fbpx
Recensioni Serie Tv

The Newsroom – 1.09 The Blackout Part II: The Mock Debate

Manca poco alla conclusione della prima stagione di The Newsroom e forse ora sono in grado di trarre alcune conclusioni e di esprimere un’opinione più completa.

Partiamo dal presupposto che confermo di apprezzare questo telefilm e che sicuramente continuerò a seguirlo anche la prossima stagione. Chiaramente ci sono sia aspetti positivi sia negativi.

Nello specifico di questo episodio ho apprezzato la caratterizzazione di Sloan che si sta dimostrando sempre più un personaggio complesso e che credo potrà giocare in seguito (forse già nella season finale?) un ruolo più importante. Al pari confermo il mio particolare apprezzamento per Neal, nonostante le sue pazze credenze e conoscenza (Big Foot e orari di tramondo/alba).

Ma torniamo alla storia narrata in questo episodio che continua appunto da dove l’avevamo lasciata nello scorso. Will e il suo team hanno messo da parte i propri valori morali ed etici per affrontare e raccontare il caso mediatico del momento e ristabilizzare i propri ascolti così da potersi accaparrare il dibattito politico che intendono stravolgere totalmente.

Ritengono infatti che ai politici d’oggi venga data la possibilità di esprimere qualsiasi concetto o di effettuare le più disparate affermazioni senza portare a supporto alcun fatto o dato. Nella visione che il team di News Night propone, i candidati verranno sottoposti ad una sorte di interrogatorio che eviterà domandi banali quali quelle attualmente proposte (Elvis? Or Johnny Cash?).

Ovviamente il nuovo formato non viene accettato dai responsabili dell’RNC che credono che l’unico ad uscirne in modo positivo sarebbe, appunto, Will McAvoy. La mia visione è esattamente opposto: credo davvero che dovrebbe esserci qualcuno che impedisca ai politici di sparare qualsiasi sentenza senza basi. Ma questo è il mio pensiero e poco importa al fine della recensione di questo episodio.

Jim, Maggie, Mackenzie e compagnia si ritrovano quindi delusi: hanno compromesso la propria integrità etica per poter cambiare radicalmente i dibattiti politici e non è servito a niente.

Nel frattempo i due triangoli amorosi continuano a fare da padroni. Will sa che dovrebbe perdonare Mackenzie ma non ci riesce (la sessione psicologica in cui “Charlie Eppes” spiega a Will per quale motivo non riesce a perdonarla mi è piaciuta moltissimo), Maggie ama Jim ma non riesce ad ammetterlo a se stessa, figuriamoci se ci riesce con la sua migliore amica (Lisa che per altro tutto ad un tratto perde l’aspetto totalmente frivolo che la contraddistingueva) a cui da addirittura il suo consenso per tentare nuovamente ad uscire con Jim solo per scoprire subito dopo che Don l’ha tradita ripetutamente nelle loro “sporadiche” pause di riflessione.

C’è una cosa che inizio a non sopportare invece: Mackenzie. Negli ultimi episodi la stanno dipingendo come una donna isterica assurda. La scenetta iniziale in cui cerca di istigare il team di News Night a tornare ad essere un team unito che si interrompe con il ritorno della corrente elettrica e con la pietosa scenetta di lei che urla a Will dimostrando a tutti di aver perso del tutto la sanità mentale, ecco questa è la parte peggiore di tutto l’episodio a mio avviso.

La battuta migliore dell’episodio? È uno scambio tra Sloan e Neal:

Sloan: We’re committing journalistic malpractice.
Neal: Fortunately, there’s no such thing.
Sloan: How great would it be if there was?

Micra

Fondatore - Trentina, social and serial addicted. Nominata santa padrona del canederlo e adepta alla sacra arte del parampampoli. Lavora come Project Manager per un'agenzia di comunicazione.

Articoli correlati

1 commento

  1. Mac che dà un pò fuori di teesta, alla fine salta il dibattito che la redazione aveva preparato per le primarie dei republicani perchè un esponente di quest’ultimo voleva imporre lui le domande e tutto il resto e Will e tutta la redazione compatti giustamente lo “mandano a quel paese”.
    Arriva il “triangolo” tra Jim,Maggie e Dan?
    Ritornano anche le minaccie pesanti a Will.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button