fbpx
Recensioni

The Shannara Chronicles: Recensione dell’episodio 1.04 – Changeling

Shannara

Premessa numero uno: chi scrive non ha letto nessuno dei libri di Terry Brooks e non può quindi giudicare quanto la serie omonima sia fedele o meno ai romanzi del ciclo di Shannara. Premessa numero due: chi scrive ha sulla carta di identità una data di nascita che gli impedisce di iscriversi alla categoria teen e neppure, ahimé, può definirsi young adult. Conseguenza ne è che certi tratti caratteristici di questo prodotto di MTV (rete che proprio del pubblico teen e young adult fa il suo target preferenziale) gli appaiono con una evidenza che la differenza di età non può che acuire (con fastidio o meno dipende dalla tolleranza personale).

The Shannara Chronicles: Recensione dell’episodio 1.04 – ChangelingA che servono queste premesse ? A spiegare l’approccio non proprio carico di aspettative che l’umile recensore di turno ha avuto verso The Shannara Chronicles. Cosa aspettarsi, infatti, da questa trasposizione dei romanzi di uno scrittore che, pur riscuotendo un indubbio successo commerciale, non ha certo lasciato una firma memorabile nel panorama della letteratura di genere ? Elfi, Nani, Troll, Druidi, Demoni, Nomadi sono le differenti specie che popolano il mondo rinato dopo una remota e imprecisata apocalisse e iscrivono questa serie nel filone fantasy. Ed è proprio questo aspetto che avrebbe potuto permettergli di allargare i suoi confini sfuggendo alla limitata etichetta di teen drama. Invero, gli autori ci provano e testimonianza ne è la cura per le scenografie delle dimore elfiche e l’attenzione ai costumi figli di un insolito mash up tra la tradizione fantasy medioevale e la moda degli anni recenti. Soprattutto sono i demoni ad essere realizzati con una CGI che, pur non raggiungendo vette elevate, dimostra comunque che sulla sua buona resa molto è stato investito dalla produzione. Interessante è anche l’idea di lasciare vestigia del tempo che fu (imponenti edifici crollati e carcasse di auto) abbandonate in rovina tra una vegetazione lussureggiante tornata a dominare un mondo spopolato. Purtroppo, però, questi lodevoli sforzi restano un condimento saporito ma insufficiente a saziare un palato esigente. Come se un ristoratore avventuroso volesse guadagnarsi la stella Michelin servendo un contorno da nouvelle cousine in un menù da fast food.

The Shannara Chronicles: Recensione dell’episodio 1.04 – ChangelingChe The Shannara Chronicles sia una sorta di fast fantasy è testimoniato bene proprio da questo Changeling che sembra terminare le elaborate e nondimeno a tratti frettolose presentazioni per sistemare le pedine ai nastri di partenza della corsa (che si preannuncia a perdifiato) che inizierà dal prossimo episodio. Amberle dimostra all’Eterea, ma soprattutto a sé stessa di essere disposta ad ogni sacrificio pur di completare la missione che spera le sia assegnata. Trasportata illusoriamente nel tetro futuro che attenderebbe le Quattro Terre qualora lei fallisse, Amberle accetta un mortale duello con il fidanzato morto Lorin che presto assume le sembianze di Wil. La vittoria in realtà piuttosto casuale convince l’albero guardiano a consegnarle il magico seme, ma lascia un dubbio in chi guarda. Da quando Wil, conosciuto da pochi giorni, è la persona a cui la principessa tiene di più? Sebbene già dai primissimi sguardi sia quasi ovvio che la neonata amicizia tra i due possa trasformarsi in molto di più, appare comunque piuttosto frettoloso saltare tutti i passaggi intermedi per arrivare direttamente alla probabile conclusione del percorso. A meno che non si voglia appunto servire rapidamente allo spettatore frettoloso quel love affair che la sua impaziente età anela di vedere (e qui cadiamo proprio nel più classico del teen).

