fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

The Good Wife: recensione dell’episodio 5.18 – All Tapped Out

Mi aspettavo un altro episodio con una Alicia sottotono e invece verso metà qualcosa dentro di lei è scattato: Alicia è tornata! Scoprire di essere sotto sorveglianza dell’NSA scatena la furia dentro di lei.

thegoodwife_518_coverRitorna la trama con i ragazzi della NSA ma questa volta, sfortunatamente, è meno divertente. Negli scorsi episodi le scenette tra i due ragazzi impegnati nel monitorare le conversazioni di Alicia risultavano brillanti e curiose mentre in questo episodio la trama è più profonda e tralascia questi aspetti che in passato, personalmente, avevo apprezzato.

Ma tornando ad inizio episodio, Alicia è ancora depressa e Cary e Clark decidono di non poter più aspettare il suo ritorno per poter prendere alcune decisioni e si comportano autonomamente. La prima è quella di riferire a Diane che Florrick/Agos non è interessata ad un fusione a meno che non vengano garantiti tre anni di profitti provenienti da Chumhum. Mentre Diane valuta l’offerta gli altri avvocati dello studio propongono e approvano la partnership per Louis Canning (il mio amato Michael J. Fox). Lockhart/Gardner diventa quindi Lockhart/Gardner & Canning. Diciamo che ci hanno illuso di un possibile riavvicinamento tra Diane e Alicia (e quindi di Alicia e Kalinda) per poi cambiare rotta nel giro di pochi minuti.

thegoodwife_518_1Sarà però interessante vedere come Louis cercherà di conquistare terreno all’interno dello studio. Per ora sembra avere in pugno Kalinda, ma tutti sappiamo che Kalinda è una cane pazzo e nessuno può governarla, e sembra avere cattive intenzioni nei confronti di Diane anche se in realtà le viene in soccorso liberandosi di alcuni accordi fatti da Will prima della sua morte.

I momenti più divertenti di questo episodio sono comunque legati a Jeff, il ragazzo dell’NSA che si rivolge (spiegatemi con quale motivazione) proprio allo studio Florrick/Agos per essere difeso. Come ha potuto pensare che non sarebbe uscito fuori, in qualche modo, che Alicia è spiata telefonicamente? E non solo Alicia. La copertura vale fino a tre gradi di separazione da Alicia. Quindi chiunque abbia parlato con lei e chiunque abbia parlato con queste persone è sotto osservazione.

thegoodwife_518_2

Nonostante il suo rapporto ormai compromesso con Peter è chiaro per Alicia che questa scoperta vada subito condivisa con il marito e con Eli che sembra avere la pessima abitudine di dire cose compromettenti via telefono. Vedere Alicia e Peter comportarsi in modo così freddo tra di loro è veramente triste e la reazione di Peter e le conseguenti azioni che intraprende per fermare  la sorveglianza in atto nei suoi confronti e nei confronti della moglie, sia per quanto riguarda i loro aspetti privati ma soprattutto per quelli professionali, dimostrano quanto in realtà tenga ancora molto ad Alicia.

La chiamata con l’amico senatore che lavora alla sicurezza interna è magistrale e degna di Eli. E in effetti Eli, presente durante la chiamata trabocchetto che poterà all’annullamento della sorveglianza, è incredulo e dimostra tutto il suo apprezzamento in un inchino accompagnato dalla frase “non sono degno di voi”. Spettacolare.

thegoodwife_518_3Se Peter ha la sua rivincita personale con questa chiamata, Alicia ha la sua nella linea difensiva che adotta per Finn, che l’ufficio del procuratore vuole usare come capro espiatorio per il caos di Jeffrey Grant. Dopo aver scoperto dell’NSA la sua linea di difesa diventa più che altro una linea di attacco basata sull’interpretazione delle lettere GD (acronimo per general detention che gli accusati volevano fare credere stesse per “going down”).

La parte davvero triste dell’episodio è vedere Peter e Alicia prenotare la rispettiva presenza agli eventi di rappresentanza l’uno dell’altra. Quanto potranno andare avanti così? Ha senso per loro vivere una relazione finta senza sentimenti?

Per restare sempre aggiornati su The Good Wife, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Good Wife Italia

5.18 - All Tapped Out

Sotto stretta sorveglianza

Valutazione globale

User Rating: Be the first one !

Micra

Fondatore - Trentina, social and serial addicted. Nominata santa padrona del canederlo e adepta alla sacra arte del parampampoli. Lavora come Project Manager per un'agenzia di comunicazione.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Non sono ancora riuscita a vedere la puntata, questa volta non ho voglia di “spremere le meningi” e ho deciso di aspettare i subs in italiano, grazie per la recensione molto chiara, grazie soprattutto di non scrivere interi pezzi in inglese (io seguo anche un altro sito e certo lì si sprecano, ma dico io siamo in Italia no? e allora scrivete in italiano 🙂 ), perciò grazie anche per questo.
    Una domanda: ma come mai ci mettono così tanto ad uscire i subs?

  2. In questa 18°puntata: la Lockart &Gardner si fonde con Canning diventando così : la Lockart & Gardner and Canning, mentre Alicia difende con successo Pollmar, alla Florrick &Agos si presenta un ragazzo che lavora alla Nsa perchè ha bisogno di essere difeso e così Alicia e Cary scoprono che tutti loro sono intercettati e Alicia informa pure Peter (anche lui è intercettato) che tramite un senatore con “le cattive” fà chiudere l’indagine dell’ Nsa sia su di lui che su Alicia, infine loro due “studiano” i rispettivi appuntamenti e cene di lavoro futuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio