Good Wife (The)

The Good Wife: Recensione dell’episodio 6.19 – Winning Ugly

Sono passate solo un paio di settimane e tre episodi da quando avevo parlato in termini entusiasti della capacità di The Good Wife di cambiare pelle, rinnovarsi facendolo sempre nel modo più naturale e originale nonostante le sei stagioni alle spalle. Questa corsa alla storyline d’impatto mai statica è ormai diventata un’ossessione per gli sceneggiatori di questa serie che non si fermano mai e non permettono ad Alicia di stabilirsi in un nuovo ritmo lavorativo e personale.
The Good Wife_619Non bastavano le email private che hanno portato allo scoperto la relazione di Alicia e Will ponendola su un livello molto basso rispetto al vero rapporto che c’era tra i due; non a caso anche Grace sembra costernata come noi spettatori nel sentire i media prendersi beffe di sua madre e della sua relazione con Will. Lo scandalo delle elezioni truccate si abbatte su Alicia.
Winning Ugly ci sorprende sin dall’inizio non lasciandoci modo neanche di riflettere sulle conseguenze per certi versi drammatiche e irreversibili che seguiranno le vicende narrate in questo episodio.

Alicia viene silurata dal suo partito. E’ questo che succede in poche parole, il polverone alzato dai microchip trovati nei dispositivi elettorali che l’avrebbero avvantaggiata slealmente nei confronti di Prady, se in un primo momento potevano sembrare facilmente arginabili diventano un serio spauracchio per i democratici che vedono inficiata la corsa al senato del loro candidato.The Good Wife_619-2 A condire la situazione piuttosto intricata e antipatica per Alicia c’è una guest star d’eccezione che gli storici fans di Alias e Brothers and Sisters  amano tanto: Ron Rifkin che in questo episodio interpreta il rispettabile avvocato Spencer Randolph, noto per le sue battaglie sui diritti civili.
Anche Randolph, dopo una prima difesa ad oltranza basata sull’estraneità di Alicia nei brogli elettorali, però si piega al volere del partito e abbandona Alicia che viene invitata, ma faremmo meglio a dire obbligata, a dimettersi.
Dalle stelle alle stalle nel giro di pochi istanti ed è veramente molto difficile capire a questo punto cosa ci riserveranno gli sceneggiatori e lo dico subito a me dispiacerebbe e come spettatrice mi sentirei presa in giro se  dopo una stagione intera costruita sulla nuova carriera politica di della signora Florrick mi dicessero: “Beh no, abbiamo scherzato!”, azzerando tutto.

Mi piacerebbe vederla destreggiarsi in un ruolo nuovo. Anche perché  Winning Ugly segna anche una piccola svolta per il personaggio di Alicia che perde la sua immagine pubblica di Brava moglie. L’opinione pubblica, infatti, sembra decisamente più colpita dal tradimento di Alicia che dal polverone sulle elezioni, vinte proprio per la sua immagine di “Saint Alicia”.
The Good Wife_619-5Le batoste arrivano però anche per Diane e Kalinda: se fino a pochi episodi fa ci chiedevamo quale erano i piani per l’uscita di Kalinda, tenuta costantemente in disparte dalla narrazione centrale, in questi ultimi episodi appare tutto più chiaro; il colpo di scena, però, sta nel ruolo di Cary in tutta la vicenda.

Ai King, l’abbiamo capito ormai, non interessa raccontare linearmente le relazioni amorose tra i personaggi di questo show: anche per Will e Alicia e così per Klainda e Cary, i fatti importanti sono sempre accaduti per scelta e per una precisa linea creativa, off screen. Gli spettatori hanno sempre visto principalmente le conseguenze di queste relazioni e, anche in Winning Ugly, Cary decide di immolarsi per salvare Kalinda del quale è innamorato. Matt Czuchry ci offre appena ne ha la possibilità (non capita di frequente!) un’interpretazione intensa e sentita. Molto bella la scena quando avverte Geneva Pine che sarà lui e non Diane o Kalinda a testimoniare contro Bishop.

Kalinda dal canto suo ha fatto la stessa identica scelta di Cary: decide di prendersi le responsabilità delle sue azioni e testimoniare per sollevare Diane dal dilemma in cui si trova, poiché quest’ultima era ignara della falsificazione della prova.

Un episodio che rimescola nuovamente le carte forse questa volta un po’ troppo velocemente e che non ci permette neanche di fare previsioni su come verranno sviluppate e concluse le varie storyline, senza dimenticare la scena finale: il pianto di Alicia nelle braccia di Peter non promette per niente bene.

Per restare sempre aggiornati su The Good Wife, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Good Wife Italia

Comments
To Top