fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

The Originals: Recensione dell’episodio 1.09 – Reigning Pain in New Orleans

Mentre lo guardo, sono sempre più convinta che The Originals si stia costruendo una forte trama, decisa ed indipendente dalla sua serie madre, tanto che ci si trova a domandarsi, più volte di quanto mi piaccia ammettere, di come si sia riusciti a sopravvivere fino ad ora senza un effettivo telefilm sugli Originali. Potrebbe anche essere un’isolata opinione personale – non sarebbe la prima, in questi giorni – ma mi piace pensare che non sia così: un cast intelligente, dinamico ed emozionante, una scena teatrale degna delle tragedie Euripidee e una storia che coinvolge ogni secondo sempre più.

normal_Originals109-1459Per quanto mi piacerebbe pensare che il vero protagonista, questa settimana, sia Klaus, essendo assolutamente sincera bisogna affermare che è il rapporto Klaus/Marcel ad essere centrale. Il nuovo auto-proclamato re di New Orleans si trova a lottare con la diffidenza dei suoi nuovi (nolenti) sudditi e questo lo porta a prendere drastiche decisioni che nella sua mente contorta corrispondono ad atti magnanimi e genuini. Per tenere occupati i vampiri, infatti, manda Diego e i suoi scagnozzi a cacciare i licantropi dalla Baia. Si, esatto, gli stessi che Hayley ha recentemente scoperto essere suoi parenti. Klaus confessa a Marcel una serie di informazioni circostanziali che dovrebbero pareggiare i conti tra i due. Ma la vera, unica ed autentica confessione arriva verso la fine, quando Klaus afferma, forse credendo ingenuamente di guadagnare nuovamente il rispetto di Marcel, di essere stato costretto dalle streghe a prendere il potere. Come ormai abbiamo da lungo tempo imparato, Klaus non fa mai nulla che non gli aggradi o da cui non riesca a trarre il massimo profitto (una prova ne è anche l’assassinio di massa dell’intero consiglio!), perché dovrebbe dunque sottostare al volere delle streghe, soprattutto ora che Hayley non è più legata alla vita di nessuna di loro?

normal_Originals109-1853Drammi familiari a parte, l’evoluzione del personaggio di Klaus, in questi pochi minuti, è stata davvero impressionante. L’insistere nel tenere vicina (e poi allontanare, senza successo) Cami ha provato, ancora una volta, il suo bisogno di essere compreso da qualcuno. Il suo avvicinarsi a Marcel, pur sapendo bene che la sua non è altro che falsa amicizia, ha provato di nuovo il suo bisogno di appartenenza e, infine, in un climax ascendente difficile da ignorare, ha perdonato Elijah e Rebekah, consentendo loro di tornare a vivere con lui. Un ibrido privo di legami ma che lotta disperatamente per mantenere i pochi che ha, fallendo miseramente ogni volta.

Altro paio di maniche è, invece, la crociata di Rebekah e Elijah, sulle tracce dei licantropi in pericolo, in seguito ad una soffiata di Hayley. Ormai è evidente come il sentimento del più antico dei Mikaelson verso la giovane lupacchiotta sia molto più di semplice amicizia. Anche la sorella, punzecchiandolo, lo spinge a confessare ciò che lui prova per lei ma, proprio come ha detto nell’episodio precedente alla diretta interessata, “è complicato”. Ed infatti lo è, se la lupacchiotta porta in grembo il figlio di suo fratello mentre lui cerca di fare pace proprio con quello stesso fratello. Come si può risolvere una simile situazione senza ferire nessuno o senza accendere la modalità “on” dell’interruttore “kill ‘em all” di Klaus? Per fortuna i pensieri sono distratti da scoperte interessanti proprio circa una famiglia di lupi. Coloro che, infatti, vengono salvati dalle grinfie di Diego si rivelano essere i discendenti normal_Originals109-1852del padre naturale di Klaus, nonché suoi familiari, parlando in senso ampio del termine. Ma chi vorrebbe una famiglia, dopo ciò che ha passato con l’unica che abbia mai conosciuto? Non discordo completamente da Klaus, quando decide di non indagare oltre (per adesso, almeno) sul suo albero genealogico vampiresco.

Hanno avuto poco sale e poca sostanza gli incontri clandestini di Rebekah e Marcel, dai quali mi sarei aspettata molta più passione. Insomma, hanno tentato di far fuori Klaus e fallito, è un’esperienza che dovrebbe legare due persone, no? Invece sembrano a stento conoscersi. Per quanto sia il mio lato femminista a parlare, credo che la giovane Mikaelson abbia ragione: ancora una volta, il giovane vampiro preferisce il fratello a lei e cerca di mascherarlo con stupide scuse sul salvare la vita ad entrambi (questa l’ho già sentita!).

Una tenerezza infinita, al contrario, hanno saputo ispirare Josh e Davina, in pieno stile “innamorati sventurati”. Per quanto sia il prossimo nella lista omicidi di Klaus, credo che Josh abbia ancora una lunga e interessante vita, nella storia, soprattutto finché sarà normal_Originals109-1851sotto l’ala di Davina: è infatti la giovane strega a promettergli protezione contro l’Originario. Hayley che si aggira nella cantina di casa Mikaelson senza motivo è ancora tutta da capire, comunque. Interrompe scene romantiche a caso!

Per quanto riguarda Cami, invece,  interessante la sua incapacità di tenersi fuori dai guai. Ora che ha capito di non essere pazza (ancora tutta da provare, questa teoria), avrebbe finalmente potuto andarsene da quella città di pazzi. Invece viene trattenuta da Davina, che non può risolvere i propri problemi da sola e coinvolge altra gente per farlo. Quella ragazzina sta cominciando ad essere una vera e propria spina nel fianco.

Un’emozione durata 40 minuti! Come al solito, emozioni uniche a go go!

1.09 - Reigning Pain in New Orleans

Ottimo

Valutazione Globale

User Rating: 3.85 ( 4 votes)

Kat

Cavaliere della Corte di Netflix e Disney+, campionessa di binge-watching da weekend, è la Paladina di Telefilm Central, protettrice di Period Drama e Fantasy. Forgiata dal fuoco della MCU, sogna ancora un remake come si deve di Relic Hunter.

Articoli correlati

1 commento

  1. L’episodio mi è’ piaciuto! Il mio primo interesse e’ sempre Klaus e le sue questioni familiari! Ora che ha scoperto anche l’identità del vero pare, chissà che risvolti prenderà la trama. Per ora mi limito ad apprezzare i dialoghi tra i tre fratelli vero cardine dello show. Sono ancora convinta che Hyley non riesca a brillare come neppure Divina. Marcel invece è’ un personaggio studiato a dovere, capace di rappresentare bene la sua posizione di defraudato! Su Cami vorrei stendere un velo pietoso! Questo personaggio non e’ solo insulso…lo trovo odioso!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio