Good Wife (The)

The Good Wife: Recensione dell’episodio 6.13 – Dark Money

Noi di Telefilm Central amiamo The Good Wife è un dato di fatto! Basta scorrere le recensioni passate per vedere che abbiamo sempre apprezzato l’eleganza, l’atipicità del genere e la sceneggiatura originale per non parlare della recitazione sempre un livello sopra la media delle serie in onda sulla generalista; quest’apprezzamento per The Good Wife ovviamente non è cieco e acritico per questo motivo quando un episodio non convince, bisogna dirlo!
The Good Wife_613-2The Good Wife torna da una pausa lunga con un episodio debole e inutile da tanti punti di vista. In passato abbiamo visto episodi per così dire filler, anche se il termine mal si accorda a una serie come questa, ben scritti e intelligenti che hanno lasciato un bel ricordo e avevano intrattenuto lo spettatore. Questo Dark Money è deludente per noi che abbiamo atteso così tanto che la serie tornasse dalla pausa ed è forse per questo che il mio giudizio è così aspro, probabilmente un episodio del genere inserito nella normale programmazione non mi avrebbe urtato ma messo così come inizio di un nuovo capitolo… beh no!
L’aspetto più interessante dell’episodio è ancora quello legato alla campagna politica di Alicia e di conseguenza quello che concerne il titolo Dark Money.
In politica l’etica va messa da parte e ancora una volta ci viene mostrato quanto Alicia sia distante da queste logiche quando è costretta a rubare il finanziatore del suo avversario facendo leva suo malgrado sull’omofobia di Mr. Redmayne. Un uomo disgustoso ma come fa notare lui molto ricco e quindi in potere di esprimere le sue opinioni senza attenersi alla legge non scritta della politically correct sui temi sociali, in più Redmayne importuna Alicia fisicamente non perdendo occasione di allungare le mani. Sottolineatura questa che ho trovato necessaria: la politica è un ambiente duro senza morale e per farcela devi voler e poter usare tutte le tue risorse, qualsiasi esse siano! Ci vuole il pelo sullo stomaco e Alicia, lo sappiamo, fa solo finta di averlo.
The Good Wife_613-3Alicia ottiene il suo finanziamento ma lo fa cedendo una parte di se stessa; lei con un fratello gay dichiarato accetta che Redmayne la finanzi con il presupposto (frainteso) che la campagna di Alicia non appoggi gli interessi delle coppie LGTB, ovviamente tutto fatto per contrastare Frank Prady, gay closed.
Sullo sfondo abbiamo il caso gestito da Diane e Cary alle prese con una nuova difesa di Colin Sweeney che fa causa a una rete televisiva per aver prodotto e mandato in onda una serie tv basata sulla vita di Sweeney, serie dove si da per scontato che l’uomo abbia ucciso la moglie. Ho trovato questa storyline oltre che mal gestita solo un modo per dare un nuovo gettone di presenza a Dylan Baker, attore eccellente ma che sarebbe giusto scomodare solo quando veramente si ha una sceneggiatura sensata e non certo per fargli interpretare la macchietta. Se non bastasse Diane e Cary sono troppo sullo sfondo sia in questo episodio ma anche in quello passato; risolta la questione Cary, mi sembra assurdo e controproducente respingere così sullo sfondo i due che sono, di fatto, i co-protagonisti ma che si sono ritrovati ad avere a malapena una battuta a testa, a questo punto mi viene da pensare che i rumors che descrivono Juliana Marguiles una “diva” che pretende di essere la prima donna dello show abbiano un fondamento!
The Good Wife_613-4A questo proposito ormai la storyline di Kalinda viaggia su un binario solitario, le sue vicende sembrano raccontate in uno spin off dentro la serie, non so quanto sia stato saggio anticipare con tanto preavviso la sua uscita di scena. Vediamo Kalinda costretta a ripagare il suo debito a Bishop facendoci credere che la sua fine, più o meno definitiva, venga da lì ma con The Good Wife non si può mai sapere!
Come dicevo all’inizio della recensione, questo è un episodio sottotono e per certi versi anche noioso sicuramente non un bel modo per tornare dalla pausa, confido nei prossimi episodi perché a The Good Wife perdoniamo tutto, o quasi!

Per restare sempre aggiornati su The Good Wife, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Good Wife Italia

Comments
To Top