il punto di svolta, naturalmente, è arrivato: quando lo spettatore inizia ad interessarsi ai personaggi, a preoccuparsi e tenere a loro, è quello il momento in cui capisce di essere legato ad un telefilm e alla storia che ha alle sue spalle.

The_Tomorrow_People_3_KISSTHEMGOODBYE_0995Questo terzo episodio che narra le vicende di una nuova specie con dei superpoteri (che ho, proprio ora, scoperto avere per produttrice una nostra vecchia conoscenza: Julie Plec!) inizia ad esplorare il passato dei personaggi, mettendo sul piatto le motivazioni che li hanno trasformati in ciò che sono adesso. Sotto la lente d’ingrandimento questa settimana (no, niente John, dovremo aspettare) c’è Cara. Devo ammetterlo: l’ho sottovalutata parecchio, all’inizio della serie, perché mi dava molto l’idea di una specie di ‘Morpheus alla Matrix’ – che, per inciso, non ha mai goduto della mia simpatia. Dopo quest’episodio mi risulta difficile vederla allo stesso modo. Nei suoi ricordi la ritroviamo come una giovane ed ingenua diciassettenne, sordomuta (!), la cui vita sembra un vero inferno. Dopo aver evitato che un suo coetaneo la stuprasse, scoprendo per la prima volta i suoi poteri, viene accusata dell’omicidio dello stesso e costretta, dunque, ad abbandonare il padre, benché a quest’ultimo non sembra dispiacere poi molto, e la piccola sorellina. Come abbia poi trovato John è, per noi, ancora un mistero. Il carattere di Cara non è tra i più semplici, bisogna riconoscerglielo, e si può facilmente essere in disaccordo con lei quando intima a Stephen di lasciar perdere la sua missione di salvare una ragazza umana, che tenterà poi il suicidio. Non è un ragionamento altruista ma, guardando il suo passato, come si potrebbe essere altruisti verso un mondo che altro non ha fatto che chiuderle tutte le porte in faccia?

‘You don’t understand what it was like, to me, to be human.’

The_Tomorrow_People_3_KISSTHEMGOODBYE_0965Tutta la tragedia, tutto il suo dolore riescono ad emergere in quest’unica frase quando Stephen è sul punto di iniettarle il siero per sopprimere i suoi poteri, nell’ennesimo tentativo di mostrare la propria lealtà agli Ultra. Devo confessare che la dinamica tra lei e John è stata una delle cose più belle di quest’episodio ma, anche, una delle più rischiose. Stephen ha disperatamente bisogno di una guida, in questo mondo nuovo in cui si è trovato catapultato e sembra andargli a genio che questa persona sia Cara. Lei d’altra parte sembra legata a lui, molto legata a lui, al punto tale da confessargli cose che nessuno sa di lei, ossia, per l’appunto, il suo passato. E’ dunque un legame sincero, il loro, ma che già comincia a spianare la strada per qualcosa di più intimo che, lo sappiamo, potrebbe creare non pochi problemi a qualcun altro.

The_Tomorrow_People_3_KISSTHEMGOODBYE_1230Non ho ancora avuto modo di esprimermi su John ma, per ora, resta uno dei personaggi che preferisco. Sia per il suo atteggiamento molto diretto (o un po’ menefreghista, diciamocelo) verso le cose, sia per il suo modo di affrontare i problemi senza evitarli: lo trovo un personaggio molto ben strutturato, a differenza del protagonista, ma questa è un’altra storia. Il suo cambiamento di rotta e quindi la decisione finale di aiutare Stephen a salvare un’umana la dicono lunga sul suo essere cinico: sono fermamente convinta che lui, come Cara, abbia una storia interessante alle spalle, a cui dare la colpa per i suoi comportamenti e le sue decisioni. Non dimentichiamo che, proprio come è emerso nelle ultime puntate, non è Cara a mandare avanti la baracca ma proprio lui che, in un certo qual senso, risulta essere il leader dei Tomorrow People, benché ne abbia davvero poco l’aspetto e non si diverta ad andare in giro ed impartire ordini o lezioni morali, come siamo abituati a vedere in contesti differenti. E comincia ad accettare Stephen, non meno importante, con tutto il suo stravagante piano di aiutare i mutanti anche dopo che sono finiti nel mirino degli Ultra.

The_Tomorrow_People_3_KISSTHEMGOODBYE_1281Ciò che invece ho trovato altamente eccessivo e fuori tempo è stata la scelta di far scoprire all’amichetta del supereroe i suoi poteri. Non vorrei sbagliarmi, ma Chloe ci mise ben quattro stagioni a scoprire il segreto di Clark (correggetemi, se sbaglio) e perfino Oliver, spinto dalla necessità (ma non era Superman, lui!), ha dovuto togliersi il cappuccio davanti a Felicity nel quattordicesimo episodio! Arrivare, alla fine del terzo, con l’amichetta, totalmente inutile, del protagonista che lo vede semplicemente svanire nel nulla… affrettato? Si, decisamente. Credo sia una pista interessante ma che andava sviluppata molto meglio di cosi e non buttata a caso nella trama, come un pezzo di pane in mezzo ad un lago di anatre (si, mi sto immaginando la scena di ‘About a boy’, proprio cosi).

Nel complesso la trama offre ancora spunti interessanti e, ora che siamo certi di poter scoprire di più sul passato dei protagonisti, la cosa non può che giovare. Speriamo solo che la seria mantenga il ritmo e non comincia a ridursi ai soliti cliché: allora sì che saranno guai, per chi non potrà fermare il tempo!

Comments
To Top