fbpx
Musketeers (The)

The Musketeers: Recensione episodio 2.02 – An Ordinary Man

Abbiamo la bandana di Porthos, la sciarpetta di Athos e le bretelle di Aramis… che D’artagnan sia ancora troppo fresco di nomina per guadagnarsi un capo di vestiario spregiudicato?

Torno con somma gioia a recensire il telefilm che fa uso smodato di chilometri di cuoio, di bottoni insensati, di pelli cangianti (bella giacchetta Rochefort), di petti esposti e di corsetti strizzanti. E di locations che da sole valgono tutto il telefilm. Ma che cos’era la chiesa dove è stato battezzato il baby delfino? E quella gola circondata da colonne di roccia dove i banditi si sono accampati? Per non parlare dei cavalli neri con gli zoccoli puffosi e le criniere al vento. E’ una tale gioia visiva che a volte mi distraggo così tanto che non ho idea di cosa stia succedendo e sono contenta lo stesso.

The_Musketeers202-04Non che ci sia troppo da arrovellarsi sulla trama, come ben sappiamo. Il pretesto questa volta è così classico che fa venir voglia di sorridere fino a farsi venire i crampi alla faccia. Il re vuole divertirsi, vuole sperimentare un po’ di ruvida vita dello straccione parigino, convinto che sia tutta forti emozioni, vino, donne e divertimento. Acchiappa i vestiti del primo che passa per strada e con i fidati moschettieri si infila in una taverna puzzolente a giocare a carte e a guardare gli altri che fanno a botte. E’ ovvio fin dal primo secondo che tutto andrà storto, ma che gli tocchi si essere rapito e partire come schiavo su una nave spagnola è il massimo della sfiga.

La trama, come la premessa, segue il più classico degli svolgimenti. A D’Artagnan tocca la parte della paziente scorta, costretto a fare da guardia del corpo e a tradurre la realtà per un re che non ha idea di cosa succeda fuori dal suo castello. C’è posto per un po’ di botte, chiacchierate sincere, ravvedimenti, popolani volenterosi con la scritta “morto” in fronte e slanci democratici che ovviamente sfoceranno in nulla di fatto una volta recuperato il controllo della parrucca boccolosa.
Tutto bene, se non fosse che lo svolgimento viene un po’ arzigogolato da gente che va e viene portando messaggi, cattivi veri o presunti che decidono di The_Musketeers202-03spararsi tra di loro e fughe poco riuscite, mentre i moschettieri ci mettono una vita a raggiungere il re, dando un ben misero contributo finale. Ci piace invece trascorrere un po’ di tempo con il re che per questo episodio, pur mantenendo una certa lamentosità moderata, perde il suo atteggiamento capriccioso donando maggiori sfaccettature al personaggio. Un bravo va a Ryan Gage per la sua interpretazione ben dosata e senza eccessi, che ci mostra un re meno sciocco e più consapevole di quanto ci avessero fatto credere.

Il premio “scena da esaltazione totale” lo vince D’Artagnan che, per vendicare il suo amico morto valorosamente, sfila a mani nude (speriamo che la sciarpetta sia intatta) la spada dell’assassino che lo carica a cavallo, per poi impiantargliela nella trippa con fluidi movimenti da applauso.

The_Musketeers202-02Altra gioia dell’episodio è il ritorno della nostra Milady, che con il suo sorriso malefico e uno spregiudicato corpetto in pelle di coccodrillo, si guadagna l’assoluzione totale di Luigi (e pure un bacio!) e quindi la possibilità di tornare sui nostri schermi con piena libertà e ufficialità regale. Vedere Athos che quasi si strozza ci fa ben sperare in futuri drammi grondanti di pathos e il suo nuovo ruolo di favorita del re apre molte porte in una corte dove in cantina si trama con gli spagnoli e nella sala del trono si infilza gente senza preoccuparsi del sangue sul pavimento.

Rochefort guadagna un taglio di capelli moderno e un filo in più di credibilità, mentre cerca di allungare le sue manone sulla regina Anna e promette di creare scompiglio sotto gli occhi di Constance. Non sarà il Cardinale ma per ora come cattivo ci piace. Ed infine ci godiamo un po’ di Aramis che sospira scoprendo inaspettati e incontrollati desideri di paternità… quanto gli ci vorrà per mettersi davvero nei guai?

Per restare sempre aggiornati su The Musketeers, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Musketeers Italia

Comments
To Top