fbpx
Following (The)

The Following: recensione dell’episodio 2.07 – Sacrifice e 2.08 – The Messenger

Joe e Lily hanno litigato. Direi che è ufficiale. Adesso Joe è alla disperata ricerca di un nuovo gruppo di amici/followers che lo facciano nuovamente sentire come un dio. A quanto pare la soluzione migliore, secondo lui, è quella di entrare a far parte di un altro culto solo che Joe si ritroverà per la prima volta ad essere uno dei tanti , invece che essere adorato e accettato.

Questo settimo episodio della seria è stato, a mio avviso, il migliore thefollowing_208_5di quelli visti fin ora. La sceneggiatura è stata non solo sorprendente, ma ha saputo mantenere un livello di attenzione decisamente alto puntando molto sull’azione.

Con questo episodio scopriamo altri omicidi che si affiancano alla figura di Joe: il cacciatore, che rapisce Max per conto di Lily, e Micah, il profeta del nuovo culto, senza ovviamente dimenticarci di Luke, Mark e Lily.

Micah ci spiazza completamente come personaggio, solo nell’episodio 2.08 rivela la sua natura omicida ma già dal primo incontro era risultato chiaro quanto la sua personalità fosse decisamente contraddittoria. Professa amore, rispetto e famiglia e poi recide i polsi delle persone in un rito religioso delirante. Al contrario della moglie, che sembra essere molto razionale anche nella gestione dei propri followers, Micah appare sempre in uno stato di totale eccitazione e sembra prendere le proprie decisioni in modo impulsivo.

The Huntsman, il cacciatore, è invece il peggior incubo di Ryan che tutti ci aspethefollowing_208_1ttavamo arrivasse fin dal primo episodio. Siamo tutti consci della sfiga che segue costantemente Ryan che sembra non avere il diritto di circondarsi di persone amate senza poi vedersele portare via da un pazzo assassino. E invece questa volta gli sceneggiatori ci stupiscono e concedono addirittura a Ryan il ruolo del salvatore. Che Max sia destinata a seguirci fino alla fine della stagione? Staremo a vedere!

thefollowing_208_4Ma la vendetta di Lily era composta da due atti e purtroppo Mike è costretto a vedere l’uccisione di suo padre in diretta video. È chiaro che Mike sta seguendo un percorso intrapreso in passato da Ryan e tutti questi accadimenti non fanno altro che portarlo sempre più nel profondo delle tenebre. La cosa più strana è vedere come Ryan sia preoccupato per questo suo percorso di vendetta e avere vicino questo esempio potrebbe essergli utile per comprendere il suo stesso comportamento e per realizzare che certi limiti non dovrebbero mai essere superati. Inoltre alzi la mano chi aveva capito quello che sarebbe successo a Mike. Fino all’ultimo secondo non lo avevo minimamente preso in considerazione, forse perché ormai siamo talmente abituati al fatto che tutte le vendette siano rivolte unicamente a Ryan da farci sottovalutare il rischio che gli altri membri del team stanno correndo.

Con l’episodio 2.08 aggiungiamo un altro pezzetto al puzzle di The Following e scopriamo il ruolo svolto nelle retrovie dal dottor Strauss (Gregg Henry). Peccato però non aver dato maggiore risalto a questo personaggio che poteva dare, a mio avviso, una visione più allargata di Joe Caroll. Sembra infatti che Joe abbia iniziato a programmare il suo percorso omicida ben prima di diventare un professore e che quindi fin da giovane avesse deciso di circondarsi di persone che un giorno avrebbero potuto essergli utili.

thefollowing_208_2L’FBI assume sempre più un ruolo defilato, soprattutto dopo che il direttore ha concesso a Ryan e al suo team la piena libertà. È sempre più chiaro infatti che qualcuno all’interno dell’FBI comunichi con Joe Caroll e gli fornisca indicazioni precise sulle azioni che stanno per succedere. Il dott. Strauss conferma infatti la presenza di questa spia e ne svela anche il sesso: si tratta di una donna che aveva un rapporto particolarmente stretto con Roderick.

Infine Joe inizia a circuire Micah e a influenzarlo a suo piacimento riuscendo addirittura a rigirarlo contro la moglie che assieme a lui aveva creato il culto. Quanto durerà ancor Micah? Per quale motivo Joe dovrebbe tenerlo in vita?

Questa seconda stagione si sta dimostrando meglio costruita sia a livello di trama sia di recitazione. Se nella prima tutto si reggeva su Kevin Bacon in questi episodio si stanno rivelando sempre più importanti David Chevalier e Stella Musy.

Per restare sempre aggiornati su The Following, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Following Italia (Fox)

Comments
To Top