The Shannara Chronicles: Recensione dell’episodio 1.04 – ChangelingCorrere non è necessariamente un difetto se si è capaci di farlo senza perdersi in errori grossolani. Un proverbio napoletano ammonisce, infatti, che la gatta, per andare di fretta, partorì gattini ciechi. E ciechi si dimostrano sia Wil che Allanon. Il primo ricasca troppo facilmente nello stesso errore della premiere lasciandosi ancora una volta sedurre, rapinare e abbandonare da Eretria. Per quanto le grazie della spregiudicata nomade siano innegabili, la cecità evidente di Wil è troppo calcata finendo per disegnare un eroe non tanto inesperto e insicuro (il che sarebbe un accettabile punto di partenza per una crescita futura), ma piuttosto un adolescente in crisi ormonale con un solo pensiero fisso a cui dare massima priorità (e, vabbé, magari questa cosa ce l’hanno anche molti adulti, ma non è comunque giustificabile). Diverso ma ancora meno comprensibile è il grossolano errore di Allanon che prima elabora un astuto (sebbene elementare) piano per smascherare il demone camaleonte (la cui presenza è infine scoperta grazie alle doti di veggente di Bandon) e poi si illude che un semplice neckbreaker da wrestler basti ad ucciderlo senza neanche controllare che davvero sia così. Non si capisce, quindi, dove vada a finire tutta la saggezza centenaria del druido a meno che non si sia persa nelle ore di palestra necessarie a scolpire un fisico statuario solitamente estraneo all’iconografia classica. Ennesima concessione al genere teen/young adult che esige che tutti i personaggi abbiano addominali scolpiti o bellezza da top model.

The Shannara Chronicles: Recensione dell’episodio 1.04 – ChangelingProprio questa esigenza ha guidato la scelta del cast che annovera attori semi sconosciuti che non mostrano particolari doti recitative, ma molte qualità estetiche. Un caso esemplare è proprio Eretria la cui indubbia bellezza dovrebbe compensare le tuttaltro che memorabili capacità interpretative. Non aiuta neanche che il suo personaggio sia quello meno credibile combinando l’abuso di cliché scontati (tanto bella quanto pericolosa, tanto sexy quanto sfacciata, tanto disposta a ingannare gli altri quanto vittima incolpevole di uno spietato oppressore) con azioni quantomeno irrealistiche come introdursi con estrema semplicità nel palazzo reale di Arborlon e a muovercisi indisturbata nonostante la sorveglianza dovrebbe essere ai massimi livelli (compimenti alla Guardia Nera e al suo affascinante comandante Tilton). Le visioni di Bandon (il cui personaggio resta ancora inspiegabilmente in sospeso) sono il rapido motivo per cui anche la nomade si aggiunge alla Compagnia del Seme (la possiamo chiamare così, no?), ma è più che evidente come la vera ragione sia la necessità di tenere vivo il triangolo Amberle – Wil – Eretria che permetterà agli spettatori di parteggiare per l’una o l’altra delle possibili amanti del biondo mezz’elfo. Perché a chi non piace shippare questa o quella coppia?

Mentre il terzetto si avvia nella sua missione (sul cui successo pesano gli ormoni di Wil) e Allanon rimane inspiegabilmente indietro (non era forse più saggio aiutare tre indifesi ragazzi che presidiare un palazzo già sorvegliato da un abbondante seppure poco addestrato esercito?), The Shannara Chronicles prosegue la sua marcia mischiando fantasy e teen drama. Vale la pena continuare a seguire una serie così ? In fondo, è come andare al fast food. Si sa già che il cibo farà inorridire Gordon Ramsay e Carlo Cracco, ma ogni tanto anche hamburger e patatine non sono da buttare via.

Per restare aggiornati sul mondo di Shannara Chronicles con news, interviste, curiosità e altro vi consigliamo di passare per la pagina The Shannara Chronicles Italia, mentre per informazioni su Terry Brooks potete visitare il suo sito ufficiale italiano. Per vedere sempre prima gli episodi, inoltre, seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitles. Non dimenticate di mettere un like anche alla nostra pagina facebook, mi raccomando!

1.04 – Changeling
  • Fast Fantasy
Sending
User Review
3.67 (3 votes)
Comments
To Top