fbpx
Following (The)

The Following: recensione dell’episodio 2.04 – Family Affair

Cosa rende The Follwing un prodotto da seguire? Mica facile rispondere…

Cosa rende The Following un prodotto da seguire? Non è facile rispondere a questa domanda. Sono quasi propenso a dire che non so proprio rispondere. Perché prendendola in esame da un punto di vista oggettivo, semplicemente è una brutta serie, scritta male, con una premessa banale ma potenzialmente interessante, che si rivela incapace di parlare praticamente di qualsiasi cosa. Se l’obiettivo dovrebbe essere quello di parlare delle perversioni violente delle menti malate, la serie fallisce completamente.

Forse non è questo allora l’obiettivo. Eppure quello del serial killer è un filone molto florido per gli americani (e non solo) e nella maggior parte dei casi scrivere di un assassino seriale serve come pretesto per entrare nel fondo della psiche di questi personaggi così strani, con un senso di macabra curiosità ma animata dal bisogno di capire, di razionalizzare, di arrivare a vedere come queste deviazioni si sviluppano, entrano in contatto con il resto del mondo e lo sconvolgono. Le migliori storie di serial killer sono quelle dove il cattivo viene a fondo analizzato e soprattutto messo in forte contrasto con il resto dell’umanità.

thefollowing-204-04Questo non succede affatto in The Following. Anzi, i follower vengono presentati con un’estrema normalità. Sono personaggi assolutamente tranquilli, che vivono una regolare ed equilibrata vita sociale sia pubblica che privata. Fino a che ogni tanto fanno fuori qualcuno. Ok, Luke e Mark escono da questo schema, ma infatti sono già presentati e percepiti come “malati” anche dagli altri follower. Viene da chiedersi cosa diavolo si aspettano dal pubblico gli autori. Pensiamo a Emma. Cosa volevano trasmetterci con il suo incontro con Joe? Quando si butta pugni al petto, dovevamo forse commuoverci? Dovremmo parteggiare per loro? Dovremmo essere felici che una ragazza si sia unita nuovamente alla persona che ama? Come è possibile farlo quando si tratta di serial killer assolutamente detestabili, che hanno compiuto atti con i quali non si simpatizza affatto? Non citatemi Breaking Bad o Dexter. Nel primo caso si tratta di un malato che si immischia nel mondo della droga e principalmente fa fuori super assassini e Signori della Droga, nel secondo è il serial killer dei serial killer. Entrambi casi che creano degli scrupoli, ma con un senso di giustizia di fondo con il quale empatizzare. Senza considerare il modo in cui sono scritti. E che in entrambi i casi si scava davvero a fondo della loro psicologia.

In The Following tutto questo, semplicemente, non succede. E quindi cosa dovrebbe mai portare lo spettatore a tifare per Joe ed Emma? La freddezza della follia di Luke e Mark potrebbe forse rappresentare l’unico spiraglio rimasto per una decente approssimazione del carattere di un serial killer. Il resto è trasparente, sono fondamenta di cartapesta, senza sapore. Se questo è l’obiettivo della serie, dire che i serial killer sono in realtà davvero uguali a tutti gli altri solo che ogni tanto uccidono, allora si tratta di una premessa sciocca, noiosa, offensiva per lo spettatore e direi quasi anche per la società. In poche parole… mai e poi mai potrei tifare per Emma e quindi una scena costruita con lo scopo di farmi empatizzare con lei è semplicemente una perdita di tempo.

thefollowing-204-02In questo schema Hardy risulta il più sano di tutti e anche la persona per cui ovviamente parteggiare con una certa logica. Decisamente apprezzabile il cambio dalla prima stagione, dove sapevi automaticamente che non sarebbe mai riuscito a inseguire un cattivo perché un relitto umano, mentre adesso è pompato, può correre per ore senza crollare ed è iper attivo. Finalmente. Ci voleva un po’ di energia, perché l’idiozia latente dell’FBI della prima stagione era decisamente frustrante in molti momenti. Vedere Ryan e sua nipote Max che inseguono Gisele è stato certamente il punto più alto dell’episodio, con un bel climax che sfocia in cliffhanger, apprezzabile e che chiude bene la puntata. Certo, vi sfido, qui, seduta stante, a guardare True Detective, poi guardare di nuovo questa scena e avere il coraggio di dire che è bella. True Detective è la dimostrazione di quale sia il modo giusto di parlare di queste cose, staccando con cattiveria con Hardy e compagnia bella.

Tutto ciò che ho scritto fino ad ora è quello che penso, fortemente e intimamente. Eppure.

thefollowing-204-03Eppure c’è qualcosa che mi tiene lì a seguire questa serie che fin dall’anno scorso è decisamente diventato il mio guilty pleasure numero uno. Probabilmente deriva dal fatto che la crew della serie fa il suo compitino e si porta a casa il risultato di puntata in puntata? La regia è a servizio della storia, non è ispirata ma non infastidisce né irrita. La fotografia non fa gridare al miracolo ma è pulita e rispetta gli standard qualitativi alti della tv americana. Il montaggio è buono, serrato al punto giusto, contribuendo a farne un thriller ritmicamente decente. Saranno forse gli attori? Kevin Bacon è assolutamente ottimo, lavora benissimo con quello che gli viene dato nonostante la ripetitività di alcune situazioni in cui si incupisce a casa da solo o si risveglia di soprassalto nel proprio letto (come on… really?). Anche il resto del cast funziona bene, compreso Sam Underwood con la sua duplice interpretazione dei fratelli gemelli. Si vede che interpretargli gli dà gusto, recita con tutto quello che ha e gioca fino in fondo, nel senso letterale del termine play a cui la recitazione inglese sempre si riferisce.

Forse è il fatto che in fin dei conti, come mi è capitato di scrivere l’anno scorso riguardo la prima stagione, The Follwing si lascia guardare semplicemente perché si lascia guardare. Perché non punta più in alto, perché vuole essere una serie di azione, un thriller all’americana classico, che intrattiene e fa passare senza troppi coinvolgimenti emotivi un’ora di air time inclusi i tre cluster pubblicitari. Con gente che a in giro a pugnalare altra gente a caso. Perché.. dai… tanto è The Following.

Per restare sempre aggiornati su The Following, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Following Italia (Fox)

Comments
To Top