fbpx
Good Wife (The)

The Good Wife: Recensione dell’episodio 7.13 – Judged

good wife

É con un sentimento di profonda gratitudine che mi appresto a scrivere questa recensione di The Good Wife. Grazie, grazie, grazie, canticchio. Grazie per avermi fatto piangere come una fontana, come forse non avevo fatto neanche per la morte di Will. Grazie per un episodio che aspettavo da tanto e che forse sarebbe andato bene anche come season finale, e pure come serie finale, e che è sicuramente il più bello di questa stagione.

Alicia finalmente esplode. Inizia l’episodio distratta e apatica. Poi si lancia come un cane rabbioso su un osso impossibile. Si getta a capofitto in una battaglia che non può vincere, lo sa bene, ma il suoThe_Good_Wife_713-02 è un bisogno di adrenalina, di ribellione selvaggia… è puro istinto suicida. Si mette contro un giudice, ben sapendo che un giudice è praticamente intoccabile. Al suo fianco la fedele Lucca, la quale prende a tutti gli effetti il posto di Kalinda e in questo episodio si dimostra fondamentale come la sfuggente investigatrice non era mai stata.

Il centro di tutto è ancora la telefonata di Will che Alicia proprio non riesce a togliersi dalla testa. E allora va da Eli per farsi rigirare per bene il coltello nella piaga. Anche perché, nella situazione di apatia in cui si trova, anche una rinnovata coltellata è meglio di niente.
Infatti Alicia non è mai stata così sola come in questo momento. Grace e Zach sono grandi, Peter ha preso una batosta e quindi non ha più bisogno di lei, neanche in veste di buona moglie. Con Eli non si parla più e il lavoro fatica a funzionare. I casi sono irrilevanti e la sera, in quel piccolo, stupido appartamento c’è solo un bicchiere di vino o di qualcosa di più forte. Anche il ritorno di Jason rappresenta soltanto una complicazione, un imprevisto incontrollabile quando lui che è così difficile da decifrare (o forse fin troppo semplice?).
Ci vuole Lucca a scuoterla, a tirarle fuori con le pinze cosa davvero ci sia che non va. Ci riesce forse perché è proprio la più fresca, quella che non puzza di storia passata e di intrecci troppo complicati, quella che non sa neppure chi sia Will.
The_Good_Wife_713-04La scena è bellissima, con Alicia impegnata a lottare con degli stupidi panni (cosa infilava nell’asciugatrice? Centinaia di canottiere?) mentre tutto le esce di bocca prima piano, poi totalmente incontrollato tra lacrime e singhiozzi. É tutta lì la sua vita? Il suo interrogarsi su dei figli che ha fatto crescere e che forse non le piacciono neanche, con tutta la sua sincerità e la sua esagerazione, è segno di quanto Alicia sia stanca e stufa di tutto. Di una legge che è complicata e tanto spesso ingiusta, di una politica che si muove incontrollabile e ti fa lo sgambetto soprattutto quando hai fatto del tuo meglio, di un lavoro che dopo tanto tempo ancora ti lascia insicura e stanca. Mamma, che piangere. Mamma, che brava Julianna Margulies. E anche Cush Jumbo, la quale dosa alla perfezione la reazione di Lucca alla richiesta disperata di aiuto di Alicia e le viene incontro mettendo a nudo le sue stesse insicurezze, donandole qualcosa di piccolo a cui aggrapparsi, dal quale ricominciare, qualcosa di semplice: una richiesta di amicizia. Alicia non è sola in mezzo a quel casino, non è l’unica a non sapere dove sbattere la testa. Bastano questa piccola consapevolezza e un abbraccio stretto per tirarla su per i capelli. Come se avendo buttato fuori tutto riuscisse finalmente a ritrovare una giusta prospettiva. Tutta la perfezione, tutto il duro lavoro della buona moglie non è valso a nulla e la serenità ritorna dopo aver guardato in faccia tutte le imperfezioni di una vita e l’essersi ritrovata vicina una persona altrettanto imperfetta ma altrettanto forte. Che bella questa amicizia che fiorisce dopo quella abortita tra lei e Kalinda. É raro trovare delle scene così forti di amicizia tra due donne vere in un telefilm e questa è spettacolare. Applausi scroscianti a tutte e due le attrici.

Da lì in poi tutto è più semplice. É come se, superato quel punto critico, Alicia si ritrovasse incredibilmente più leggera. Le cose continuano a peggiorare ma le ritorna la risata, come se ogni cosa finalmente riprendesse, nella sua assurdità, la giusta prospettiva. Ed è così che capita perfetta la corsa dietro a Jason, il buttarsi a capofitto. Con un bel bacio che ancora una volta vede come sfondo un ascensore che viene fermato prima che le porte si chiudano definitivamente. Applausi furiosi.

The_Good_Wife_713-03Il resto viene da sé, incredibilmente più facile. E arriva la pace con Eli (grazie al cielo!!) e il possibile ritorno allo studio di Cary e Diane. Sinceramente non so quanto sia plausibile che uno abbia voglia di assumere Alicia in questo momento, per permetterle di sfondare l’assicurazione dello studio. Ma se prima la richiesta di Cary e l’accettare di Alicia sarebbero suonati decisamente stonati, a questo punto assumono una luce quasi positiva, ritornano ad essere la cosa giusta da fare.

Mi è piaciuto tutto di questo episodio. Ignorerò la sotto trama di Diane perché non mi interessa e neanche ho capito come sia finita. Ma tutto il resto splende. La trama sboccia finalmente in quello che da tanto avevamo aspettato e che avevamo quasi perso le speranze di ricevere. Se vogliamo finire su queste note in crescendo, io ci sto.

Per restare sempre aggiornati su The Good Wife, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Good Wife Italia e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

7.13 – Judged
  • Grazie!
Sending
User Review
5 (2 votes)
Comments
To Top